Come pulire un tosaerba?

Come pulire un tosaerba?

Michele, Saldatore professionista e di passione, Sardegna

Guida scritta da:

Michele, Saldatore professionista e di passione, Sardegna

82 guide

La pulizia di un tosaerba si effettua dopo ogni tosatura in quanto l’erba si accumula sotto il carter e vicino alla lama di taglio. Anche il serbatoio di raccolta, la cinghia e la puleggia sono da pulire con una spazzola, con un pulitore ad alta pressione o una lancia di irrigazione, con una spatola ecc.

Caratteristiche importanti

  • Pulizia delle ruote
  • Pulizia del carter
  • Pulizia della scatola
  • Pulizia della cinghia
Scopri i nostri tosaerba!

Perché pulire il tosaerba?


alt

L’acquisto di un tagliaerba avviene di solito in funzione della superficie da tosare. È importante sapere, per evitare di rinnovare l’acquisto di tale strumento con troppa frequenza, che il tosaerba richiede un minimo di manutenzione.

Un tosaerba trascurato e mal manutenuto può degradarsi rapidamente. Per evitare ciò e per evitare di sprecare soldi, vediamo insieme le modalità per mantenere in buono stato questo formidabile attrezzo.

Scopri il catalogo ManoMano
Tosaerba

Tosaerba: pulizia regolare

Quest’operazione può dividersi in due fasi di pulizia.

  1. La pulizia regolare dopo ogni tosatura.
  2. La pulizia generale annuale prima dell’inverno.

Prima di iniziare con la pulizia, preoccupati di munirti dei giusti strumenti che ti faciliteranno il lavoro.

Inventario degli strumenti per manutenere il tosaerba


alt

Come per qualsiasi mansione di manutenzione e pulizia, si può fare il minimo indispensabile, oppure munirsi dei giusti strumenti per ottimizzare il proprio intervento:

  • Il pulitore ad alta pressione è il top per scrostare un carter di raccolta;
  • La lancia di irrigazione ti evita di doverti abbassare per raggiungere le parti da pulire;
  • La lancia ad alta pressione, adattabile direttamente al tubo di irrigazione può compensare l’assenza di un pulitore ad alta pressione;
  • La spatola con raschietto dotata di un manico lungo, è adatta al tosaerba;
  • Il raschiatoio morbido o raschiatoio universale per le parti di difficile accesso;
  • La spazzola per i cerchioni è molto pratica per la pulizia del tosaerba;
  • La scopa o la spazzola per lavaggio è anch’essa adatta;
  • La spazzola metallica può essere utile per le parti recalcitranti;
  • La leva per tosaerba ti permette di lavorare in tutta sicurezza, soprattutto se il dispositivo è pesante e grosso;
  • Si consiglia di indossare dei guanti di protezione: non si è mai troppo protetti;
  • Dopo l’asciugatura, spruzza del lubrificante idrofugo sulle parti esposte all’umidità.
Scopri il catalogo ManoMano
Spazzola per lavaggio

A ciascun tosaerba la sua pulizia


alt

Innanzitutto, porta il tosaerba in un’area debita che possa facilitare la raccolta degli scarti. Pensa all’ambiente.

Tosaerba manuale elicoidale

Utilizzato in particolare per le superfici piccole, tenendo conto del suo meccanismo semplice, basta una pulizia a getto d’acqua e con una piccola scopa, seguita dall’asciugatura al sole.

Tosaerba elettrico o a cuscino d’aria


alt

Macchina compatta, ideale per le aiuole e le superfici ridotte, il tosaerba elettrico può essere di metallo, PVC o di plastica resistente. Il carter di taglio è il più sollecitato; dopo aver scollegato la macchina, procedi alla pulizia con una spatola, un raschiatoio e una spazzola metallica per eliminare i cumuli di erba creati durante la tosatura. Dopo aver rimosso i residui di erba, posiziona un sacchetto di plastica sul motore e passa un getto di acqua unicamente sotto al carter. Verifica lo stato della lama del tosaerba, smontala e riaffilala se necessario. Svuota con cura il serbatoio di raccolta e passaci un getto d’acqua, per poi lasciarlo asciugare al sole.

Tosaerba termico

È la macchina più diffusa sul mercato. A traino o meno, propone a seconda della sua versione una moltitudine di opzioni, e richiede dopo ogni tosatura quindici/trenta minuti di pulizia.

Pulire il proprio tosaerba termico in 10 fasi


alt
  1. Per sicurezza, scollega il filo della candela.
  2. Non far girare la lama con le mani, potrebbe rimanere della compressione nel cilindro che fa girare la lama accidentalmente, rischiando di ferirti.
  3. Con il serbatoio vuoto o quasi, ribalta il tosaerba semplicemente a 90° o con una leva per tosaerba, assicurandoti che il filtro ad aria sia in posizione alta per non annacquare il motore, cosa che potrebbe comprometterne il riavvio.
  4. Smonta la lama e assicurane l’affilatura.
  5. Utilizza un raschiatoio per eliminare i cumuli di erba e passa dell’acqua sul carter o, ancora meglio, un pulitore ad alta pressione.
  6. Rimonta la lama verificandone bene il senso di montaggio.
  7. Chiudi bene la vite di fissaggio senza dimenticarti di mettere a posto la rondella di sostegno.
  8. Rimuovi l’erba accumulata attorno al motore con una spazzola o una piccola scopa.
  9. Pulisci le ruote con una spazzola metallica prima che l’erba si secchi.
  10. Passa il getto d’acqua sulla scatola di raccolta e lasciala asciugare al sole.

Tosaerba dotato di un sistema autopulente

Al momento dell’acquisto, forse hai optato per un tosaerba con un sistema autopulente e se questo è il caso, troverai nella parte superiore del carter un raccordo rapido che permette di collegarlo direttamente al tubo di irrigazione. Ovviamente bisogna posizionare il tosaerba su una superficie dove l’acqua utilizzata per la pulizia possa essere rilasciata o raccolta. Non c’è bisogno di ribaltare il tosaerba, se non per verificare il risultato dopo la pulizia.

Scopri il catalogo ManoMano
Lama del tosaerba

Pulire il proprio tosaerba prima dell’inverno


alt

La pulizia prima dell’inverno richiede un’operazione più in profondità rispetto a quella eseguita dopo ogni tosatura.

7 consigli per pulire il proprio tosaerba per l’inverno

  1. Il carter di taglio deve essere passato con cura con un pulitore ad alta pressione per eliminare ogni traccia di erba che potrebbe restare.
  2. La copertura dellacinghia presente nel carter deve essere smontata in quanto spesso dei residui riescono a penetrare all’interno e rovinare la cinghia.
  3. Le pulegge sono anch’essa da pulire.
  4. Le ruote devono essere smontate per eliminare qualsiasi potenziale incrostazione.
  5. La parte superiore del carter, così come l’area del motore, deve essere pulita minuziosamente. Se la spazzola non basta, utilizza un pennello per rimuovere la polvere e qualsiasi altra particella da tutte le parti meccaniche. Se invece hai un compressore, passa un soffiatore ad aria compressa nei luoghi inaccessibili manualmente.
  6. Il serbatoio di raccolta deve essere pulito a fondo. Dalle griglie di aereazione deve essere rimosso qualsiasi residuo di erba che può nuocere al buon funzionamento della macchina. Anche in questo caso il pulitore ad alta pressione è da preferire al getto di acqua.
  7. Per le macchine dotate del sistema autopulente, bisogna procedere allo stesso modo con una pulizia supplementare in profondità.

La pulizia annuale richiede molta pazienza. Non è la cosa più piacevole da fare, ma in primavera, quando ti ritroverai con un tosaerba pulito e pronto ad aprire la stagione, saprai di aver risparmiato non poco. 

Scopri i nostri tosaerba!

Guida scritta da:

Michele, Saldatore professionista e di passione, Sardegna, 82 guide

Michele, Saldatore professionista e di passione, Sardegna

Ho acquisito una formazione da carrozziere, da tubista/saldatore e dopo aver percorso per trentacinque anni cantieri italiani e belgi, sono diventato responsabile di una caldareria poi progettista, tecnico responsabile di progetti per poi finire come capo responsabile dei progetti. In pensione, ho sistemato e attrezzato un laboratorio in cui realizzo sculture metalliche: sono riuscito a combinare e sistemare un angolo di paradiso dove amo lasciare libero spazio alla mia immaginazione. Sfasciacarrozze e mercatini dell’usato non hanno più segreti per me: ci trovo oggetti insoliti e vecchi attrezzi che colleziono o trasformo in oggetti d’arte. Amo anche la decorazione, la pittura su tela e il giardinaggio. Seguo l’evoluzione delle nuove tecnologie riguardanti gli attrezzi. Condividere con voi la mia passione e consigliarvi con umiltà nelle scelte di materiale è un vero piacere.

I prodotti collegati a questa guida