Come nutrire bene i polli

Come nutrire bene i polli

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

Guida scritta da:

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

108 guide

L'alimentazione dei polli dev'essere varia e equilibrata. I cereali rappresentano il loro alimento principale, per questo il loro apporto non deve mai mancare. Vegetali e piccoli animali che ingurgitano, scarti di cucina che diamo loro e apporto di acqua e di minerali, assicurano un'alimentazione ricca e varia.

Caratteristiche importanti

  • Alimentazione delle galline ovaiole
  • Scarti di cucina
  • Mangimi completi
  • Alimentazione dei pulcini
Scopri i nostri mangime per pollame!

L'alimentazione delle galline ovaiole


alt

Il vecchio detto: «l'uovo viene dal becco» spiega perfettamente come la produzione di uova sia direttamente legata alla qualità del cibo delle galline. Sappiamo bene che la gallina non ha denti, ma questo non le impedisce di essere onnivora! Oltre al grano e a altri cereali mangia insetti, vermi, lumache, verdura, erba... Questa dieta varia ed equilibrata è fondamentale per avere galline in buona salute e riveste una particolare importanza per le galline ovaiole.

Ogni giorno, una gallina consuma circa 150 g di mangime a seconda della taglia, della stagioni e della razze, essendo alcune più sobrie di altre. La razione alimentare dei polli dev'essere costituita al 70% di alimenti destinati a fornire loro energia (prevalentemente i cereali), e al 30% di cibo ad apporto proteico.Questo tipo di alimentazione deve inoltre fornire vitamine e oligoelementi.

Le proteine animali sono indispensabili per mantenerle in salute e vengono assimilate meglio delle proteine di origine vegetale. È preferibile dar loro da mangiare a orari fissi, 2 volte al giorno, ad esempio al mattino, all'uscita dal pollaio e la sera, per invitarle a rientrare. Non è necessario dar loro da mangiare in una mangiatoia.

Ricorda che la gallina ama beccare: perciò, puoi disperdere i grani sul terreno a condizione che non sia fangoso o sporco dalle loro deiezioni.

Scopri il catalogo ManoMano
Mangiatoia

Diversi tipi di mangime per diversi tipi di polli

I mangimi completi


alt

I mangimi completi per i polli sono da distribuire da soli, poiché contengono tutti i nutrienti dei quali il pollo ha bisogno. Sono adatti all'età e alla funzione del pollame (galline ovaiole, polli da carne, galline ornamentali) e sono costituiti da una miscela di cereali, di minerali, di vitamine, di oligoelementi e additivi vari.

Questi mangimi, forniti in quantità di circa 130 g al giorno, sono adatti ai volatili da pollaio per i quali questa è l'unica fonte di cibo. Un mangime completo, specifico per galline ovaiole, sarà da somministrare a partire dai 4-5 mesi.

I cereali e le altre granaglie


alt

I cereali sono la principale fonte di nutrimento dei polli. Infatti, l'energia viene loro fornita principalmente dai semi di cereali: grano, mais, orzo, avena... e dai semi oleosi: girasole, lino, colza... L'apporto di proteine vegetali viene invece fornito dai semi proteaginosi fra cui piselli, fave, soia.

Possono essere dati interi o sminuzzati. Assicurati che i polli abbiano a disposizione della sabbia grossolana o della ghiaia fine, perché la gallina devono poter ingoiare piccoli sassi affinché il ventriglio possa triturare i semi.

Gli scarti di cucina


alt

I polli sono campioni del riciclo. Puoi dar loro a volontà la maggior parte degli scarti di cucina:

  • le bucce;
  • le foglie d'insalata;
  • della carne o del pesce cotti;
  • gli affettati;
  • le croste di formaggio;
  • adorano anche i resti dei crostacei e in particolare quelli dei gamberetti, così come i gusci d'uovo macinati;
  • in genere, apprezzano gli alimenti cotti come le verdure, la pasta, il riso o le patate;
  • la carne rossa va data con moderazione, in particolare se le galline hanno la possibilità di trovare sul loro percorso dei piccoli animali.

Con un po' di pratica e spirito di osservazione, imparerai a capire cosa mangiano i polli e quali scarti di cucina è inutile dar loro, perché non li mangeranno. Ci poi dei cibi che non devono comparire nella loro dose quotidiana, sia perché le galline non li gradiscono, sia perché sono tossici.

Gli alimenti tossici per le galline

Ecco alcuni cibi da bandire dall'alimentazione delle galline:

  • piatti troppo salati, troppo zuccherati o troppo speziati;
  • dolci al cioccolato;
  • foglie di porro;
  • bucce di cipolla, di banana, di agrumi, di kiwi;
  • patate crude;
  • avocado;
  • rabarbaro.

Altri apporti complementari


alt

Delle conchiglie frantumate, in particolare quelle delle ostriche, sono eccellenti per il loro apporto di calcio, indispensabile al guscio delle uova, così come altri elementi minerali. Alcuni mangimi commerciali per polli contengono già gusci frantumati, quindi ti consigliamo di leggere bene la composizione del mangime.

Non è utile distribuire integratori alimentari per polli allevati in un campo d'erba. Tuttavia, durante l'inverno, è possibile distribuire degli integratori alimentari o delle razioni un tantino più sostanziose, in quanto i polli hanno bisogno di un maggior apporto calorico per lottare contro il freddo e l'umidità, ai quali sono molto sensibili.

Buono a sapersi: alcuni allevatori preparano loro delle zuppe con patate o pane secco nel brodo.

Scopri il catalogo ManoMano
Pollaio

Cosa beve una gallina


alt

Una gallina beve, eccome se beve! In estate, fino a un litro al giorno! Attenzione però, con il caldo l'acqua si trasforma rapidamente in un covo di germi!

Cambiala ogni giorno, tanto più che la gallina metterà il broncio se vede l'acqua sporca e torbida! In estate l'acqua dev'essere fresca e collocata all'ombra.

Come nutrire i pulcini


alt

I pulcini sono perfettamente autonomi e riescono a sbrigarsela da soli a trovare il cibo sin dalla nascita. Tuttavia, durante la prima settimana conviene nutrirli con mangimi speciali per pulcini, in granuli o briciole ("briciole per pulcini").

Metti questi mangimi a terra e in un secondo tempo, versali nelle mangiatoie. Puoi anche preparare una pappa a base di mollica di pane inzuppata nel latte scremato.

Dopo una settimana, puoi aggiungere al mangime dei piccoli fili d'erba. Dopo circa 6 settimane, passa progressivamente al mangime per polli. Durante i primi 2-3 mesi di vita, il pulcino deve avere un'alimentazione ricca di proteine per favorirne la crescita. L'acqua dev'essere sempre pulita, non troppo fredda (tra i 15 e i 20° C) e distribuita in un abbeveratoio adatto, per evitare l'annegamento.

Scopri i nostri mangime per pollame!

Guida scritta da:

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria, 108 guide

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

Alto come un soldo di cacio, già lavoravo nel giardino di famiglia. Forse è da lì che è nato il mio interesse per le piante e il giardinaggio. Era quindi logico per me seguire degli studi sia di biologia vegetale che di agraria. Accogliendo la richiesta di diversi editori, ho scritto in 25 anni numerosi libri sulla tematica delle piante, dei funghi (argomento che mi è a cuore), essenzialmente delle guide per il riconoscimento all’inizio, ma presto anche in seguito, sul giardinaggio, riallacciandomi così alla prima passione della mia infanzia. Ho anche collaborato regolarmente con diverse riviste specializzate nell’ambito del giardinaggio o più in generale della natura. Siccome non c’è giardiniere senza giardino, è in un piccolo angolo dell’Umbria che coltivo il mio da 30 anni e dove metto in pratica i metodi di coltura che vi consiglio.

I prodotti collegati a questa guida