Come distruggere un ceppo d'albero

Come distruggere un ceppo d'albero

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

Guida scritta da:

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

107 guide

Dopo aver abbattuto un albero, cosa fare del ceppo? Vari motivi spingono a voler rimuovere un ceppo d'albero. Se questa operazione, eseguita con attrezzi manuali o motorizzati, è piuttosto rapida, sarà necessaria molta più pazienza se si utilizzano prodotti chimici o il fuoco.

Caratteristiche importanti

  • Rimozione manuale di un ceppo
  • Uso di attrezzature meccaniche
  • Applicazione di prodotti chimici
  • Distruzione di un ceppo con il metodo del fuoco
  • Lasciare che il tempo faccia il suo lavoro: una tecnica biologica
  • Utilizzo di spicchi d'aglio o sale
Scopri le nostre motoseghe!

Rimozione manuale di un ceppo


alt

La rimozione del ceppo di un grande albero non è un'impresa facile e, data l'entità del compito, occorre innanzitutto chiedersi se il ceppo in questione sia davvero così fastidioso… La rimozione di un ceppo richiede molta fatica. Prima di iniziare, assicurati che l'operazione sia fattibile; per un ceppo di piccolo diametro procedi in questo modo:

  1. Scava la terra intorno al ceppo utilizzando un piccone. Lo scopo è quello di liberare le grosse radici; l'ideale è scavare una trincea circolare intorno al ceppo.
  2. Taglia le radici accessibili con una sega o un'ascia; la motosega è inadatta a causa della terra e delle pietre che possono danneggiare la catena della motosega.
  3. Fai leva con una barramina, facendola scivolare sotto al ceppo e in diversi punti per cercare di smuoverlo.
  4. Con l'ausilio di un verricello o di un tirfor, se disponibile, completa la rimozione del ceppo.
Scopri il catalogo ManoMano
Picconi

Uso di attrezzature meccaniche

Questi sforzi saranno del tutto inutili se devi sradicare il ceppo di un cedro di 200 anni nel bel mezzo di un parco! In effetti, se il ceppo è davvero grosso, è meglio ricorrere a mezzi pesanti.

È possibile noleggiare un miniescavatore o una fresaceppi.

L'escavatore


alt

Un miniescavatore scava senza sforzo, ma presenta tre grandi difetti:

  • il costo di noleggio;
  • il peso, pari a circa 1 tonnellata, che condizionerà la modalità di trasporto e che rischia di lasciare per lungo tempo tracce visibili su un prato, un cortile lastricato o un vialetto;
  • per utilizzare un macchinario di questo tipo, è necessario possedere un patentino specifico per escavatori chiamato patentino MMT (per Macchine Movimento Terra).

La fresaceppi


alt

Se non è possibile sradicarlo, il ceppo può essere piallato tramite una fresaceppi, disponibile presso le società di noleggio attrezzature.Più facili e meno impegnativi da usare, i modelli compatti di questa macchina sono più leggeri di un escavatore (con un peso di circa 130-150 kg). La fresaceppi è dotata di un disco dentato che sminuzza il legno in cippato, fino alla profondità desiderata.

Utilizza dei dispositivi di protezione individuale (DPI): occhiali di protezione, casco antirumore, guanti protettivi e scarpe di sicurezza.

Una volta terminato il lavoro, è possibile utilizzare i trucioli di legno del ceppo mescolati al terreno per riempire la cavità, oppure servirsene come pacciamatura per le aiuole. Si decompongono in meno di un anno.

Applicazione di prodotti chimici

In campagna, sono stati utilizzati in passato prodotti pericolosi e inquinanti, oggi vietati, come alcuni acidi, il clorato di sodio o il solfato di ammonio.

Prodotti dalla cosiddetta azione devitalizzante sono attualmente disponibili in commercio. Si tratta in realtà di prodotti chimici che impediscono la crescita di germogli di ceppo o polloni; è quindi inutile utilizzarli sugli alberi  che non emettono polloni, come le conifere, ad eccezione del tasso.

Gli altri prodotti distruttori di ceppi presenti sul mercato sono generalmente a base di nitrato di sodio. Anche se omologati, questi prodotti sono altamente tossici e molto pericolosi per l'uomo e l'ambiente:

  • combustibili, sono talvolta esplosivi;
  • tossici per gli animali e per l'uomo;
  • molto inquinanti per il terreno e le falde acquifere.

Sono da utilizzare solo come ultima risorsa e con tutte le precauzioni usuali. Numerosi paesi hanno regolamentato l'uso dei prodotti chimici per l'estirpazione dei ceppi.

Distruzione di un ceppo con il metodo del fuoco


alt

Esegui questa operazione nella stagione secca, ma assicurati soprattutto che sia permesso accendere un fuoco sul territorio nel periodo prescelto: verifica presso l'amministrazione locale. Tieni sempre un riserva d'acqua a portata di mano.

Con l'ausilio di un utensile da taglio, un'ascia o una motosega, incidi delle tacche profonde sul bordo del ceppo oppure pratica dei fori larghi e profondi con un trapano dotato di una punta per legno. Procedi quindi nel seguente modo:

  1. Elimina, nei pressi del ceppo, qualsiasi materiale che possa causare la propagazione del fuoco.
  2. Rimuovi le foglie secche.
  3. Taglia l'erba tutto intorno con l'ausilio di un decespugliatore.
  4. Rastrella meticolosamente gli sfalci, utilizzando preferibilmente un soffiatore aspiratore.
  5. Copri il ceppo con vegetazione molto secca, come aghi, pigne, ramoscelli..., e accendi il fuoco.
  6. Assicurati che la maggior parte possibile del ceppo bruci nel terreno.
  7. Alla fine, innaffia abbondantemente con acqua e assicurati che il fuoco sia completamente spento.
Scopri il catalogo ManoMano
Asce

Lasciare che il tempo faccia il suo lavoro: una tecnica biologica


alt

La tecnica ecologica consiste nel coprire il ceppo con un telone e lasciare che il tempo compia la sua opera. Funghi, vermi e altri microrganismi attaccheranno il legno.Dopo alcuni mesi, sarà sufficientemente deteriorato da poterlo rimuovere a pezzetti con un piccone.

La decomposizione può essere favorita anche praticando larghi fori con un trapano e lasciando il ceppo esposto al gelo e alla pioggia.

Utilizzo di spicchi d'aglio o sale.


alt

Si sente spesso parlare di procedimenti empirici o "delle nonne". Uno dei più noti è quello che prevede l'impiego di spicchi d'aglio. Scava dei fori profondi 20 cm ogni 10 cm. Introduci uno spicchio d'aglio in ciascuno di essi e sigilla poi con del terriccio.Secondo ipotesi puramente empiriche, la germinazione dell'aglio genera sostanze che accelerano la decomposizione del legno. Al posto dell'aglio, alcuni utilizzano il sale (da sconsigliare, poiché il sale è tossico per il suolo).

Efficaci o meno, questi procedimenti possono eliminare il ceppo solo dopo un lungo periodo di tempo.

Scopri le nostre motoseghe!

Guida scritta da:

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria, 107 guide

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

Alto come un soldo di cacio, già lavoravo nel giardino di famiglia. Forse è da lì che è nato il mio interesse per le piante e il giardinaggio. Era quindi logico per me seguire degli studi sia di biologia vegetale che di agraria. Accogliendo la richiesta di diversi editori, ho scritto in 25 anni numerosi libri sulla tematica delle piante, dei funghi (argomento che mi è a cuore), essenzialmente delle guide per il riconoscimento all’inizio, ma presto anche in seguito, sul giardinaggio, riallacciandomi così alla prima passione della mia infanzia. Ho anche collaborato regolarmente con diverse riviste specializzate nell’ambito del giardinaggio o più in generale della natura. Siccome non c’è giardiniere senza giardino, è in un piccolo angolo dell’Umbria che coltivo il mio da 30 anni e dove metto in pratica i metodi di coltura che vi consiglio.

I prodotti collegati a questa guida