Come cambiare la sabbia del filtro della piscina

Come cambiare la sabbia del filtro della piscina

Michele, Saldatore professionista e di passione, Sardegna

Guida scritta da:

Michele, Saldatore professionista e di passione, Sardegna

82 guide

Il buon funzionamento del sistema di filtrazione della piscina riduce l'utilizzo di prodotti come chiarificante, flocculanti, ecc... e garantisce un'acqua limpida con il giusto pH. La sabbia, la zeolite o le perline di vetro sono gli elementi filtranti del filtro a sabbia della piscina.

Caratteristiche importanti

  • Svuotamento
  • Riempimento
  • Rimontaggio
  • Prova
Scopri i nostri filtri a sabbia!

Filtro a sabbia: principio di funzionamento


alt

Il filtro a sabbia, come indica il nome stesso, serve a filtrare e renderechiara e limpida l'acqua della tua piscina.

È costituito da un serbatoio sufficientemente voluminoso a forma di campana e da valvole a più vie, chiamate condotto, il cui scopo è di assicurare il buon funzionamento del circuito di filtrazione. La combinazione di queste valvole permette inoltre di:

  • isolare il filtro per rimuovere la sabbia;
  • eseguire un ciclo di contro lavaggio (backwash) regolando opportunamente i rubinetti.

Il monitoraggio dell'apparato di filtrazione da piscina deve essere preso molto sul serio, altrimenti l'acqua si potrebbe intorbidire rapidamente e l'equilibrio dell'acqua potrebbe essere minacciato. La massa di sabbia è quindi attraversata costantemente dall'acqua che proviene dagli skimmer e poi rilasciata al livello degli ugelli di riempimento.

Scopri il catalogo ManoMano
Skimmer

Intasamento del filtro a sabbia


alt

Se il tuo filtro è dotato a monte e a valle di manometri, questi devono indicare una pressione quasi uguale. Una grande differenza tra i due manometri indica che il filtro è intasato, il che significa che non svolge più le sue funzioni di base.Se disponi di un solo manometro ed esso indica una pressione troppo alta, è perché è presente un problema. Spesso un degradamento del pH indica anche un malfunzionamento della filtrazione. Se hai effettuato un contro lavaggio (backwash) e non è cambiato niente, non fare altri tentativi: è giunto il momento di sostituire la sabbia contenuta nella campana.

Scopri il catalogo ManoMano
Manometri

Come riconoscere una sabbia deteriorata nel suo filtro a sabbia


alt

La sabbia è un elemento naturale che si deteriora nel corso del tempo. Attraversati dall'acqua, i granelli vengono erosi e si levigano urtando tra di loro come i ciottoli sulla riva del mare. Diventano meno performanti e perdono a poco a poco la loro capacità di filtrazione.

La frequenza di sostituzione della sabbia può variare in funzione del costruttore (durata del filtro), ma anche e soprattutto in base alla proprietà dell'acqua e alla presenza di impurità e scorie accumulate nel periodo di non utilizzo. Se non si rileva un qualche malfunzionamento, occorre procedere alla sostituzione ogni 2 o 3 anni.I granelli di sabbia trattengono tutti i corpi estranei che attraversano il filtro, ma anche il calcare. Se non hai mai utilizzato flocculanti e prodotti anticalcare dedicati, si formeranno all'interno della massa di sabbia, grumi, sassolini e piccoli blocchi difficili da ridurre in frantumi. Può darsi che troverai un po' di sabbia sul fondo della tua piscina, un segno negativo. Non aspettare oltre: è ora di sostituire la sabbia.

Scopri il catalogo ManoMano
Sabbia
Scopri il catalogo ManoMano
Sabbia
Scopri il catalogo ManoMano
Sabbia

Sostituire la sabbia del filtro a sabbia in 3 passaggi

1. Svuotamento


alt

Isola il filtro e chiudi le valvole del condotto. Scarica l'acqua contenuta nel serbatoio a forma di campana. Apri il coperchio del filtro per accedere alla sabbia. Con l'aiuto di un piccolo recipiente, estrai la massa di sabbia avendo cura di non danneggiare i candelotti che si trovano spesso sul fondo del filtro.

Completa lo svuotamento e rimuovi la sabbia residua dallo sfiato sul fondo del filtro con un getto d'acqua. Pulisci le pareti interne del filtro (possono essere lisce o rigate) con un spazzola o un panno idoneo. Esegui un ultimo lavaggio, poi richiudi lo sfiato.

2. Riempimento


alt

Se hai rimosso il filtro, rimettilo al suo posto prima di riempirlo così sarà più leggero. Proteggi le tubature e i rubinetti con una pellicola in plastica per evitare di cospargerli di sabbia. Per proteggere i candelotti, versa un po' d'acqua sul fondo del filtro al fine di ammortizzare la caduta della sabbia.

Riempilo unicamente con sabbiaspecifica per piscina. È possibile variare la granulometria versando sul fondo della ghiaia (ad esempio da 2 a 4 mm) e nella parte superiore della sabbia più fine (ad esempio da 0,4 mm). Altra soluzione: riempilo tutto con sabbia di granulometria intermedia (ad esempio da 0,6 mm).Se sei un perfezionista, puoi sostituire la sabbia con dei granuli di zeolite (minerale vulcanico). Questo materiale è più performante e caro ma con vantaggi quali un risparmio non trascurabile a livello di prezzo di acquisto di prodotti per la manutenzione quali chiarificanti e flocculanti.

Le biglie di vetro sono anch'esse una variante interessante per sostituire la sabbia (backwash meno frequenti, risparmio d'acqua).

3. Assemblaggio e collaudo


alt

Il coperchio è fissato, la tenuta stagna è assicurata. La pompa è in funzione. Apri la valvola di alimentazione dell'acqua per riempire il filtro. Apri la valvola di uscita lentamente per non provocare turbolenze accidentali nella massa di sabbia ed evacuare l'aria residua. La circolazione dell'acqua è dunque ristabilita. Verifica la pressione con i manometri. Nessuna differenza? Significa che hai lavorato bene. Dopo qualche ora, puoi verificare il livello della sabbia ed aggiungerne un po' se necessario.

Vantaggio della manutenzione del filtro a sabbia

L'operazione richiederà una o due ore, ma questo intervallo permette di mantenere un livello di pH, TAC e TH necessario per un’acqua di buona qualità.

Scopri il catalogo ManoMano
Chiarificanti

Scopri i nostri filtri a sabbia!

Guida scritta da:

Michele, Saldatore professionista e di passione, Sardegna, 82 guide

Michele, Saldatore professionista e di passione, Sardegna

Ho acquisito una formazione da carrozziere, da tubista/saldatore e dopo aver percorso per trentacinque anni cantieri italiani e belgi, sono diventato responsabile di una caldareria poi progettista, tecnico responsabile di progetti per poi finire come capo responsabile dei progetti. In pensione, ho sistemato e attrezzato un laboratorio in cui realizzo sculture metalliche: sono riuscito a combinare e sistemare un angolo di paradiso dove amo lasciare libero spazio alla mia immaginazione. Sfasciacarrozze e mercatini dell’usato non hanno più segreti per me: ci trovo oggetti insoliti e vecchi attrezzi che colleziono o trasformo in oggetti d’arte. Amo anche la decorazione, la pittura su tela e il giardinaggio. Seguo l’evoluzione delle nuove tecnologie riguardanti gli attrezzi. Condividere con voi la mia passione e consigliarvi con umiltà nelle scelte di materiale è un vero piacere.

I prodotti collegati a questa guida