Come diserbare senza glifosato

Come diserbare senza glifosato

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

Guida scritta da:

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

108 guide

Esistono varie soluzioni per diserbare il giardino con metodi o prodotti più rispettosi dell'ambiente. I metodi preventivi, anche se contribuiscono ad impedire alle erbacce di spuntare, da soli non sono sufficienti ed è necessario adottare alcune tecniche per l'eliminazione delle infestanti.

Caratteristiche importanti

  • I metodi preventivi
  • Il diserbo manuale e meccanico
  • Utilizzo dei nuovi prodotti diserbanti
Scopri i nostri diserbanti manuali!

Le limitazioni all'uso di pesticidi


alt

Fino ad ora, grazie ai prodotti chimici e in particolare con il principio attivo più presente sul mercato - il glifosato - eravamo abituati ad avere un giardino pulito, senza erbacce. Ma la normativa cambia e il Decreto n. 33 del 22 gennaio 2018 (Regolamento sulle misure e sui requisiti dei prodotti fitosanitari per un uso sicuro da parte degli utilizzatori non professionali) pone importanti limitazioni al commercio e all’utilizzo dei prodotti fitosanitari (diserbanti e pesticidi). Il Decreto stabilisce che i prodotti fitosanitari destinati agli utilizzatori non professionali e liberamente commercializzati devono riportare sull’etichetta la sigla PFnPO (nel caso di utilizzo per piante ornamentali) oppure PFnPE (se utilizzati per piante edibili). I prodotti privi di questa sigla sono riservati esclusivamente agli utilizzatori professionali dotati dell’abilitazione all’acquisto e all’uso di questi prodotti (il cosiddetto patentino). Inoltre, per quanto riguarda il glifosato, ne è vietato l'uso non agricolo su suoli che presentano una percentuale di sabbia superiore all'80%, nelle aree vulnerabili, nelle zone di rispetto e nelle aree frequentate dalla popolazione, come: giardini, campi sportivi e aree ricreative, cortili e aree verdi all'interno di scuole, aree gioco per bambini e aree adiacenti alle strutture sanitarie.

Per diserbare senza questi prodotti, è necessario riconsiderare il concetto di giardino e accettare che le nostre piante coltivate coabitino con qualche pianta indesiderata. Le erbacce non impediscono a un orto di essere produttivo. Inoltre, rappresentano una fonte di nutrimento per la fauna selvatica, in particolare per gli insetti.Questo principio del bio-controllo si basa sulla gestione degli equilibri delle specie infestanti anziché sul loro sradicamento.

I metodi preventivi

Hanno lo scopo di evitare l'insediamento delle erbacce (o avventizie).

Zappatura e sarchiatura


alt

Zappare e sarchiare regolarmente per impedire ai semi di germogliare.

In stagione, sarchiare le piante seminate in riga e le piante singole 2 o 3 volte al mese, a partire da quando germogliano.

Le colture a crescita lenta (valerianella, cipolla, carota, barbabietola...) devono essere seminate in un terreno precedentemente ben diserbato in quanto rischiano di soccombere alle piante infestanti. Inoltre, devono essere diserbate a mano subito dopo la germinazione.

La pacciamatura


alt

La pacciamatura è uno dei principi fondamentali della permacultura.

Spargendo uno strato di pacciame sulle aiuole e fra gli ortaggi, limiterai non solo la crescita delle erbacce ma anche la frequenza delle innaffiature, poiché il terreno tratterrà meglio la propria umidità. Per quanto possibile, usa materiali biodegradabili, felci, paglia, erba falciata, bucce di cacao, scorze, pagliuzze di canapa o lino, cartoni, giornali.

In autunno, non aver paura di depositare un abbondante strato di foglie secche, anche sul terreno spoglio. Così facendo eviterai la crescita delle piante.

I geotessili


alt

I teli per pacciamatura o i tessuti geotessili vengono usati come pacciamatura per impedire la crescita delle erbacce, ad esempio nel momento in cui si pianta una siepe. I geotessili biodegradabili in iuta o in fibra di cocco si degradano con il passare del tempo.

I geotessili imputrescibili, posati su un vialetto di ghiaia, impediscono alla vegetazione di spuntare fra i sassi.

Le piante tappezzanti


alt

Nei giardini ornamentali, le piante tappezzanti sono ottime per coprire il livello più basso di un cespuglio: Armeria Marittima, Alisso, Iperico, Aubrezie... Queste specie ornano l'aiuola senza lasciare spazio alle avventizie.

Tracciare dei bordi per delimitare bene le aiuole piatte e creare un ostacolo alle radici.

I fertilizzanti ecologici


alt

Se il tuo orto è libero da almeno 2 mesi, la semina di un concime ecologico a crescita rapida di segale, erba medica, facelia, grano saraceno, colza, senape bianca..., impedirà la crescita delle erbacce o le soffocherà. Prima della fioritura, falcialo o trituralo e incorporalo al terreno per fertilizzarlo.D'inverno, il fertilizzante ecologico ha anche il vantaggio d'impedire la dispersione degli elementi nutritivi del terreno.

Impedire la produzione di semi nelle piante


alt


alt

Se, nonostante tutti i tuoi sforzi, le erbacce hanno attecchito sul terreno, l'azione preventiva per evitare di esserne invasi l'anno seguente consiste nell'impedirne la produzione dei semi.Taglia le erbacce o estirpale prima di questa fase.

Scopri il catalogo ManoMano
Geotessili

Il diserbo manuale o meccanico

Estirpazione manuale


alt

Questo metodo è l'unico da prendere in considerazione quando le piante coltivate non sono molto distanziate fra loro; inoltre, è adatto all'eliminazione delle piante annuali facili da estirpare: capsella (borsa da pastore), veronica, fumaria, anagallide...

Questo diserbo è preciso, estremamente selettivo, totalmente inoffensivo per il terreno e per la vita microbica. Estirpare la pianta è il solo modo per garantire che non ricrescerà.

Il metodo è semplice da applicare se il terreno è sufficientemente umido. Aiutati con un coltello o un estirpatore per estrarre le piante radicate in profondità.

Il cardo è più facile da estirpare quando la sua radice è ancora poco sviluppata. E soprattutto, procedi prima della fioritura onde evitare la diffusione dei semi.

La gramigna è particolarmente difficile da eliminare. Il più piccolo pezzo di radice lasciato sul terreno fa ricrescere la pianta. Evita la vanga e gli attrezzi a motore e preferisci la forca o la aero forca (grelinette). Ogni frammento di rizoma che troverai, verrà così estirpato dal terreno.

Zappatura e sarchiatura


alt

Passare un sarchio o una zappa attorno alle piante o lungo i solchi consente di sradicare o tagliare le piante alla base.

Sarchia durante le belle giornate. Le erbacce si seccheranno sul posto nell'arco della giornata e questo eviterà che attecchiscano nuovamente. La sarchiatura è un procedimento che consente di eliminare le erbacce quando sono ancora giovani. Si esegue con un sarchio tramite il quale si raschia il terreno in superficie.

Se la terra è secca e si è formata una crosta in superficie, è meglio usare la tecnica della zappatura che ha il duplice vantaggio di strappare le erbacce e di rompere la crosta di terra. Le erbacce estirpate o tagliate vengono sia lasciate sul posto, sia messe nel compost.

Gli utensili per diserbare manualmente


alt

Diversi utensili semplificano il lavoro del giardiniere. Alcuni estirpatori manuali sono particolarmente adatti per estirpare le piante evitando sforzi con la schiena e le ginocchia, ma può andare bene anche un semplice coltello da diserbo.

L'estirpatore è adatto per estirpare piante con radici coniche, tarassaco, cardo, rumex. Scegli utensili di qualità e molto robusti perché alcune radici affondano a diversi decimetri di profondità.

Tagliare i prati


alt

I prati sono spesso invasi da tarassaco, trifoglio, margherite, piloselle e muschi.

Gli sfalci ripetuti indeboliscono queste piante e impediscono la formazione dei semi

Diserbo termico


alt

I diserbatori elettrici o a gas eliminano le erbacce. Questa tecnica è ideale per i lavori su piccole superfici o nei bordi di vialetti. Impiegata su una coltura prima che le piante germoglino o fra i solchi, ha lo svantaggio di scaldare lo strato superficiale del terreno.

Il bruciatore a gas è alimentato da cartucce a gas o può essere montato su una classica bombola. È sufficiente passare la fiamma sulle piante, senza insistere.Le piante non vengono carbonizzate ma subiscono uno choc termico che non riescono a sopportare: appassiscono in poche ore.Sebbene i risultati possano sembrare spettacolari, sulle piante perenni durano solo per un breve periodo poiché i germogli ricompaiono alla base. Sarà quindi necessario passare più volte perché vengano distrutte alla radice.

Il diserbatore elettrico presenta un rischio minore rispetto al bruciatore a gas.

L'idropulitrice


alt

L'idropulitrice ha il vantaggio di eliminare anche muschi e licheni, ed è da prendere in considerazione solo per un lastricato.

La falsa semina


alt

Prima di procedere con una falsa semina, il terreno viene preparato come per la semina normale in modo tale da mettere i semi delle erbacce in condizione di germogliare prima di distruggerli.Prepara il terreno 15 giorni prima e lascia crescere le erbacce. Poi, estirpale a mano o con la zappa in un giorno di sole.Rastrella per togliere l'erba e livella il terreno poi, senza aspettare, procedi con la semina delle tue piante, lavorando il terreno in superficie in modo da non sollevare nuovi semi di piante avventizie.

Diserbo tramite copertura del terreno con un telo


alt

Questo metodo garantisce ottimi risultati quando si vuole diserbare completamente uno spazio in modo da poter preparare il terreno per nuove colture. La zona da diserbare viene coperta da un telo nero spesso, da una vecchia moquette, ecc. che viene lasciata sul posto per diversi mesi.

Sotto questa cortina, le piante moriranno a causa della mancanza di luce e di calore e avrai così uno spazio diserbato, pronto per essere coltivato.

Scopri il catalogo ManoMano
Forca

Uso dei nuovi prodotti diserbanti


alt

Sul fronte dei diserbanti biologici recentemente commercializzati, esistono due principali linee di prodotto:

  • I prodotti a base di acido pelargonico.
  • I prodotti a base di acido acetico, ovvero l'aceto.

Questi erbicidi agiscono per contatto e uccidono solo le piante che ricevono il prodotto polverizzato sulle foglie e sugli steli.

Per questi nuovi prodotti manca tuttavia un'obiettività, ma possiamo già notare che risultano efficaci sopratutto sulle piante giovani - in particolare quelle annuali - e che talvolta è necessario effettuare più applicazioni.

Nonostante questi prodotti vengano classificati come "biologici" ed effettivamente esistono in natura, non sono altrettanto privi di tossicità. Il loro uso non è consentito nell'agricoltura biologica.

Non si conoscono gli effetti degli adiuvanti contenuti al loro interno.

Inoltre, l'acido pelargonico è una molecola corrosiva e la sua azione sull'ambiente non è ancora ben nota.

Se l'obiettivo è quello di impiegare maggiormente questi prodotti al posto di quelli che a breve verranno vietati (glifosato), è importante verificare che il loro impatto sull'ambiente o sulla salute resti limitato.

Scopri i nostri diserbanti manuali!

Guida scritta da:

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria, 108 guide

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

Alto come un soldo di cacio, già lavoravo nel giardino di famiglia. Forse è da lì che è nato il mio interesse per le piante e il giardinaggio. Era quindi logico per me seguire degli studi sia di biologia vegetale che di agraria. Accogliendo la richiesta di diversi editori, ho scritto in 25 anni numerosi libri sulla tematica delle piante, dei funghi (argomento che mi è a cuore), essenzialmente delle guide per il riconoscimento all’inizio, ma presto anche in seguito, sul giardinaggio, riallacciandomi così alla prima passione della mia infanzia. Ho anche collaborato regolarmente con diverse riviste specializzate nell’ambito del giardinaggio o più in generale della natura. Siccome non c’è giardiniere senza giardino, è in un piccolo angolo dell’Umbria che coltivo il mio da 30 anni e dove metto in pratica i metodi di coltura che vi consiglio.

I prodotti collegati a questa guida