Come installare una cabina doccia

Come installare una cabina doccia

Girolamo, piccolo imprenditore, Trento

Guida scritta da:

Girolamo, piccolo imprenditore, Trento

93 guide

In fase di ristrutturazione, installare una cabina doccia in bagno evita lavori gravosi. Tutto in uno, la cabina doccia comprende un miscelatore, una doccetta e, spesso, una colonna doccia idromassaggio. Facile da montare, estetica e comoda, segui il nostro tutorial per la posa, dal piatto doccia fino alla porta.

Caratteristiche importanti

  • Preparazione del piatto doccia
  • Preparazione della parete di fondo
  • Montaggio delle pareti
  • Raccordo all'impianto idrico
Scopri le nostre cabine e box doccia!

La cabina doccia: compatta e facile da installare


alt

La cabina doccia è la soluzione più semplice per realizzare una doccia, indipendentemente dal tipo o dalle dimensioni, senza bisogno di grandi lavori. Infatti, non è necessario rivestire le pareti, modificare il pavimento o le tubature. La cabina doccia è un monoblocco ermetico dalle finiture e qualità diverse.

Semplice da installare e confortevole quanto una doccia classica, la cabina doccia è un'interessante alternativa sia in caso di ristrutturazione che come installazione ex novo.

Competenze

L'installazione di una cabina doccia richiede l'assemblaggio di elementi grandi e talvolta pesanti. Si consiglia quindi la presenza di due persone in tutte le fasi di montaggio.

La parte delle tubature richiede il raccordo di elementi spesso standard. Tuttavia, bisogna seguire le procedure di montaggio dei raccordi, dei riduttori se necessario, e delle guarnizioni. È inoltre essenziale saper applicare il nastro di teflon per la tenuta stagna.

Per l'assemblaggio e il corretto posizionamento dei diversi pannelli, bisogna saper utilizzare una livella. Per quanto riguarda le finiture, la capacità di utilizzo di una pistola di estrusione per realizzare cordoni in silicone è indispensabile.

Tempo di realizzazione

Tra le 2 e le 3 ore, a seconda del modello

Numero di persone consigliato

2 persone

Fasi di realizzazione

  1. Preparazione del piatto doccia
  2. Preparazione della parete di fondo
  3. Montaggio delle pareti
  4. Raccordo all'impianto idrico

Utensili e materiali di consumo


alt
  • Un metro e una matita
  • Una livella a bolla
  • Una chiave inglese
  • Una serie di chiavi a forchetta
  • Un trapano avvitatoree una serie di cacciaviti
  • Una pistola di estrusionecon una cartuccia di silicone
  • Colla per PVC e un nastro di teflon
  • Istruzioni di montaggio
Scopri il catalogo ManoMano
Cabina doccia

Installare una cabina doccia in 4 fasi

1. Preparazione del piatto doccia  

Prima d'iniziare l'installazione, interrompi l'alimentazione dell'impianto idrico dell'abitazione se non l'hai fatto in precedenza.

Inizia la posa a terra del piatto doccia nella sua posizione definitiva.

Verificane l'orizzontalità su almeno due lati con l'aiuto di una livella a bolla. Se necessario, correggi i difetti di livello attraverso i piedini regolabili.

Riposiziona il piatto doccia e verificane nuovamente l'orizzontalità.

Per un funzionamento ottimale, il piatto doccia deve essere tassativamente in piano.

Non esitare a ripetere l'operazione fino a che il piatto doccia non sarà perfettamente orizzontale.

Raccorda in seguito lo scarico della doccia alla canalizzazione predisposta.

Lo scarico di un piatto doccia si realizza grazie a un tubo flessibile spiralato da 32 o 40 mm di diametro.

Se lo scarico del piatto doccia è compatibile con la predisposizione, utilizza un manicotto di connessione incollandolo sulla predisposizione con la colla PVC. Successivamente, raccorda lo scarico del piatto doccia al manicotto con del silicone (lo scarico del piatto doccia deve sempre essere smontabile, attenzione a non incollarlo!).

Se lo scarico del piatto doccia non è compatibile con la predisposizione, utilizza un riduttore. Si tratta di un manicotto che adatta tra loro i diversi diametri. Come per il manicotto classico, incolla prima il riduttore sulla predisposizione con la colla PVC. Raccorda poi lo scarico con del silicone.Tutte queste componenti sono standard, ma i metodi di assemblaggio possono cambiare da un modello all'altro. Per maggiori dettagli sull'assemblaggio delle componenti, consulta le istruzioni di montaggio.

2. Preparazione della parete di fondo


alt

La parete di fondo è il lato della doccia che ospita il miscelatore e la doccetta.

Appoggia delicatamente questa parete contro un muro in modo da bloccarla.

Assembla tutte le componenti, consultando le istruzioni di montaggio.

Comincia sempre dal miscelatore. Nella maggior parte dei casi, si avvita da una parte e dall'altra della parete. Presta attenzione a non stringere troppo i diversi dadi, poiché rischi di danneggiare, se non rompere, la parete. Termina con la posa della maniglia.

A seconda della cabina doccia, il flessibile per doccia dovrà essere avvitato direttamente sul miscelatore o attraverso un elemento chiamato connettore. Se questo è il tuo caso, dopo aver assemblato il miscelatore, monta il connettore (sempre senza stringere troppo il dado!).

Raccorda in seguito il flessibile per doccia e la doccetta. Fai attenzione a non stringere queste componenti con la chiave! È sufficiente un serraggio manuale (verifica sempre che siano presenti le guarnizioni ad ogni estremità del flessibile).

Concludi fissando il supporto per la doccetta. Anche in questo caso, stringi i diversi dadi con moderazione.Non dimenticare che tutti questi elementi sono montati con guarnizioni!

3. Montaggio delle pareti


alt

Il montaggio delle pareti comincia con la pulizia minuziosa dei profili.

In seguito, applica la guarnizione di tenuta. In dotazione nella maggior parte dei casi, si incolla direttamente sui profili delle pareti e sulle parti inferiori.

Posa la parete di fondo sul piatto doccia. Tutti i modelli di cabine doccia dispongono di scanalature che permettono di inserire le pareti e allinearle. Posa successivamente una delle pareti laterali.

Avvita queste due pareti tra loro.

Continua con la seconda parete laterale e procedi allo stesso modo.

Adesso prepara la porta posando i profilati angolari, se non l'hai fatto in precedenza. Incolla una guarnizione di tenuta sulla parte inferiore.

Per la posa della porta, è sufficiente incastrare i profilati angolari sulla parete che hai appena installato. Il fissaggio avviene anche in questo caso tramite le viti. Concludi montando la maniglia.

Verifica, servendoti di una livella a bolla, che la porta sia perfettamente orizzontale (appoggiandola sulla sezione superiore). Controlla allo stesso modo la verticalità dei profilati d'angolo.

Prova la porta per assicurarti che funzioni correttamente.

Se tutto è a posto, fissa l'insieme delle pareti al piatto doccia.

4. Raccordo all'impianto idrico


alt

Inizia preparando i flessibili di raccordo attraverso l'applicazione del teflon sulle filettature (avvolgi sempre nel senso della filettatura). Fai lo stesso per i raccordi filettati del miscelatore.

Successivamente, raccorda i flessibili al miscelatore (verificando bene che le guarnizioni siano presenti nei raccordi). Avvita prima a mano e blocca successivamente il fissaggio con la chiave.

Continua raccordando le estremità del flessibile al passaggio dell'acqua. Per convenzione, l'acqua calda è a sinistra. Anche in questo caso, comincia a fissare a mano e poi blocca con la chiave.

Infine, se non l'hai ancora fatto, raccorda l'altra estremità del tubo flessibile di evacuazione al sifone del piatto doccia (non dimenticare le guarnizioni!).

Riattiva ora l'impianto idrico dell'abitazione e controlla la tenuta stagna a livello dei diversi raccordi.

Testa il miscelatore (regolazione della temperatura e della portata) e controlla che l'evacuazione avvenga correttamente e senza perdite.

Scopri il catalogo ManoMano
Miscelatore

Scopri le nostre cabine e box doccia!

Guida scritta da:

Girolamo, piccolo imprenditore, Trento, 93 guide

Girolamo, piccolo imprenditore, Trento

Elettrotecnico di formazione, ho iniziato lavorando nell’industria dove mi sono occupato di impianti e cablaggio. Quasi subito sono diventato responsabile della gestione degli operai addetti alla manutenzione. Dopo qualche anno, ho deciso di mettermi in proprio e ho avviato una piccola impresa come elettricista. Ho all’attivo diverse centinaia di cantieri realizzati e il lavoro ben fatto e la soddisfazione dei miei clienti sono le mie priorità. Da circa tre anni sto restaurando e ampliando uno chalet in Trentino, sfruttando la mia esperienza e le mie conoscenze tecniche. Terrazzamenti, interior design, coperture, impianti idraulici, elettricità, tutto… Con mia figlia e mia moglie abbiamo fatto quasi tutto da soli! La mia esperienza mi ha dato la possibilità di apprendere tanti tipi di lavori. Ed ora sono qui per rispondere ai vostri dubbi e per consigliarvi nella scelta degli strumenti giusti.

I prodotti collegati a questa guida