Come riciclare i rifiuti domestici

Come riciclare i rifiuti domestici

Jennifer, Tuttofare autodidatta

Guida scritta da:

Jennifer, Tuttofare autodidatta

16 guide

Riciclare è un gesto ecologico. Gli italiani producono grandi quantità di rifiuti. È giunto il momento di ridurne la produzione e valorizzare dunque le materie prime. Ma come fare? Capire, differenziare, riutilizzare, compostare... Ecco qualche buon consiglio da mettere in pratica.

Caratteristiche importanti

  • Rifiuti riciclabili
  • Prodotti inquinanti
  • Raccolta differenziata
Scopri le nostre pattumiere!

Il punto sui rifiuti prodotti


alt

In Italia, sono stati prodotti 489 kg di rifiuti per abitante nel 2017 secondo l'ISPRA (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale). Ogni famiglia getta quasi 2 tonnellate di rifiuti urbanie assimilati all'anno. Questi rifiuti raggruppano, tra gli altri:

  • i rifiuti domestici classici (alimenti, imballaggi, rifiuti verdi...);
  • i vestiti lasciati nei punti di raccolta;
  • i rifiuti ingombranti delle famiglie (materassi, elettrodomestici, mobili...);
  • gli oggetti portati in discarica;
  • i rifiuti di esercizi, scuole, servizi pubblici o ospedali.

il 55,5% di questi rifiuti viene riciclato. Essi servono ad approvvigionare l'industria della carta, siderurgica, del vetro o delle materie plastiche. Nel 2017, sono state recuperate 17,9 milioni di tonnellate.

Scopri il catalogo ManoMano
Materassi

Come ridurre la produzione dei rifiuti

Consumare meno


alt

Per consumare meno, è necessario sapersi organizzare un minimo. Far da sé è la scelta migliore. Ad esempio, i prodotti venduti nei grandi magazzini sono pratici, ma anche dannosi per la salute e/o l'ambiente. Produrre da soli i propri prodotti domestici o cosmetici limita considerevolmente la quantità di spazzatura prodotta. In questo modo, ad esempio, è possibile riutilizzare più volte recipienti e contenitori.

Per ridurre la produzione di rifiuti, è possibile anche:

  • riparare gli elettrodomestici, invece che gettarli;
  • donare i vestiti che non mettiamo più;
  • regalare o rivendere i mobili che non utilizziamo più.

I prodotti sfusi: la soluzione ideale per evitare troppi imballaggi


alt

Gli imballaggi sono dappertutto... anche nel reparto ortofrutta! Però, per ridurre i rifiuti domestici, è meglio farne a meno. Numerosi negozi propongono oggi la vendita di prodotti sfusi. Si tratta principalmente di frutta secca, legumi come lenticchie, piselli e quinoa, ma anche pasta, riso e cereali.

È sufficiente portare con sé un contenitore (scatola, barattolo di vetro...) e riempirlo in base ai propri bisogni. Si evita così lo spreco e il consumo eccessivo. È inoltre spesso possibile portare i propricontenitori quando si va dal macellaio, dal pescivendolo o dal droghiere.

Eliminare i prodotti usa e getta


alt

Siamo stati a lungo abituati ai prodotti usa e getta. Bastoncini cotonati, cannucce, pellicola alimentare, palette di plastica per caffè... Servono solo per qualche istante e finiscono sempre nel cestino.

Molti di questi prodotti, assieme ad altri come i contenitori alimentari in poliestere espanso saranno vietati in Europa a partire da luglio 2021. I sacchetti di plastica sono già vietati dal 2017. È quindi giunto il momento di abituarcisi già da ora. Ecco qualche alternativa:

  • L'oriculi è un bastoncino in bambù per la pulizia delle orecchie. Oltre ad essere ecologico, evita la formazione di tappi.
  • Le cannucce di metallo, bambù o silicone sono una buona soluzione per sostituire quelle di plastica e si puliscono con l'aiuto di un piccolo scovolino.
  • Il bee's wrap è l'alternativa ecologica alla pellicola per alimenti. Si tratta di un pezzo di cotone rivestito di cera d'api, che ognuno può realizzare da solo.
  • Le bottigliette d'acqua possono facilmente essere sostituite con borracce.
  • Le pile ricaricabili evitano l'acquisto sistematico di pile monouso per i nostri dispositivi a batteria.

Raccolta differenziata: come differenziare bene i rifiuti

La raccolta differenziata ha un impatto positivo sull'ambiente. Facendo la raccolta differenziata dei rifiuti, si facilita il loro riciclaggio. Si risparmiano quindi le risorse naturali necessarie per fabbricare nuovi prodotti. Ci si può impegnare direttemente da casa, attrezzandosi con contenitori per la raccolta differenziata multi cestino.

La plastica

Alcune plastiche si riciclano. Per individuarle, è sufficiente fare riferimento al logo triangolare con tre frecce. Questo nastro di Möbius è accompagnato da un numero. Ogni cifra indica un tipo di plastica. Ne esistono sette, ma solo tre sono riciclabili. Quali sono i numeri da ricordare?

Numero

Tipo di plastica

Come identificarla

Utilizzo

1

PET o PETE(polietilene tereftalato)

Flessibile, leggera e trasparente

Bottiglie d'acqua minerale, di olio...

2

PEHD(polietilene ad alta densità)

Opaca, resistente e impermeabile

Taniche per detersivi, bottiglie del latte, flaconi di gel doccia...

5

PP(polipropilene)

Rigida, resistente al calore

Stoviglie di plastica riutilizzabili, paraurti, tappetini...

Cosa mettere dentro al contenitore della plastica


alt

Nei contenitori dedicati alla plastica riciclabile si devono depositare:

  • le bottiglie di plastica e i tappi;
  • i flaconi di prodotti per l'igiene e la pulizia;
  • tetrapak per alimenti (latte, passata di pomodoro, zuppa...);
  • contenitori metallici come lattine, contenitori di conserva o bombolette vanno gettati, a seconda del Comune, nel contenitore della plastica (giallo) o del vetro (verde).

Attenzione: i contenitori non devono essere sporchi.

Il vetro


alt

Il vetro si ricicla all'infinito. Tutti i contenitori in vetro possono essere raccolti in una pattumiera apposita e gettati nelle campane per vetro che si trovano in strada. Bottiglie di vino, caraffe, baratoli e flaconi di profumo possono essere smaltiti, avendo cura di togliere tappi e coperchi. In ogni caso, le stoviglie di vetro rotte, le lampadine, i vetri delle finestre e gli specchi vanno gettati nel bidone dell'indifferenziata o portati presso il centro comunale di raccolta, in base alle disposizioni del tuo Comune.

Quali sono i rifiuti da gettare nel cestino dell'indifferenziata


alt

Tutti i prodotti non riciclabili dovrebbero essere gettati nel cestino dell'indifferenziata. Qualche esempio:

  • i sovraimballaggi di plastica;
  • gli assorbenti e i pannolini;
  • i vasetti dello yogurt;
  • le confezioni degli affettati;
  • la pellicola di alluminio e la carta forno;
  • i resti degli alimenti, i gusci d'uovo, le bucce... se non si fa la raccolta dell'organico.
Scopri il catalogo ManoMano
Specchi

Compostare i propri rifiuti: un gesto ecosostenibile

Circa il 30-40% di ciò che gettiamo nell'indifferenziata potrebbe essere in realtà compostato. La compostiera permette ai rifiuti organici di decomporsi. Deve essere collocata all'esterno, al riparo da sole, pioggia e vento. Il compost è poi utilizzato come concime e fertilizzante ecologico per il terreno. Stimola la crescita di piante, alberi, arbusti e rosai proprio come un terriccio.

Un buon compost è omogeneo, friabile e di colore scuro. Dovrebbe avere l'odore della terra di bosco. Per ottenere questo risultato, è necessario mescolarlo una volta al mese per aerarlo, diversificare ciò che vi si mette e umidificarlo nei periodi di siccità.

Cosa mettere nella compostiera

Non tutti gli scarti di cibo e i rifiuti del giardino possono andare nella compostiera. Bisogna sapere che per avere un buon compost è necessario il 60% di materiali azotati (freschi) e il 40% di materiali a base di carbonio (secchi).

Gli scarti alimentari


alt
  • La frutta e la verdura tagliata in pezzi.
  • Le bucce, ad eccezione di quelle degli agrumi.
  • I pezzi di pane raffermo.
  • La pasta e il riso non conditi.
  • I gusci d'uovo.
  • I gusci di noci frantumati.
  • I fondi di caffè.
  • I sacchetti di tè senza graffetta.

I rifiuti verdi


alt
  • I residui di falciatura del prato.
  • Gli scarti del biotrituratore.
  • Le erbacce senza semi (da far seccare prima).
  • Le foglie.
  • I fiori appassiti.
Scopri il catalogo ManoMano
Compostiera

I rifiuti che non si possono riciclare facilmente


alt

Non tutti i rifiuti possono essere gettati nel cestino dell'indifferenziata. Alcuni necessitano di filiere di trattamento particolare poiché contengono componenti detti pericolosi.

  • Le pile, le batterie e le lampadine devono solitamente essere depositate negli appositi contenitori o portate al centro comunale di raccolta.
  • Le cartucce d'inchiostro per la stampante devono essere portate al centro comunale di raccolta.
  • Allo stesso modo gli elettrodomestici (piccoli e grandi).
  • L'olio del motore e gli oli usati vengono in genere raccolti dalle officine o consorzi oppure portati in discarica.
  • I farmaci devono essere riportati in farmacia.
  • Le radiografie devono essere invece buttate nell'indifferenziata, a meno che nel tuo comune non siano presenti consorzi che le ritirino.

Scopri il catalogo ManoMano
Pile

Scopri le nostre pattumiere!

Guida scritta da:

Jennifer, Tuttofare autodidatta, 16 guide

Jennifer, Tuttofare autodidatta

Non ho ricevuto nessuna formazione particolare, ho imparato sul campo quando si è presentata l’occasione. E che soddisfazione poter realizzare da sola i piccoli lavori di casa! Quando ho traslocato, c'era tutto da rifare: dal pavimento al soffitto, dalla cucina al bagno. E così ho imparato a fare tutto e in maniera sempre più professionale. Ora i miei amici mi chiamano quando bisogna tirarsi su le maniche. E si sa, quando si viene coinvolti in qualcosa di bello non si riesce più a smettere. È questa passione che ci fa affrontare le sfide: un’idea in mente e la creazione prende il via con pochi attrezzi. Ma quando si ha una passione la cosa più bella è poterla condividere con gli altri, quindi sarò molto felice se i miei consigli potranno esserti utili!

I prodotti collegati a questa guida