Climatizzazione: la guida completa

Climatizzazione: la guida completa

Silvia, Scrittrice e giornalista, Gallipoli

Guida scritta da:

Silvia, Scrittrice e giornalista, Gallipoli

73 guide

Piacevole in estate come in inverno per i modelli reversibili, l'aria condizionata porta una ventata di aria fresca, o di calore, nei nostri interni. Ma come funziona? Quale tipo di condizionatore d'aria è il migliore e per quale potenza e prestazioni? Come deve essere installato? Consigli e spiegazioni in questa guida.

Caratteristiche importanti

  • Tipi di climatizzatore
  • Tipi di climatizzazione
  • La potenza frigorifera
  • Prestazioni energetiche
  • Criteri qualitativi
  • Installazione e manutenzione
Scopri i nostri climatizzatori portatili!

L'essenziale sulla climatizzazione


alt

Simile a un frigorifero, il climatizzatore funziona impiegando un fluido refrigerante per prelevare il calore dell'aria interna ed evacuarlo verso l'esterno. Se scegli un climatizzatore reversibile, il sistema potrà, in modalità riscaldamento, prendere questa volta il calore esterno per restituirlo all'interno dell'abitazione.

Puoi scegliere tra un climatizzatore monoblocco, più economico ma meno potente e più rumoroso, e un climatizzatore split, più potete e capace di raffreddare diverse stanze, però anche più caro.

Bisogna poi considerare diversi criteri, dalla potenza frigorifera, che deve essere adatta alle tue necessità, alle prestazioni energetiche, affinché la climatizzazione sia meno energivora possibile. Senza dimenticare inoltre il livello di rumore o i diversi trattamenti dell'aria.

Allo stesso modo, dovrai tenere conto dei requisiti di installazione, della o delle unità interne ed eventualmente esterne, nonché delle esigenze di manutenzione.

I diversi tipi di climatizzatore

Esistono due grandi gruppi di climatizzatori: i climatizzatori monoblocco e i climatizzatori split.

Il climatizzatore monoblocco


alt

Come suggerito dal nome, il climatizzatore monoblocco è composto da un solo elemento che contiene tutto il circuito frigorifero. Si posiziona nella stanza in cui si desidera prelevare il calore che verrà in seguito espulso all'esterno attraverso una guaina flessibile. La guaina si inserisce in una bocchetta di evacuazione o, in sua mancanza, in uno spiraglio di una porta o di una finestra.

Pensato per le stanze piccole (meno di 30 m²), il climatizzatore monoblocco è economico e facile da installare. Tuttavia, è anche relativamente rumoroso e inadatto al raffreddamento dei grandi ambienti.

Il climatizzatore split


alt

Il climatizzatore split è composto da due unità: un'unità interna che spesso ha la forma di un blocco o di una cassetta murale e un'unità esterna, collegate da tubi di piccolo diametro.

Multisplit: il climatizzatore presenta diverse unità interne per climatizzare ambienti molto grandi o più stanze.

Più discreto e meno rumoroso di un modello monoblocco, un climatizzatore split è anche più potente, sebbene più costoso.

Il climatizzatore reversibile


alt

Il climatizzatore reversibile funziona come un climatizzatore "classico", ma può invertire il ciclo frigorifero per produrre non più aria fredda, bensì calda.

Proprio come una pompa di calore aria-aria, estrae il calore presente nell'aria esterna per rilasciarlo all'interno della o delle stanze. Poiché è molto più complesso, l'installazione deve essere effettuata da un professionista.

Scopri il catalogo ManoMano
Climatizzatore split

Il climatizzatore fisso o portatile

Il climatizzatore fisso


alt

Il climatizzatore fisso rimane nella stessa stanza, non è possibile spostarlo. Nel caso di un climatizzatore split canalizzato, i tubi possono essere messi sotto traccia o nascosti in un controsoffitto, per una discrezione totale.

Il climatizzatore portatile


alt

Il climatizzatore monoblocco e il climatizzatore split possono essere entrambi portatili. Nel primo caso, può essere spostata solo l'unità interna, montata su ruote.Nel secondo caso, sono portatili entrambe le unità, collegate da un tubo flessibile e scollegabile. Tuttavia, un climatizzatore split rimane difficile da spostare.

I criteri per la scelta di un climatizzatore

Tra potenza frigorifera, coefficiente di prestazione, livello sonoro o tasso di deumidificazione, i criteri di scelta sono numerosi e importanti.

Potenza frigorifera adatta al volume da rinfrescare 

La potenza frigorifera di un climatizzatore si calcola in BTU (British Thermal Unit) e si esprime in watt, sapendo che 1 W = 3,414 BTU. Dalla potenza frigorifera dipende la capacità di un climatizzatore di rinfrescare un dato volume.

Se questa potenza è sottodimensionata, il climatizzatore dovrà essere utilizzato più a lungo per una prestazione ridotta. Al contrario, se sovradimensionata, il climatizzatore consumerà inutilmente più energia.

La potenza di cui hai bisogno viene stimata sulla base di un bilancio termico che deve tener conto di tutti i dati, tra cui il volume della stanza, ma anche i materiali delle aperture, l'esposizione al sole, l'isolamento termico, il numero di occupanti, ecc.

Se desideri determinare soltanto la potenza necessaria, ti basti sapere che è richiesta una potenza minima di 100 W per m² o 50 W per m³. Per una stanza di 20 m² con un'altezza al soffitto di 2,5 m, la potenza minima consigliata sarà dunque di 2500 watt (20 x 2,5 x 50).

Gli indicatori di prestazione energetica


alt

Vanno considerati diversi indicatori di prestazione:

  • L'indice di efficienza energetica (EER, Energy Efficiency Rating) è il rapporto tra la potenza elettrica consumata e la potenza frigorifera restituita. Maggiore è l'EER, minore è il consumo di energia elettrica del climatizzatore per raffreddare la stanza.
  • Il coefficiente di prestazione (COP) è il rapporto tra la potenza elettrica consumata e la potenza termica restituita, nel caso di una climatizzazione reversibile. Maggiore è il COP, minore è il consumo di energia elettrica del climatizzatore per riscaldare la stanza.
  • L'etichetta energetica suddivide i climatizzatori in 7 classi, da A a G (o da A+++ a D), dove A (o A+++) è riservata ai modelli meno energivori e G o D ai modelli che consumano di più.

Il livello sonoro

Espresso in decibel (dB), il rumore emesso dal climatizzatore rappresenta un altro criterio da considerare, sapendo che:

  • Il climatizzatore monoblocco è il più rumoroso, con un livello sonoro compreso tra i 50 e i 70 dB. Ciò può essere fastidioso, in particolare durante le ore notturne, poiché 70 dB corrispondono al livello sonoro di una strada molto trafficata.
  • Nel caso di un climatizzatore split, l'unità che contiene il compressore è situata all'esterno. Aggiungi a ciò un livello sonoro compreso tra i 45 e i 55 dB e capirai perché è il meno rumoroso di tutti, anche se può forse disturbare i vicini.

Per un sonno tranquillo, scegli un modello con l'opzione silenzio, anche chiamata "silent" o "sleep". Riducendo progressivamente la potenza dell'apparecchio, diminuisce inoltre il rumore che scende sotto ai 20 dB, ovvero il rumore di una conversazione a bassa voce.

Il trattamento dell'aria


alt

La climatizzazione non si accontenta di raffreddare l'aria:

  • I climatizzatori agiscono anche come deumidificatori; il tasso di umidità assorbito varia da modello a modello ed è espresso in litri al giorno (l/g): maggiore è questo tasso, migliore sarà la deumidificazione.
  • Alcuni modelli sono dotati di filtri dell'aria per eliminare gli odori (filtro a carboni attivi), i batteri e le polveri (filtro elettrostatico).
  • Le modalità di ventilazione permettono di utilizzare il climatizzatore come semplice ventilatore, senza raffreddamento.
  • La modalità ionizzazione utilizza gli ioni negativi per purificare l'aria circostante.

Il telecomando


alt

Il telecomando è un dispositivo molto pratico che ti consente di controllare il climatizzatore a distanza, senza doverti spostare.

Scopri il catalogo ManoMano
Climatizzatore

L'istallazione e la manutenzione di un climatizzatore


alt

Per installare correttamente un climatizzatore, le unità interne, e eventualmente l'unità esterna, devono essere posizionate correttamente per offrirti un comfort ottimale.

Il condizionatore non deve soffiare aria fredda direttamente su di te. La o le unità interne split e murali devono essere fissate il più in alto possibile, senza ostacolare la circolazione dell'aria. Tuttavia, devono restare sufficientemente accessibili per agevolarne la manutenzione.

Per installare correttamente l'aria condizionata, l'unità interna (o le unità interne) ed eventualmente l'unità esterna devono essere ben posizionate per offrire un comfort ottimale.

Il climatizzatore non deve soffiare aria fredda direttamente su di voi. Le unità interne divise a parete devono essere montate il più in alto possibile senza ostacolare la circolazione dell'aria. Tuttavia, devono rimanere sufficientemente accessibili per una facile manutenzione.

Scegliere correttamente il posizionamento dell'unità esterna


alt

L'unità esterna deve essere posizionata all'aria aperta (e non in un capanno o al riparo), ma protetta dal sole e dai venti dominanti. A causa del rumore, evita di installarla troppo vicino alle camere o diretta verso i vicini.

La manutenzione di un climatizzatore


alt

Per il buon funzionamento della climatizzazione, è indispensabile una manutenzione regolare, tanto della o delle unità interne quanto dell'unità esterna. I filtri dell'aria devono essere puliti con regolarità, il ventilatore deve essere spolverato e la cassetta per il recupero dell'acqua deve essere svuotata.

Scopri i nostri climatizzatori portatili!

Guida scritta da:

Silvia, Scrittrice e giornalista, Gallipoli, 73 guide

Silvia, Scrittrice e giornalista, Gallipoli

Dopo 10 anni di lavoro come addetto stampa per un’importante società d’ingegneria, ho deciso di unire la mia esperienza professionale e la mia passione per la scrittura entrando nel giornalismo freelance e nella redazione a tempo pieno. Eclettica sia nei gusti che nella scrittura, in me convivono grandi passioni come la scienza e la storia, ma soprattutto l’interesse per la decorazione e il fai-da-te. Su questi argomenti, apparentemente così diversi, scrivo ormai da quasi vent’anni, devo dire con un discreto successo, probabilmente perché i miei articoli sono la cronaca dei lavori e dell’esperienza maturata nel corso della totale ristrutturazione di una vecchia masseria nel cuore del Salento. Esperienza che vorrei condividere con te attraverso i miei suggerimenti.

I prodotti collegati a questa guida