Come cambiare l'olio di un tosaerba?

Come cambiare l'olio di un tosaerba?

Michele, Saldatore professionista e di passione, Sardegna

Guida scritta da:

Michele, Saldatore professionista e di passione, Sardegna

82 guide

Parte integrante della manutenzione, il cambio d’olio di un tosaerba è indispensabile e spesso previsto dopo 50 ore di funzionamento o una volta all’anno. L’olio viene tolto dal basamento del motore e poi sostituito. Martinetto per tosaerba, imbuto, contenitore di svuotamento… ecco il cambio d’olio di un tosaerba in 10 fasi!

Caratteristiche importanti

  • Numero di ore di utilizzo
  • Pompa di svuotamento
  • Olio di svuotamento
Scoprite i nostri tosaerba!

Perché cambiare l’olio ad un tosaerba?


alt

Per assicurare la longevità del tuo tosaerba a motore termico, è necessario mantenerlo in un perfetto stato di funzionamento. Tra le varie operazioni, lo svuotamento del motore è quella da realizzare periodicamente seguendo le indicazioni del produttore. A seconda della frequenza delle tosature e del numero di ore di servizio accumulate, l’olio del motore diventa appiccicoso e perde le sue proprietà di copertura e protezione delle parti meccaniche; deve perciò essere sostituito.

I produttori di solito prevedono lo svuotamento ogni cinquanta ore. Se non hai fatto caso al tempo di utilizzo, per sicurezza e per protezione del meccanismo interno, effettua l’operazione di cambio d’olio almeno una volta all’anno prima dell’inverno o in occasione del primo utilizzo dell’anno. Come procedere? Vediamolo insieme.

Scopri il catalogo ManoMano
Olio del motore

Strumenti ed accessori necessari per cambiare l’olio ad un tosaerba

A seconda del modello di tosaerba, il basamento dell’olio si trova in posizioni diverse. Alcuni possiedono un tappo di svuotamento nella parte inferiore, situato sotto al basamento. Molto pratico, è sufficiente svitarlo per svuotare l’olio. Con altri invece, non si ha altra alternativa che scuotere il tosaerba per svuotarlo.

Lista degli strumenti e degli accessori


alt

Pompa di svuotamento dell’olio (manuale o elettrica)

Imbuto

Recipiente dosatore

Martinetto per tosaerba, per le macchine pesanti e grosse

Set di chiavi piatte o a tubo

Chiave per filtro ad olio (se esso è presente)

Filtro ad olio

Contenitore di svuotamento con beccuccio per trasferire nel bidone di riciclaggio

Bidone di recupero per olio usato (destinato alla discarica)

Guanti di protezione

Olio motore di ricambio previsto dal produttore del tosaerba

Guarnizione di svuotamento di rame

Scopri il catalogo ManoMano
Chiave per filtro ad olio

Svuotare bene un tosaerba in 10 fasi

Innanzitutto, se effettui l’operazione di svuotamento su una macchina fredda, devi farla girare per qualche minuto in modo che l’olio del motore si riscaldi e fluidifichi, per essere poi più facile da estrarre. Porta il tosaerba in uno spazio sgombro che avrai precedentemente coperto di giornali o di sabbia prevedendo delle eventuali fuoriuscite di olio.

Svuotare il tosaerba con un tappo di svuotamento presente sotto il basamento


alt

1. Scuoti il tosaerba.

2. Scollega la candela per sicurezza.

3. Non far girare la lama del tosaerba con le mani; se c’è ancora compressione nel cilindro, la lama potrebbe girare e ferirti.

4. Localizza il tappo di svuotamento inferiore e dopo aver posizionato il contenitore di svuotamento al di sotto, svitalo con la chiave adatta.

5. Lascia colare l’olio usato.

6. Rimetti il tappo, e se la guarnizione di svuotamento è usurata o eccessivamente appiattita, sostituiscila. Se il tosaerba è dotato di un filtro ad olio, smontalo con la chiave per filtro e procedi con la sostituzione.

8. Dopo aver rimesso in piedi il tosaerba, con l’imbuto riempi il basamento di olio con la quantità indicata dal produttore.

9. Richiudi il tappo superiore, ricollega la candela e innesca il tosaerba, lasciandolo girare per qualche minuto.

10. Verifica di nuovo il livello di olio e correggi se necessario. Il tosaerba è in seguito pronto per utilizzo.

Svuotare un tosaerba senza tappo di svuotamento sotto il basamento


alt

La maggior parte dei tosaerba non possiede il tappo di svuotamento inferiore. In questo caso, lo svuotamento è più delicato in quanto bisogna capovolgere il tosaerba per cambiare l’olio. Se il tuo tosaerba è pesante, utilizza un martinetto per tosaerba.

Non ci ricordiamo mai di utilizzare una pompa di svuotamento, tuttavia questo accessorio geniale, manuale o a pile, poco costoso, ci facilita di molto il lavoro. Infatti, per svuotare completamente il tosaerba, bisogna inclinare molto la macchina. Ma se si inclina troppo, dell’olio rischia di penetrare nel cilindro e uscire dal tubo di scappamento.  Se ti succede ciò, non preoccuparti. All’avvio del tosaerba, si verrà a creare una nuvola enorme di fumo che bisogna far evacuare per diversi minuti! Se utilizzi una pompa di svuotamento, non avrai questo problema.

Una volta svuotato il basamento dell’olio, versa l’olio adatto al motore, senza superare la dose prescritta e senza dimenticarti di sostituire il filtro ad olio, se il tuo tosaerba ne è munito.

Se hai messo troppo olio, svuota la parte in più. Troppo olio nel motore provoca un surriscaldamento e una lubrificazione scorretta del meccanismo interno, che rischia di rompere il motore. Non dimenticarti di riavvitare il tappo superiore alla fine dell’operazione.

Olio usato

I bidoni con l’olio, la sabbia intrisa o i giornali impregnati sono da portare alla discarica per essere riciclati.

Scopri il catalogo ManoMano
Olio adatto al motore

Per saperne di più

Per conoscere i diversi strumenti indispensabili per la cura del giardino e dell'orto, consulta le guide dei nostri redattori:

Scoprite i nostri tosaerba!

Guida scritta da:

Michele, Saldatore professionista e di passione, Sardegna, 82 guide

Michele, Saldatore professionista e di passione, Sardegna

Ho acquisito una formazione da carrozziere, da tubista/saldatore e dopo aver percorso per trentacinque anni cantieri italiani e belgi, sono diventato responsabile di una caldareria poi progettista, tecnico responsabile di progetti per poi finire come capo responsabile dei progetti. In pensione, ho sistemato e attrezzato un laboratorio in cui realizzo sculture metalliche: sono riuscito a combinare e sistemare un angolo di paradiso dove amo lasciare libero spazio alla mia immaginazione. Sfasciacarrozze e mercatini dell’usato non hanno più segreti per me: ci trovo oggetti insoliti e vecchi attrezzi che colleziono o trasformo in oggetti d’arte. Amo anche la decorazione, la pittura su tela e il giardinaggio. Seguo l’evoluzione delle nuove tecnologie riguardanti gli attrezzi. Condividere con voi la mia passione e consigliarvi con umiltà nelle scelte di materiale è un vero piacere.

I prodotti collegati a questa guida