Come diserbare in modo naturale e senza prodotti chimici

Come diserbare in modo naturale e senza prodotti chimici

Chiara, micro-imprenditrice nel giardinaggio, Salento

Guida scritta da:

Chiara, micro-imprenditrice nel giardinaggio, Salento

48 guide

Estirpare manualmente le erbacce o utilizzare il pacciame per controllare la crescita delle infestanti? Zappa, sarchiatrice, macerato di ortica o erbicida termico sono strumenti e procedure per diserbare in modo ecologico come alternativa agli erbicidi chimici come il glifosato.

Caratteristiche importanti

  • Diserbo manuale
  • Diserbo selettivo
  • Vantaggi e svantaggi
  • Limitare l'apparizione di erbacce
Scopri i nostri diserbanti termici ed elettrici!

Erbacce: non poi così cattive


alt

Nell’orto, in giardino, nel prato o nei vialetti di casa, alcune erbe crescono in maniera spontanea senza che nessuno le abbia invitate. I trattamenti più radicali contro l’invasione di erbe infestanti sono i diserbanti chimici. Ma questi rappresentano anche la soluzione più costosa e meno ecologica.Gli effetti sull’ambiente e sulla salute dei diserbanti chimici sono stati ampiamente dimostrati. È perciò arrivato il momento di adottare, per quanto possibile, soluzioni ecologiche ed economiche. Le soluzioni totalmente naturali e adatte ad ogni situazione per sbarazzarsi delle piante infestanti nel rispetto della natura, in giardino o nell’orto, sono molte.

Svantaggi e vantaggi delle erbe infestanti

Nell’orto, le erbe infestanti presentano tre svantaggi principali:

  • le infestanti sono in competizione con le piante coltivate;
  • a seconda della dimensione, possono privare le altre piante di luce;
  • le infestanti sottraggono al terreno gli elementi nutritivi che non saranno, perciò, più disponibili per le altre coltivazioni.

Le erbacce offrono però anche tre vantaggi principali:

  • permettono di arieggiare il terreno grazie alle radici;
  • la loro decomposizione è una fonte di elementi nutritivi utili alle altre piante che possono essere aggiunti al compost;
  • sono un prezioso indicatore di salute del suolo (eccessi, mancanze, squilibri ecc.).

Le erbe infestanti non hanno perciò niente di cattivo se non la reputazione. Presentano sia vantaggi che inconvenienti e possono anche rivelarsi commestibili. Per esempio, la portulaca è buonissimaaggiunta all’insalata.

Il diserbo naturale dell’orto

Quattro modi per limitare lo sviluppo di infestanti nell'orto

1. La pacciamatura


alt

La pacciamatura consiste nel ricoprire il terreno circostante le coltivazioni con paglia o qualsiasi altro materiale che sia opaco e permeabile. L’obiettivo è quello di impedire ai semi delle erbacce di sfruttare la luce per svilupparsi. L’acqua deve comunque poter penetrare nel terreno per essere assorbita dalle coltivazioni.

2. La zappatura o sarchiatura


alt

Questa lavorazione si effettua con una zappa o un sarchiatore. Lo scopo è quello di rimuovere manualmente le erbacce e rompere la crosta superficiale del terreno per farlo arieggiare.

3. Piantare in maniera più fitta 


alt

Avvicinando le piante, lo spazio disponibile per lo sviluppo delle infestanti è minore ma fai attenzione a rispettare le distanze necessarie ai bisogni della pianta.

4. La plastica nera


alt

Questa tecnica è una variante della pacciamatura e ne segue gli stessi principi. È meno ecologica rispetto alla pacciamatura, ma anche più costosa e particolarmente antiestetica. Da utilizzare quindi come ultimo rimedio.

Due consigli per limitare l’apparizione di erbacce nell’orto 

  1. Rimuovere le erbacce prima della germinazione, alla fine dell’inverno o all’inizio della primavera.
  2. Utilizzare un terriccio garantito senza erbacce e acquistare piante di qualità.

Diserbo naturale del prato e dei vialetti

Il diserbo del prato è più delicato perché la coltivazione è molto densa e ogni azione di diserbo lascia dei buchi brutti da vedere. È quindi necessario fare ricorso ai metodi adatti allo scopo.

Ci sono a disposizione due grandi tecniche ecologiche per sopprimere le erbacce del prato.

Diserbo manuale


alt

Si tratta di rimuovere le erbe indesiderate e le loro radici con le mani o utilizzando un estirpatore. L’operazione è abbastanza impegnativa ma più ecologica.

Scegli un estirpatore manuale telescopico per evitare il mal di schiena!

Diserbo selettivo


alt

Come il nome lascia intendere, questa tecnica concentra i suoi effetti sulla pianta da eliminare senza rovinare quelle circostanti. Può essere realizzata con prodotti chimici o con prodotti naturali, come i macerati (di ortica, di angelica, ecc.). È inoltre possibile procedere a un diserbo selettivo facendo ricorso ad un pirodiserbante, chiamato anche diserbante termico. Questo si presenta sotto forma di una lunga pistola alimentata a gas (butano/propano) o a elettricità. Il principio di questo strumento è quello di produrre una fiamma da puntare direttamente sulla pianta infestante. Lo shock termico uccide le cellule della pianta che deperisce quindi rapidamente. Il pirodiserbo è una soluzione sostenibile.

Il diserbo manuale e selettivo è inoltre adatto al diserbo dei cortili, dei vialetti e degli orti.

Due consigli per limitare l’apparizione delle erbacce nel prato

Investire in un’erba di qualità. La scelta della varietà e della qualità dell’erba è determinante. È meglio selezionare un tipo d’erba resistente e a bassa manutenzione e diserbare regolarmente. L’apparizione delle erbacce avviene progressivamente. Controllando regolarmente il proprio prato, si può procedere ad un diserbo continuo per contenere il fenomeno ed evitare lunghe ore di lavoro quando l’infestazione è già esplosa.

Scopri il catalogo ManoMano
Diserbante termico

Per saperne di più

Per conoscere gli attrezzi indispensabili per lavorare la terra consulta le guide dei nostri redattori:

Scopri i nostri diserbanti termici ed elettrici!

Guida scritta da:

Chiara, micro-imprenditrice nel giardinaggio, Salento, 48 guide

Chiara, micro-imprenditrice nel giardinaggio, Salento

Da responsabile nel trasporto dei rifiuti, sono diventata coltivatrice specializzata nell’orticultura biologica. Con un diploma professionale in Agraria, opzione Produzione Orticola, ho provato per diversi anni a sistemarmi come giovane agricoltrice nel bel Salento. Dopo numerose delusioni, mi sono alla fine lanciata come micro-imprenditrice nel servizio a domicilio, soprattutto nel giardinaggio, assistita dal mio tenero e caro marito. Appassionata di natura e piante selvagge commestibili, sono molto attenta alle soluzioni ecologiche rispettose dell’ambiente in tutti gli aspetti della vita quotidiana. Dall’orto ai cespugli fioriti, dalla semina alla raccolta, ho in tasca ogni tipo di consiglio! Sentitevi liberi di chiedermi qualsiasi cosa!

I prodotti collegati a questa guida