Come installare una rete antinsetti

Come installare una rete antinsetti

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

Guida scritta da:

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

108 guide

Le reti di protezione antinsetto sono realizzate in tessuto sintetico a maglie molto piccole. Vengono stese sopra le colture al fine di impedire agli insetti volanti di posarsi sulle piante per parassitarle. Ecco come installarle, direttamente sulle piante da proteggere o sorrette da una struttura di archetti.

Caratteristiche importanti

  • Protezione contro i parassiti
  • Periodo di installazione
  • Tipo di posa
  • Precauzioni prima della posa
Scopri tutte le nostre protezioni per piante!

Quando installare una rete antinsetti


alt

Innanzitutto occorre far bene attenzione a non chiudere all'interno della rete il parassita da combattere, in qualunque stadio di sviluppo esso si trovi (uova, larva, pupa, adulto), poiché ciò avrebbe l'effetto opposto a quello desiderato. È essenziale pertanto posizionare le reti prima dell'inizio del volo degli insetti.

Per determinare il momento opportuno, puoi utilizzare delle trappole cromotropiche o delle trappole a feromoni che cattureranno i primi adulti, indicando così in quale momento posare le reti antinsetti prima della deposizione delle uova. Questa procedura viene spesso seguita per gli alberi da frutto. Ma una soluzione più semplice e che non comporta rischi è quella di posare le reti nel momento della semina o della messa a dimora degli ortaggi.

Queste reti vengono lasciate per tutto il periodo in cui gli ortaggi sono in coltivazione, poiché un parassita spesso fa nascere diverse generazioni nella stagione.

Ricorda che sugli alberi fruttiferi le reti vanno stese dopo la fioritura per non ostacolare l'impollinazione da parte delle api.

Come posizionare una rete antinsetti

Escludendo gli alberi da frutto, esistono tre modalità per posare le reti antinsetti, di cui le prime due sono le più impiegate:

  • reti posate direttamente sulla coltura;
  • reti posate su archetti, formando un tunnel sopra la coltura;
  • reti posate verticalmente.

Posare le reti di protezione antinsetti direttamente sulla coltura


alt

La posa di questo tipo di rete consente di coprire e scoprire rapidamente le aree destinate alla coltivazione degli ortaggi. Questa tecnica è efficace contro le altiche e le mosche, a condizione di interrare correttamente il bordo della rete con un mucchietto di terra. In alternativa, è possibile bloccare a terra la rete con delle pietre piatte, dei mattoni o degli assi.

La leggerezza della rete permette alla pianta di crescere normalmente e sollevare la rete man mano che si sviluppa in altezza, ma è preferibile scegliere una rete di peso inferiore a 50g/m². Lo svantaggio principale di questo tipo di posa è che alcuni parassiti riescono a deporre le uova attraverso le maglie dove il fogliame è attaccato alla rete. Analogamente, alcuni insetti fitomizi come gli afidi o gli aleurodidi riescono anche a succhiare la linfa attraverso le maglie.

Installare la rete sugli archetti


alt

Si tratta di una tecnica leggermente più complessa. Pianta degli archetti distanziandoli circa 1 metro l'uno dall'altro sopra l'area della coltivazione degli ortaggi. Stendi la rete sopra gli archetti facendola sporgere ai lati e alle estremità del tunnel che si viene a creare. Tendila moderatamente e, come per la rete posata direttamente sulla vegetazione, copri con un cordolo di terra tutto il perimetro della base della rete (oppure usa delle pietre piatte o altri materiali pesanti).

Poiché la rete non è a contatto con le piante, queste sono protette in modo migliore e non rischiano dunque di essere danneggiate, soprattutto qualora si decidesse di usare delle reti più resistenti e quindi più pesanti rispetto a quelle impiegate direttamente sulle coltivazioni. Un altro vantaggio è che la temperatura e l'umidità sono meno elevate rispetto alle reti posizionate sulla vegetazione: ciò si traduce in un minor rischio di sviluppo delle malattie.

D'altra parte, la posa delle reti su archetti richiede un tempo maggiore. Inoltre, occorre essere più attenti al fissaggio della base della rete sul terreno, perché la rete oppone una maggiore resistenza al vento.

Posare la rete antinsetti verticalmente


alt

Talvolta, più raramente, delle reti verticali vengono innalzate attorno all'appezzamento di terreno da proteggere. Queste reti antinsetti, distese per un'altezza minima variabile a seconda delle specie da combattere (per esempio 50 cm per la mosca della carota) proteggono soltanto contro gli insetti che volano in prossimità del terreno, come appunto la mosca della carota o del cavolo.

Devono essere ben interrate a livello del terreno, ma oppongono una grande resistenza al vento che rende la loro efficacia incerta. Inoltre, per accedere all'appezzamento bisogna prevedere un tempo di smontaggio e rimontaggio spesso non trascurabile.

Caso particolare degli arbusti e degli alberi da frutta


alt

Gli alberi da frutta sono analogamente preda di vari nemici come la carpocapsa, la mosca della ciliegia, la mosca dell'olivo... In caso di un albero isolato è possibile avvolgerlo con una rete quadrata venduta appositamente a questo scopo, chiudendola alla base attorno al tronco.

Se gli alberi sono allineati o formano una siepe, puoi acquistare la rete venduta al metro lineare e avvolgere l'intero filare.

Tre consigli per la posa corretta delle reti

1. Coltivare in file ravvicinate


alt

Per una posa più economica e facile, coltiva le piante in file ravvicinate (per esempio 3 file), piuttosto che in un'unica lunga fila.

2. Installare con cura le reti


alt

Le reti sono fragili e relativamente costose. Occorre quindi fare molta attenzione a non romperle durante la posa, poiché il parassita prima o poi si accorgerà della maglia rovinata.

3. Diserbare bene prima della posa delle reti


alt

Durante la coltivazione, le reti devono essere tolte soltanto in caso di necessità, per esempio per diserbare l'appezzamento e al di fuori del periodo di attività dei parassiti. Questo presuppone una perfetta gestione del problema delle erbacce. L'appezzamento di terra deve essere diserbato prima della posa della rete e occorre pensare a delle soluzioni per frenare la crescita di piante non desiderate come la pacciamatura del terreno, per esempio.

Scopri tutte le nostre protezioni per piante!

Guida scritta da:

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria, 108 guide

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

Alto come un soldo di cacio, già lavoravo nel giardino di famiglia. Forse è da lì che è nato il mio interesse per le piante e il giardinaggio. Era quindi logico per me seguire degli studi sia di biologia vegetale che di agraria. Accogliendo la richiesta di diversi editori, ho scritto in 25 anni numerosi libri sulla tematica delle piante, dei funghi (argomento che mi è a cuore), essenzialmente delle guide per il riconoscimento all’inizio, ma presto anche in seguito, sul giardinaggio, riallacciandomi così alla prima passione della mia infanzia. Ho anche collaborato regolarmente con diverse riviste specializzate nell’ambito del giardinaggio o più in generale della natura. Siccome non c’è giardiniere senza giardino, è in un piccolo angolo dell’Umbria che coltivo il mio da 30 anni e dove metto in pratica i metodi di coltura che vi consiglio.

I prodotti collegati a questa guida