Come riparare un lavello incrinato

Come riparare un lavello incrinato

Girolamo, piccolo imprenditore, Trento

Guida scritta da:

Girolamo, piccolo imprenditore, Trento

93 guide

Riparare una crepa in un lavello da cucina, un lavabo del bagno oppure un vecchio lavello di porcellana smaltata, a seguito dell'urto di un oggetto pesante, è un'operazione facile da eseguire. A tal fine, è necessario applicare una resina epossidica bicomponente, carteggiare e poi riverniciare il lavello con vernice epossidica.

Caratteristiche importanti

  • Preparare il lavello da riparare
  • Carteggiare il lavello incrinato e preparare la miscela di resina
  • Applicare la resina epossidica e carteggiare la stuccatura
  • Applicare la vernice epossidica sul lavello
Scopri le nostre resine epossidiche

Lavello incrinato: come ripararlo facilmente

Vi sono due ragioni per cui potrebbe essere necessario riparare un lavello incrinato:

  1. L'urto di un oggetto pesante: un flacone di profumo scivola via dalle mani e incrina il lavabo in porcellana del bagno o una pesante pentola in ghisa cade e incrina il lavello della cucina.
  2. La ristrutturazione di un lavello in porcellana smaltata: hai trovato un vecchio lavello di porcellana incrinato in un mercatino dell'usato e vorresti utilizzarlo nel tuo progetto di ristrutturazione, ma prima devi ripararlo.

In breve, per riparare una crepa o un danno da impatto su un lavello in porcellana smaltata, useremo una resina epossidica bicomponente. Si tratta di un kit costituito da due paste o gel (a seconda del produttore), che occorre miscelare e poi applicare sulla superficie da riparare.

Per nascondere la riparazione, poiché la resina applicata sarà visibile come una toppa, occorrerà ridipingere il lavello o il lavabo con una pittura specifica.

Fasi di realizzazione

  1. Preparare il lavello da riparare
  2. Carteggiare il lavello incrinato e preparare la miscela di resina
  3. Applicare la resina epossidica e carteggiare la stuccatura
  4. Applicare la vernice epossidica sul lavello

Competenze richieste


non definito

Riparare una crepa su un lavello è facile: saper leggere un manuale e osservare le proporzioni, saper smontare un lavello, carteggiare e dipingere.

Tempi di realizzazione


non definito

da 2 a 4 ore

Numero di persone


non definito

1 persona

Utensili e materiali di consumo


non definito

  • Cassetta degli attrezzi da idraulico
  • Chiave a bussola
  • Prodotto sgrassante per uso domestico
  • Spugne
  • Pinza multipresa o poligrip
  • Set di cacciaviti
  • Set di spatole
  • Carta vetrata fine
  • Resina epossidica sigillante per apparecchi sanitari in porcellana
  • Stracci
  • Bilancia elettronica
  • Nastro adesivo e teli di protezione
  • Kit di vernice epossidica da ristrutturazione per apparecchi sanitari in porcellana
  • Rullo per pittura in spugna

Dispositivi di protezione individuale


non definito

  • Tuta da lavoro
  • Un paio di guanti adatti alla resina epossidica
  • Maschera di protezione delle vie respiratorie
  • Occhiali di protezione

Questa lista non è esaustiva. I dispositivi di protezione individuale devono essere adattati ad ogni situazione di lavoro.

Riparare un lavello incrinato:

1. Preparare il lavello da riparare

Considera che se il lavello è già smontato, il compito sarà ancora più facile.

Smontare il lavello


Smontare un lavabo / lavello
  • Smonta il lavello dalla sua posizione.
  • Se il lavello in porcellana smaltata comprende accessori come una piletta, un sifone, una griglia di troppopieno o un rubinetto, anche questi dovranno essere rimossi.
  • Munisciti di una chiave a bussola, di un set di cacciaviti e di una pinza multipresa e smonta con cura gli accessori dal lavello.

Sgrassare e pulire il lavello

  • Prima di applicare qualsiasi prodotto di riparazione, la porcellana deve essere pulita.
  • Munisciti dei dispositivi di protezione individuale e poi, con i prodotti di pulizia adatti e le spugne, pulisci e sgrassa il lavello. Esegui l'operazione due volte. Non si tratta di una normale pulizia igienica, bensì di una preparazione per il ripristino. È quindi necessario insistere.

2. Carteggiare il lavello incrinato e preparare la miscela di resina

Carteggiare il lavello e la zona da ripristinare

  • Carteggia leggermente lo smalto del lavello sull'intera superficie.
  • Poi carteggia ulteriormente la zona da riparare.
  • Pulisci per rimuovere ogni traccia di polvere dalle superfici.

Preparare la miscela di resina


Preparare la resina

  • Munisciti di una bilancia elettronica, del kit di resina da restauro, di una spatola e miscela il prodotto A con il prodotto B nelle proporzioni indicate nelle istruzioni del produttore.
  • Lascia riposare per il tempo indicato, quindi preparati per l'applicazione.

3. Applicare la resina epossidica e carteggiare la stuccatura

Applicare la resina

  • Applica la miscela sull'incrinatura da riparare e sugli eventuali altri punti da ripristinare con l'ausilio di una spatola adeguata.
  • Lascia asciugare per il tempo indicato nelle istruzioni.

Carteggiare la resina

Una volta che la resina è asciutta, indossa nuovamente i dispositivi di protezione, in particolare la maschera di protezione delle vie respiratorie (le polveri sottili di resina sono molto dannose), quindi carteggia la resina fino ad ottenere una superficie liscia.

4. Applicare la vernice epossidica sul lavello

La resina non sarà esattamente dello stesso colore dello smalto del lavello.

  • Utilizzando un kit di vernice epossidica per sanitari in porcellana smaltata e un rullo per pittura in spugna, applica il prodotto sulla superficie del lavello, seguendo le istruzioni riportate sul kit.
  • Attendi che la vernice asciughi.

Una volta riparato e restaurato, non resta che montare il lavello.

Scopri le nostre resine epossidiche

Guida scritta da:

Girolamo, piccolo imprenditore, Trento, 93 guide

Girolamo, piccolo imprenditore, Trento

Elettrotecnico di formazione, ho iniziato lavorando nell’industria dove mi sono occupato di impianti e cablaggio. Quasi subito sono diventato responsabile della gestione degli operai addetti alla manutenzione. Dopo qualche anno, ho deciso di mettermi in proprio e ho avviato una piccola impresa come elettricista. Ho all’attivo diverse centinaia di cantieri realizzati e il lavoro ben fatto e la soddisfazione dei miei clienti sono le mie priorità. Da circa tre anni sto restaurando e ampliando uno chalet in Trentino, sfruttando la mia esperienza e le mie conoscenze tecniche. Terrazzamenti, interior design, coperture, impianti idraulici, elettricità, tutto… Con mia figlia e mia moglie abbiamo fatto quasi tutto da soli! La mia esperienza mi ha dato la possibilità di apprendere tanti tipi di lavori. Ed ora sono qui per rispondere ai vostri dubbi e per consigliarvi nella scelta degli strumenti giusti.

I prodotti collegati a questa guida