Come abbattere un albero

Come abbattere un albero

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

Guida scritta da:

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

108 guide

L'abbattimento di un albero si fa con una motosega, cunei, mazze e protezioni individuali come guanti, casco, ecc. È necessario eseguire un'incisione a 45° e una orizzontale per formare una tacca necessaria ad orientare la direzione di caduta dell'albero. La sramatura permette poi la depezzatura completa dell'albero.

Caratteristiche importanti

  • Osservazione dell'ambiente circostante
  • Sistemazione dello spazio di lavoro
  • Abbattimento dell'albero
  • Sramatura
Scopri le nostre motoseghe!

Abbattere un albero: un'operazione delicata

L'abbattimento di un albero è un'operazione che viene eseguita per varie ragioni:

  • l'albero è diventato troppo grande;
  • l'albero è malato;
  • il terreno necessita di una risistemazione;
  • per fare legna da ardere.

L'abbattimento può essere necessario se c'è pericolo di caduta dell'albero dopo una tempesta o forti venti. Ma tagliare un albero non è affatto un gioco da ragazzi, al contrario, si tratta di un'operazione non priva di rischi, in particolare per chi non ha molta dimestichezza nell'uso di una motosega.Qui di seguito è descritta una normale operazionedi abbattimento di un albero in una situazione di non particolare complessità.

Fasi della realizzazione

  1. Osservazione dell'ambiente circostante
  2. Sistemazione dello spazio di lavoro
  3. Abbattimento dell'albero
  4. Sramatura

Competenze richieste


alt

Prima di tutto, devi avere una certa dimestichezza con l'uso di una motosega e con la necessaria manutenzione: saper affilare una catena e tenderla in maniera corretta. Poi, prima di cimentarti nell'abbattimento di un grosso albero, è essenziale che tu abbia fatto pratica su piante di diametro più contenuto.

Tempi di realizzazione


alt

Molto variabili: da 1 a 4 ore a seconda delle dimensioni dell'albero.

Numero di persone


alt

Preferibilmente 2 persone: 1 sul cantiere e 1 a distanza ma a vista (in caso di problemi).

Strumenti e materiali di consumo


alt
  • Motosega con potenza e lunghezza della barra o lama adeguate alla circonferenza dell'albero.
  • Leva di abbattimento o, per gli alberi più grandi, 2 o 3 cunei in plastica o alluminio. Non usare cunei in ferro perché potresti danneggiare la catena della motosega se questa dovesse urtarli accidentalmente.
  • Mazza
  • Roncola

Dispositivi di protezione individuale


alt
  • Casco da cantiere
  • Calzature di sicurezza
  • Abbigliamento da lavoro e pantaloni antinfortunistici
  • Casco con visiera protettiva o occhiali di protezione
  • Guanti di protezione
  • Otoprotettori

Questa lista non è esaustiva, i dispositivi di protezione individuale vanno adeguati ad ogni attività lavorativa.

Scopri il catalogo ManoMano
Roncola

Abbattere un albero: video tutorial

1. Osservazione dell'ambiente circostante


alt

L'osservazione dell'ambiente circostante rappresenta una fase molto importante perché permette di determinare la direzione di caduta dell'albero in base a due fattori principali.

  • Il portamento dell'albero e la sua tendenza naturale a pendere da una parte, o ad avere una ramificazione più fitta da un lato piuttosto che dall'altro, aspetti che influenzano la direzione di caduta.
  • L'ambiente circostante, su un'area di raggio uguale all'altezza dell'albero, per individuare i vari ostacoli o i problemi da evitare al momento della caduta, ad esempio: la presenza di altri alberi, di un edificio, di una strada, di una linea elettrica, ecc.

Devi anche tener conto del vento e delle irregolarità del terreno, che possono causare la rottura, il rotolamento o il rimbalzo dell'albero. Se hai il minimo dubbio che la direzione di caduta dell'albero possa provocare danni materiali o bloccare una strada, ti conviene rivolgerti a un professionista.

2. Sistemazione dello spazio di lavoro


alt
  • Libera l'area intorno all'albero nella direzione prevista per la caduta.
  • Dal lato opposto a quello di caduta, libera anche uno spazio sufficiente a creare una via di fuga.
  • Taglia tutti i rami bassi fino ad un'altezza di 1,50 m.

3. Abbattimento dell'albero

L'intaglio di direzione


alt

Sul lato scelto per la caduta, pratica una tacca; prima di tutto effettua un taglio obliquo di almeno 45° su una profondità compresa fra 1/3 e 1/4 del diametro del tronco, segando dall'alto verso il basso.

Poi, pratica un taglio orizzontale sotto questo primo taglio, fino ad intersecare il taglio obliquo. Si formerà un cuneo di legno che ti basterà rimuovere.

Il taglio di abbattimento


alt

Dalla parte opposta dell'intaglio di direzione e 3 cm più in alto dello stesso, esegui un taglio orizzontale: è il taglio di abbattimento detto anche taglio di caduta. Man mano che questo taglio si avvicinerà all'intaglio di direzione, si aprirà progressivamente, e l'albero si inclinerà in avanti. È proprio in questo momento che il taglialegna, non distogliendo mai lo sguardo dal tronco, deve retrocedere, ovvero deve smettere di segare e spostarsi di parecchi metri per lasciar cadere l'albero.

Non appena la barra della motosega è avanzata sufficientemente, inserisci un cuneo nella linea di abbattimento, per evitare che la barra della motosega si inceppi.

Attenzione! Prima di cadere un albero può piegarsi e ruotare e su sé stesso modificando la direzione di caduta prevista.

4. La sramatura


alt

Una volta a terra, procedi alla sramatura, cioè al taglio di tutti i rami. Questa operazione necessita in genere di più tempo rispetto all'abbattimento vero e proprio.

Per cominciare rimuovi la chioma dell'albero, tutti i rametti che sostengono le foglie e infine taglia i rami più grossi. Questa fase è rischiosa tanto quanto quella dell'abbattimento, poiché delle tensioni sui rami potrebbero provocare dei movimenti a «catapulta» estremamente pericolosi, dei contraccolpi della barra della motosega, l'inceppamento della catena, ecc.

La potatura sarà più agevole se usi una motosega con barra corta (da 10 a 15 pollici).

Se il tronco o i rami poggiano di peso a terra, esegui un taglio nella parte superiore, su circa un terzo del diametro, poi finisci di tagliare dal basso; in questo modo eviterai che la catena si incastri.

Lavora sempre con una catena ben affilata: i trucioli di legno devono essere netti. Quando iniziano a diventare troppo sottili (simili a segatura) significa che la catena ha bisogno di essere affilata.

Scopri le nostre motoseghe!

Guida scritta da:

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria, 108 guide

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

Alto come un soldo di cacio, già lavoravo nel giardino di famiglia. Forse è da lì che è nato il mio interesse per le piante e il giardinaggio. Era quindi logico per me seguire degli studi sia di biologia vegetale che di agraria. Accogliendo la richiesta di diversi editori, ho scritto in 25 anni numerosi libri sulla tematica delle piante, dei funghi (argomento che mi è a cuore), essenzialmente delle guide per il riconoscimento all’inizio, ma presto anche in seguito, sul giardinaggio, riallacciandomi così alla prima passione della mia infanzia. Ho anche collaborato regolarmente con diverse riviste specializzate nell’ambito del giardinaggio o più in generale della natura. Siccome non c’è giardiniere senza giardino, è in un piccolo angolo dell’Umbria che coltivo il mio da 30 anni e dove metto in pratica i metodi di coltura che vi consiglio.

I prodotti collegati a questa guida