Come scegliere degli utensili di serraggio?

Come scegliere degli utensili di serraggio?

Anita, intarsiatrice, Certaldo

Guida scritta da:

Anita, intarsiatrice, Certaldo

10 guide

Che si lavori del metallo o del legno, gli strumenti di serraggio sono necessari per tenere fermi gli oggetti durante la loro lavorazione o il loro assemblaggio. Morsetti, pinze, presse da banco, presse rapide, morse… attenzione alle dita!

Caratteristiche importanti

  • Pressa
  • Pinza
  • Morsa
  • Capacità di serraggio
Scopri i nostri utensili di serraggio!

Che utensili di serraggio esistono?


alt

Si distinguono a grosso modo due tipi di strumenti per:

  • Serrare due oggetti uno all’altro per poterli assemblare;
  • Mantenere fermo un oggetto durante la sua lavorazione.

Nella prima categoria, troviamo le presse a pannelli, le presse a telaio, le presse rapide (utilizzate principalmente in falegnameria); ma anche le morse ad angolo, le pinze di serraggio e i morsetti (utilizzati in diverse operazioni di serraggio: saldature, collages ecc.).

Nonostante possano anch’esse essere utilizzate per l’assemblaggio, le altre presse sono soprattutto fatte per tenere fermo l’elemento da lavorare. Si parla di morse e di presse da banco.

La maggior parte di questi utensili possiede delle morse: si tratta di parti metalliche (o più raramente di gomma) a contatto con l’oggetto da serrare. Tali morse hanno diverse forme per potersi adattare a tutti i profili.

Gli utensili di serraggio per assemblare


alt

A seconda delle tue necessità, puoi scegliere tra diverse presse e pinze.

  • La pressa a pannelli: è un insieme di aste filettate parallele, attaccate alle loro estremità ad una sezione quadrata di legno o di metallo, che permette di pressare le lastre di legno in vista del loro assemblaggio. L’altezza di pressatura è di circa un metro per un modello di medie dimensioni; si può aumentare la lunghezza aggiungendo più aste!
  • Le pressa a telaio: possono essere a cinghia o a corda. In entrambi i casi, la parte morbida circonda l’insieme da pressare e grazie a quattro angoli rinforzati, essa mantiene e regola gli angoli del telaio. Poi, si mette il tutto in tensione, utilizzando un meccanismo di serraggio, chiamato cricchetto.
  • La pressa da banco: come dice il suo nome, la pressa va fissata al banco da lavoro. Permette di tenere fermo qualsiasi tassello o ferro piatto per lavorarlo senza paura. E funziona bene! Inoltre, queste presse permettono di tenere fermi degli oggetti abbastanza grandi – fino a 40 cm!
  • La pressa rapida: come un piccolo morsetto maneggiabile, la pressa rapida permette di tenere due oggetti insieme facilmente; super pratica nelle situazioni delicate! Basta azionare il percussore e rapidamente le ganasce si stringono.  
  • Le pinze di serraggio: assomigliano a delle grosse mollette per il bucato di plastica rigida o di metallo. Molto pratiche per incollare due piccoli oggetti tra loro, la loro apertura varia da 2 a 7 cm. La loro capacità di serraggio è tuttavia limitata.
  • I morsetti: di dimensioni e configurazioni diverse, essi si caratterizzano per la loro apertura, la loro potenza di serraggio e la loro profondità. Il serraggio può effettuarsi per avvitamento (morsetti a pompa, a vite, a C, dormienti), per pinzatura (morsetti in mano = presse rapide) o per urto (morsetto da muratore).

Gli utensili di serraggio per tenere fermo un oggetto da lavorare


alt

Obbligatori per chi fa del bricolage!

  • La morsa: è l’utensile indispensabile dell’officina. Concepita in acciaio temperato con una base rotante e un’apertura di morse variabile, è dotata di una zona d’urto chiamata incudine. Il suo ruolo è di immobilizzare tutto ciò che si trova tra le sue ganasce. La leva di serraggio aziona una vite saldata ad un cursore che chiude la ganascia mobile contro la ganascia fissa. Altri modelli, più compatti e portatili, possono essere fissati sulla tavola del tuo trapano a colonna. Esse permettono di mantenere dritte gli oggetti – legni piallati, parti metalliche. Esistono delle morse angolari (90°) o ad U (per gli oggetti rotondi come i tubi), che sono di solito d’acciaio temperato o alluminio. Alcune morse permettono dei serraggi trasversali, altre ancora sono inclinabili.
  • La morsa ad angolo: d’acciaio temperato, deve essere fissata al banco da lavoro. Essa permette di immobilizzare due parti indipendenti ad angolo dritto per poterle poi assemblare – saldatura ecc. È composto da una ganascia fissa e da una mobile.

Un ultimo consiglio sugli utensili di serraggio


alt

Ad eccezione della morsa che è lo strumento indispensabile di qualsiasi officina, gli utensili di serraggio si scelgono a seconda delle necessità ed attività di ciascuno.

Se hai bisogno di tagliare e torcere della ferraglia, opta subito per la pressa da banco. Pressa robusta con cui potrai lavorare a tuo piacere!

Se è per aggiustare la tua tazza preferita rotta dal gatto o il bordo della mensola, opta per la pinza di serraggio o la pressa rapida: il loro utilizzo è semplice ed efficace!

Le presse a pannelli e atelaio sono specifiche e accettano solo l’utilizzo alle quali sono destinate, così come il morsetto da muratore.

Per quanto riguarda i morsetti, essi sono indispensabili in falegnameria!

Attenzione alle dita!

Per saperne di più

Per saperne di più sui vari attrezzi da lavoro, scopri le guide dei nostri redattori:

Come scegliere degli utensili pneumatici?Come scegliere degli attrezzi manuali per segare e tagliare il legno?Come scegliere un cacciavite?

Come scegliere un cacciavite elettrico?Come scegliere delle viti?

Come scegliere una chiave ad impulso?Come scegliere una chiave pneumatica?Come scegliere una chiave dinamometrica?

Scopri i nostri utensili di serraggio!

Guida scritta da:

Anita, intarsiatrice, Certaldo, 10 guide

Anita, intarsiatrice, Certaldo

Dedita al bricolage sin dall’infanzia, sono sempre stata un’appassionata di nuovi attrezzi e altri piccoli macchinari molto utili! Sempre curiosa delle novità riguardanti utensili e materiali, mi interesso da vicino a costruzioni di ogni tipo. La mia esperienza professionale in quanto artigiana intarsiatrice (ok suona meglio al maschile ma possiamo sempre accordarla!) mi permette di praticare un materiale nobile e allo stesso tempo comune: il legno. Circondata da carpentieri e altri costruttori, sono continuamente in contatto con professionisti e dilettanti di costruzioni in legno, ma anche di produzioni varie! Essendo io stessa appassionata di giardinaggio, mi piace anche coltivare l’orto e inutile dirvi che l’estate si conclude all’insegna minestrone! Allora con queste due passioni, spero con piacere di poter rispondere alle vostra domande!

I prodotti collegati a questa guida