Come liberarsi delle formiche in casa

Come liberarsi delle formiche in casa

Silvia, Scrittrice e giornalista, Gallipoli

Guida scritta da:

Silvia, Scrittrice e giornalista, Gallipoli

73 guide

Sebbene le formiche non siano dei parassiti, la loro proliferazione in casa ci spaventa sempre. Per fortuna esistono molte soluzioni per scacciarle e liberarsene facilmente, dai metodi naturali come il gesso, il talco o gli oli essenziali, fino agli insetticidi e le trappole specifiche.

Caratteristiche importanti

  • Prevenzione
  • Metodi naturali
  • Il bicarbonato di sodio
  • Gli oli essenziali
  • Repellenti, colle e trappole
Scopri i nostri prodotti contro gli insetti nocivi!

Le soluzioni per sbarazzarsi delle formiche in casa


alt

A seconda del livello di infestazione dell'abitazione, avrai diverse opzioni di scelta:

  • i repellenti naturali: il gesso, il talco, il peperoncino di Cayenna, i fondi di caffè, il bicarbonato di sodio, le bucce di limone, le foglie di salvia e il pepe, da distribuire sulla via di passaggio delle formiche;
  • gli oli essenziali, molto concentrati, sono estremamente efficaci, ma da utilizzare con le dovute precauzioni;
  • la bomboletta repellente venduta in commercio è più pratica poiché già pronta all'uso;
  • dell'acqua calda con sapone versata nel formicaio o della terra di diatomee distribuita in posti strategici per eliminarle definitivamente;
  • la colla per formiche, l'acido borico o le trappole per formiche disponibili in commercio.
Scopri il catalogo ManoMano
Colla per formiche

Prevenire la colonizzazione delle formiche in casa


alt

Prima di tentare di liberarsene, sarebbe preferibile tenere le formiche fuori da casa. Evita quindi di attirarle, non lasciando in bella vista alcun prodotto dolce, di cui sono ghiotte tanto quanto noi. Attenzione anche a chiudere bene la pattumiera e non lasciare tracce di rifiuti in giro.

I repellenti

Per impedire l'ingresso delle formiche si possono utilizzare vari metodi naturali.

Dal gesso al peperoncino di Cayenna


alt

Una semplice linea di gesso tracciata sul pavimento o sul muro può fermare l'avanzata delle formiche esploratrici, che non possono attraversarla.

I fondi di caffè distribuiti alla base dei muri sono anch'essi degli eccellenti repellenti, così come le bucce di limone, le foglie di salvia, la farina di mais o di avena, il pepe, il peperoncino di Cayenna, ecc. Ovviamente tutti questi prodotti sono da mettere sui percorsi di passaggio utilizzati dalle formiche.

Il bicarbonato di sodio


undefined

Il bicarbonato di sodio è un prodotto indubbiamente straordinario in casa, per via dei tanti utilizzi a cui si presta. Per renderlo un repellente efficace, puoi mescolarlo con del detersivo per piatti in modo da formare una pasta facile da applicare dove desideri, oppure mescolarlo con dello zucchero per attirare le formiche prima di respingerle per via dell'acidità.

Gli oli essenziali


alt

Gli oli essenziali, in particolare quello di menta piperita, ma anche di basilico o lavanda, respingono le formiche emanando allo stesso tempo un profumo inebriante in casa. Utilizzali puri, versandone qualche goccia in una ciotola, oppure diluiti in un umidificatore con un po' d'acqua o di aceto bianco, per nebulizzarli nei luoghi scelti. In ogni caso, presta particolare attenzione all'utilizzo degli oli essenziali in presenza di bambini e donne in gravidanza.

L'aceto bianco


undefined

Anche l'aceto bianco può essere utilizzato puro o diluito in un po' d'acqua. Il suo odore forte respinge le formiche, ma allo stesso tempo si diffonde in casa.

I repellenti in bomboletta


undefined

Questi prodotti repellenti venduti in commercio, più o meno naturali a seconda del produttore, sono pronti all'uso e vengono spruzzati sui luoghi di passaggio delle formiche.

Eliminare le formiche dall'abitazione

Se la prevenzione non fosse sufficiente, potrebbe essere necessario adottare dei metodi più radicali.

L'acqua calda


alt

Se sei riuscito a localizzare il formicaio, puoi utilizzare una miscela a base di acqua molto calda e sapone e versarla in grandi quantità, per combinare il calore dell'acqua con la tossicità del sapone.

La terra di diatomee


alt

La terra di diatomee, composta da fossili di alghe microscopiche molto taglienti, è sia un prodotto di manutenzione che un insetticida naturale. Sarà sufficiente cospargerla in luoghi strategici: per gli insetti è una polvere mortale per via delle spiccate proprietà abrasive.

L'acido borico


alt

L'acido borico, viene venduto sotto forma di polvere bianca o di cristalli. Un tempo utilizzato per la conservazione degli alimenti, permette di realizzare delle trappole anti-formiche molto efficaci. Per prepararle è sufficiente mescolarlo con del miele o dello zucchero, aggiungere dell'acqua e versarlo in ciotole da posizionare vicino ai luoghi di passaggio delle formiche.

Attenzione: la trappola non deve essere troppo intensa nella dose di acido borico affinché le formiche operaie non muoiano sul campo, ma trasportino l'esca fino al nido e la conservino lì. Poiché questo prodotto oramai viene considerato reprotossico, consigliamo di utilizzarlo con cura e non lasciarlo mai alla portata dei bambini.

La colla per formiche


alt

La colla, inodore e incolore, deve essere distribuita sul passaggio delle formiche, sia sul terreno che sul muro, a condizione che il rivestimento sia rigido e non assorbente. Le formiche resteranno incollate e moriranno qui.

Trappole per formiche


undefined

Venduta in commercio, la trappola per formiche si presenta come una scatoletta con tante aperture che consentono alle formiche di entrarvi dentro. Attirate dall'esca, la consumano e la portano nel formicaio, che così viene contaminato. Le formiche impiegano da 24 ore a diversi giorni a morire.

A seconda del tipo di esca, queste scatole possono anche essere tossiche e quindi non devono essere lasciate alla portata di bambini né di animali domestici.

Scopri i nostri prodotti contro gli insetti nocivi!

Guida scritta da:

Silvia, Scrittrice e giornalista, Gallipoli, 73 guide

Silvia, Scrittrice e giornalista, Gallipoli

Dopo 10 anni di lavoro come addetto stampa per un’importante società d’ingegneria, ho deciso di unire la mia esperienza professionale e la mia passione per la scrittura entrando nel giornalismo freelance e nella redazione a tempo pieno. Eclettica sia nei gusti che nella scrittura, in me convivono grandi passioni come la scienza e la storia, ma soprattutto l’interesse per la decorazione e il fai-da-te. Su questi argomenti, apparentemente così diversi, scrivo ormai da quasi vent’anni, devo dire con un discreto successo, probabilmente perché i miei articoli sono la cronaca dei lavori e dell’esperienza maturata nel corso della totale ristrutturazione di una vecchia masseria nel cuore del Salento. Esperienza che vorrei condividere con te attraverso i miei suggerimenti.