Come scegliere i raccordi idraulici

Come scegliere i raccordi idraulici

Girolamo, piccolo imprenditore, Trento

Guida scritta da:

Girolamo, piccolo imprenditore, Trento

93 guide

Raccordi da saldare o biconici per un impianto in rame, raccordi da avvitare a compressione per un impianto in polietilene, raccordi a crimpare, scorrevoli, ecc. per un impianto PEX o ancora raccordo in PVC per evacuazione a pressione o da incollare: ecco i nostri consigli per un impianto idraulico senza problemi! 

Caratteristiche importanti

  • Tipo di raccordo
  • Impianto in rame
  • Impianto in PVC
  • Impianto in PEX
Scopri i nostri raccordi idraulici!

Quali sono i principali raccordi idraulici

Iniziamo con una breve panoramica sui principali tipi di raccordi:

  • I raccordi di rame si brasano e per installarli occorrono i giusti attrezzi da idraulico.
  • I raccordi biconici permettono di raccordare i tubi di rame senza saldare.
  • I raccordi da avvitare si avvitano con del teflon o della stoppa.
  • I raccordi PEX sono parte integrante degli impianti PEX e si assemblano senza saldatura.
  • I raccordi in PVC a pressione e per evacuazione vanno incollati.
  • I raccordi in polietilene a compressione si utilizzano sulle tubature in polietilene (alimentazione generale) e il loro raccordo viene effettuato avvitando.

Qualche volta ti troverai ad utilizzare, a seconda delle tue competenze e necessità, raccordi in rame, biconici, da avvitare e raccordi in PVC, che saranno per lo più destinati all'evacuazione.

Raccordi da saldare

Raccordi in rame


alt

I raccordi in rame si assemblano brasandoli sul tubo di rame. La brasatura è una tecnica di saldatura, che possiamo distinguere in brasatura forte per l'acqua calda e brasatura fredda per l'acqua fredda.

La saldobrasatura si realizza con un cannello o una postazione per saldatura a fiamma e un metallo d'apporto da scegliere in base al metallo da brasare.

I raccordi da saldare sono dimensionati al diametro dei tubi e conformi alla necessitàdi installazione (a gomito, a T, a manicotto, ecc.).

Raccordi senza saldatura

Raccordi da avvitare


alt

I raccordi da avvitare vanno, senza sorpresa, avvitati: la tenuta stagna si ottiene applicando del teflon o della stoppa sulla loro filettatura. Molto utilizzati negli impianti domestici, possono essere in ottone o acciaio galvanizzato e con diversi passi di vite (espressi in millimetri o pollici). I raccordi da avvitare possono essere maschi, femmine o maschi-femmine e sono utilizzati come gomito, T, manicotto o tappo. In certi casi richiedono una guarnizione.

Raccordi biconici o a ogiva


alt

Un raccordo biconico permette di raccordare due tubi in rame senza brasatura: è sufficiente avvitarli, perciò sono un metodo di connessione rapido ed efficace. Funzionano grazie ad un anello che si deforma man mano che si avvita, rendendo stagna la connessione del raccordo sul tubo di rame. Sono il sistema perfetto per chi non possiede una lampada per saldatura o un cannelloRaccordi PEX


alt

La sigla PEX designa il polietilene reticolato e i raccordi permettono di realizzare un impianto. I tubi in PEX sono flessibili, e vengono utilizzati in ristrutturazione e negli impianti dell'acqua o impianti di riscaldamento per la loro semplicità d'installazione (non richiedono brasatura). Possiamo distinguere quattro categorie di raccordi PEX: a compressione, a crimpare, scorrevoli e automatici.

Raccordi a compressione


alt

Come indica il nome stesso, la tenuta stagna è assicurata dallo schiacciamento del tubo sul raccordo. Lo schiacciamento avviene grazie ad un dado, perciò per montare un raccordo di questo tipo ti basterà usare la giusta chiave piatta.

Raccordi a crimpare


alt

Questi raccordi sono un po' più complessi da assemblare rispetto a quelli a compressione, la tenuta stagna è assicurata dall'aggraffatura del raccordo sul tubo PEX. Questi raccordi necessitano di una pinza aggraffatrice.

Raccordi scorrevoli


alt

Sono i più affidabili tra i raccordi PEX. Vengono anche utilizzati negli impianti di riscaldamento in cui la tenuta stagna deve essere perfetta e duratura. Sono abbastanza complessi da assemblare e necessitano di una certa esperienza e manualità, oltre agli appositi attrezzi: pinza allargatubi e pinza a scorrimento.

Raccordi automatici 


alt

Simili ai raccordi a compressione, per montare questi raccordi non servono particolari capacità o competenze. L'assemblaggio si effettua grazie ad una clip che va bloccata con un dado. Sono facili da montare, tuttavia sono tra i raccordi PEX meno resistenti.

Raccordi da incollare

Raccordi PVC per evacuazione


alt

raccordi PVC per evacuazionenon sono realizzati per sopportare alcuna pressione interna, ma solamente per scaricare a caduta. Questi raccordi vengono utilizzati negli scarichi di lavandini, lavabi, docce, vasche e WC.

Per realizzare il nostro sistema di evacuazione abbiamo a disposizione raccordi di ogni forma e dimensione (a gomito, a T, a manicotto, riduttori, ecc.) e di ogni diametro.

Questi raccordi vengono montati incollandoli con una colla speciale PVC che garantisce un assemblaggio rigido e a tenuta stagna.

Raccordo PVC a pressione


alt

A differenza dei raccordi PVC per evacuazione, i raccordi PVC a pressione sopportano, come indica il nome, fino ad un certo grado di pressione interna. Possono quindi essere utilizzati per l'impianto idrico.

Per assemblare un impianto in PVC a pressione abbiamo a disposizione tutta una serie di raccordi: a gomito, a T, a manicotto, riduttori, da avvitare, valvole, valvole di ritegno, ecc.Questi raccordi possono essereincollati (se si tratta di incastri maschi-femmina) o avvitati, ad esempio nel caso di una valvola di ritegno, di un raccordo di unione, ecc.

Scopri il catalogo ManoMano
Valvola di ritegno

Conformazione e utilizzo dei raccordi idraulici

Raccordo

Materiale

Diametro

in mm

Diametro

in pollici

Utilizzo

Da saldare

Rame/ottone

Da 10 a 64

-

SanitarioRiscaldamento

Da avvitare

Ottone/ acciaiogalvanizzato

8/13

12/17

15/21

20/27

26/34

1/4

3/8

1/2

3/4

1

Sanitario

Biconico

Ottone

8/13

12/17

15/21

20/27

26/34

1/4

3/8

1/2

3/4

1

Sanitario

PEX

Ottone

Da 12 (15/21) a 20 (20/27)

Da 1/2 a 3/4

Sanitario Riscaldamento

Polietilene a compressione

Ottone

Da 12 (15/21) a 20 (20/27)

Da 1/2 a 3/4

Sanitario

PVC evacuazioneda incollare

PVC

Da 32 a 500

-

Impianto di scarico

PVC a pressioneda incollare

PVC

Da 16 a 630

-

Impianto idrico

Tipi di raccordi idraulici

Tipo di raccordo

Utilizzo

Manicotto

Permette di raccordare due tubi in unione diritta

Gomito

Cambiamento di direzione di 27° - 45° - 90°

Raccordo a T

Permette di raccordare tre tubi, raccordo a forma di T

Riduttore

Permette di raccordare due tubi di diametro diverso

Tappo

Permette di tappare un elemento o un tubo

Raccordo a Y

Permette di raccordare tre tubi

Tappo d'ispezione 

Permette di creare un punto d'accesso all'impianto

Come scegliere i raccordi da saldare

Tipi di raccordi in ottone e utilizzo per un impianto domestico sanitario


alt


alt

Manicotto


alt

Un manicotto permette diraccordare due tubi in unione diritta. I due tubi devono essere dello stesso diametro, altrimenti il raccordo prende il nome di riduttore.

  Gomito


alt

Esistono gomiti con diversi angoli, anche se i più comuni sono di27°, 45° e 90°. Sono svasati per permettere al tubo di rame di inserirsi al loro interno per la brasatura. Sono facili da assemblare e vengono spesso utilizzati in ristrutturazione o durante una riparazione.

In un impianto nuovo è più semplice e affidabile piegare direttamente il tubo di rame (tubo di rame ricotto in rotoli), poiché il tubo si piega con una piegatrice. I gomiti sono dello stesso diametro.

Riduttore


alt

In pratica è un manicotto che permette di assemblare tubi di diametro diverso. Gli scarti tra i due diametri devono essere limitati a una misura.

Raccordo a T


alt

Un raccordo a T permette di assemblare tre tubi o elementi. I suoi bracci possono avere tre ingressi di diametro uguale o combinare una riduzione.Tappo


alt

Un tappo permette di tappare un tubo.

Raccordo da avvitare a bocchettone con dado girevole


alt

Il raccordo da avvitare a bocchettone permette di assemblare un tubo di rame rigido su un altro elemento o su un raccordo da avvitare.

Il termine "bocchettone" indica la forma data all'estremità del tubo rigido su cui si blocca il raccordo da avvitare.

Necessita di una guarnizione da posizionare sulla parte piatta creata dal bocchettone.  

Dimensioni dei tubi in rame in un impianto domestico


alt
Scopri il catalogo ManoMano
Piegatrice

Come scegliere i raccordi da avvitare

Materiali: ottone o acciaio galvanizzato

L'acciaio galvanizzato ha un'ottima resistenza all'ossidazione in ambienti umidi, una migliore resistenza meccanica all'abrasione rispetto all'ottone e una migliore resistenza alle deformazioni e alla trazione. Il suo utilizzo è sconsigliato in prossimità di acciaio non galvanizzato perché potrebbe prodursi un fenomeno di corrosione galvanica.

Può essere utilizzato negli impianti dell'acqua potabile e per il riscaldamento (≤ 60°C); l'ottone è più malleabile e ha una buona resistenza all'ossidazione in ambienti umidi.

Tipi di raccordi da avvitare


alt

Manicotto


alt

Un manicotto è un raccordo dritto che unisce due tubi dello stesso diametro. A seconda delle necessità può essere maschio, femmina, o maschio/femmina: MM12/17, MM15/21, FF 20/27, ecc.

Gomito


alt

Un gomito permette di cambiare direzione, l'angolo varia a seconda dell'orientamento: 27°, 45°, 90°. Come il manicotto, può essere maschio, femmina o maschio/femmina e può comprendere un riduttore.

Raccordo a T


alt

Un raccordo a T permette di assemblare tre tubi: può essere maschio, femmina o maschio/femmina. L'ingresso perpendicolare agli altri due bracci può essere dello stesso diametro o di diametro diverso.

Nipplo


alt

Un nipplo è un raccordo maschio-maschio di dimensioni uguali che permette di raccordare due codoli femmina.Riduttore


alt

Un riduttore è un manicotto che permette di assemblare tubi di diametro diverso, maschi o femmine: M20/27-F15/21, F12/17-M15/21, ecc. Lo scarto tra le due misure è limitato (due misure al massimo).

Tappo


alt

Un tappo permette di chiudere un condotto o di ostruire un elemento. Può essere maschio o femmina, a seconda del raccordo sul quale va avvitato. 

Tubo filettato


alt

Un tubo filettato permette di raccordare due raccordi femmina che distano diversi centimetri.

Scopri il catalogo ManoMano
Acciaio galvanizzato

Cos'è un raccordo biconico o a ogiva


alt

Un raccordo biconico è un raccordo di rame a vite senza saldatura. La tenuta stagna è assicurata da un anello che stretto da un dado si deforma fino a schiacciarsi tra il tubo e il raccordo. Il suo maggior vantaggio è la facilità di utilizzo: per montare un raccordo ad ogiva serve solo una chiave piatta e non serve alcuna esperienza, basta sceglierlo in base al diametro del tubo sul quale verrà avvitato.Il raccordo a ogiva non necessita saldature, guarnizioni o teflon (o stoppa) e si utilizza solamente con dei tubi in rame rigidi (e non in rotolo).

Il raccordo biconico si utilizza una volta sola: se lo sviti una volta installato, perde la tenuta stagna e bisogna cambiare l'anello (questi ultimi sono molto precisi).

Dimensioni e utilizzo dei raccordi biconici

Tipo di raccordo

Diametro filettatura e diametro del tubo

Utilizzo

Raccordo diritto

8/13 – 8 mm

12/17 – 8 mm

12/17 – 10 mm

15/21 – 12 mm

15/21 – 14 mm

15/21 – 16 mm

20/27 – 18 mm

20/27 – 22 mm

Raccordo misto utilizzato per connettere un raccordo da avvitare a un tubo di rame

Raccordo unione uguale

10 mm

12 mm

14 mm

16 mm

18 mm

22 mm

Permette di connettere due tubi di rame dello stesso diametro

Raccordo unione ridotto

10 – 12 mm

12 – 14 mm

14 – 16 mm

Permette di connettere due tubi di diverso diametro

Raccordo a T

10 mm

12 mm

14 mm

16 mm

18 mm

22 mm

Permette di connettere tre elementi delo stesso diametro

Gomito (M/F)

15/21 – 12 mm

15/21 – 14 mm

15/21 – 16 mm

Permette di realizzare una connessione a 90° tra un tubo di rame e un raccordo filettato

Gomito (F/F)

15/21

15/21

15/21

Permette di realizzare una connessione a 90° tra due elementi filettati

Cos'è un raccordo PEX

Impianto PEX

Come abbiamo già visto, il PEX è una materia plastica con cui si realizzano condutture, più o meno flessibili, di tipo idraulico, sanitario o per il riscaldamento.

Questi tipi di impianti sono accessibili a tutti, non richiedono particolari competenze o conoscenze approfondite di idraulica. Non serve brasare e ti serviranno pochi attrezzi per la sua realizzazione.

Tipi di raccordi PEX

Raccordo scorrevole


alt

Si utilizza principalmente negli impianti di riscaldamento poiché una volta installato è molto affidabile e solido a livello di eventuali perdite. I raccordi scorrevoli richiedono una certa tecnica per poterli assemblare e attrezzature speciali: pinza allargatubi e pinza aggraffatrice.

Raccordo a crimpare


alt

Permette di assemblare dei tubi PEX su elementi idrauliciin modo definitivo. In effetti il raccordo si deforma sotto l'azione della pinza aggraffatrice e diviene un tutt'uno con la tubatura.

Raccordo a compressione


alt

Si utilizza sui tubi di grosso diametro (come quelli di adduzione d'acqua domestica), ma può essere utilizzato un po' dappertutto. La giunzione avviene grazie a un dado che stringendo un anello metallico a cono serra il tubo contro il raccordo, in modo solidale e stagno. Il grande vantaggio di questo raccordo è di essere facilmente smontabile.

Raccordo automatico


alt

Tra tutti i raccordi PEXè il più facile da montare, ma è anche il più fragile! Assomiglia a raccordo a compressione, tranne che in questo caso l'assemblaggio è garantito da una clip che va bloccata con un dado.

Conformazione dei raccordi  PEX

Raccordo

Diametro tubo PEX

in mm

Diametro della filettaturain pollici

A compressione

12

12

16

20

25

3/8 – 12/17

1/2 – 15/21

1/2– 15/21

1/2 – 15/21

3/4 – 20/27

Automatico

12

14

16

-

-

-

Scorrevole

12

16

25

3/8 – 12/17

3/8 – 12/17

3/4 – 20/27

Da crimpare

12

12

16

16

3/8 – 12/17

1/2 – 15/21

3/8 – 12/17

1/2 – 15/21

Scopri il catalogo ManoMano
Dado

Cos'è un raccordo a compressione in polietilene


alt

Esiste un'alternativa ai raccordi metallici per connettere e assemblare dei tubi in PEHD (polietilene ad alta densità): i raccordi a compressione in polietilene.Funzionano esattamente come tutti gli altri raccordi a compressione, e la tenuta stagna si ottiene avvitandoli. In genere vengono utilizzati per i grossi diametri (da 16 mm fino a 90 mm).

Li troviamo spesso sugli impianti d'adduzione dell'acqua negli edifici.

Diametro e utilizzo

Raccordo

Diametro in mm

Utilizzo

Manicotto uguale

Da 16 a 90

Permette di raccordare due tubi dello stesso diametro

Manicotto riduttore

20 – 16

25 – 20

32 – 20

32 – 25

40 – 25

40 – 32

50 – 32

50 – 40

63 – 40

63 – 50

90 - 75

Permette di raccordare due tubi di diverso diametro

Raccordo diritto

Da 16 (1/2 pollice) a 90 (3 pollici)

Permette di raccordare un tubo su un elemento filettato

Gomito uguale

Da 16-16 a 90-90

Permette di raccordare a 90° due tubi dello stesso diametro

Gomito maschio

Da 16 (1/2 pollice) a 63 (2 pollici)

Permette di raccordare a 90° un tubo su un elemento filettato

Gomito femmina

Da 16 (1/2 pollice) a 90 (3 pollici)

Permette di raccordare un tubo a 90° su un elemento filettato

Raccordo a T

Da 16-16-16 a 90-90-90

Permette di raccordare tre elementi dello stesso diametro

Tappo

Da 16 a 90

Permette di chiudere un fine linea

Valvola

Da 20 a 40

Permette di aprire o chiudere una canalizzazione

Scopri il catalogo ManoMano
Raccordi a compressione in polietilene

Cos'è un raccordo in PVC

PVC per evacuazione e PVC a pressione: differenze

Il PVC per evacuazione


alt

Il PVC per evacuazione (PVC semplice) è un materiale plastico che non sopporta la messa in pressione. Lo scarico all'interno di un impianto PVC deve essere a caduta.

Viene utilizzato per tutte le evacuazioni sanitarie (lavello, lavabo, doccia, vasca, ecc.), lo si riconosce dal colore grigio chiaroIl PVC a pressione


alt

Il PVC a pressione è molto resistente ed è molto più spesso rispetto al PVC evacuazione. Può essere dunque usato per gli impianti d'adduzione dell'acqua (che per definizione è sotto pressione). Può essere impiegato per un impianto d'alimentazione d'acqua potabile, un circuito di pompaggio, ecc.; lo si riconosce dal coloregrigio scuro.

Scopri il catalogo ManoMano
Lavabo
Scopri il catalogo ManoMano
Lavabo
Scopri il catalogo ManoMano
Lavabo

Impianti in PVC per evacuazione


alt

Tutto il tuo impianto di evacuazione delle acque reflue (cucina, bagno, ecc.), delle acque nere (dai WC) o dell'acqua piovana può essere realizzato in PVC, a condizione di rispettare alcune regole.

Tutto l'impianto si assembla in massima parte per incollaggio. Bisogna mantenere una pendenza minima affinché le acque possano scorrere correttamente senza che alcunché possa intasare il sistema.

L'insieme delle tubazioni delle acque reflue si ricongiunge in un collettore prima di finire negli impianti di trattamento delle acque reflue (fossa settica) o nelle fogne.L'acqua piovana può essere dispersa, recuperata e immagazzinata oppure evacuata in un fossato, nelle fogne, in un fiume o in un sistema di recupero dell'acqua piovana.

Diametro e utilizzo 

Diametro in mm

Utilizzo

32

Evacuazione cucina e bagno

40

Evacuazione cucina e bagno

50

Evacuazione bagno, trituratore WC

80

Collettore dei sottocircuiti (cucina + bagno + elettrodomestici) o acqua piovana

100

Evacuazione WC, collettore delle acque reflue e/o dell'acqua piovana

Scopri il catalogo ManoMano
Recupero dell'acqua piovana

Tipi di raccordi PVC

Raccordo

Tipo

Utilizzo

Manicotto

Dritto femmina/femmina

Permette di assemblare due tubi PVC dello stesso diametro

Gomito

A 15, 27, 45, o 87,5°; maschio/femmina o femmina/femmina

Permette di assemblare due tubi PVC dello stesso diametro con un angolo

Raccordo a T

maschio/maschio/femmina

femmina/femmina/femmina

Permette di assemblare due tubi PVC dello stesso diametro (uno entra a 90°)

Raccordo a Y

Femmina/femmina/femmina (ingresso a 30°)

Permette di assemblare tre tubi PVC dello stesso diametro (un ingresso a 30°) o due tubi dello stesso diametro e un ingresso diverso

Tappo di ispezione

In genere a vite (lato maschio da incollare)

Permette un punto di accesso ad un circuito di evacuazione

Sifoni da pavimento

Con uscita verticale o orizzontale

Permette l'evacuazione delle acque di dilavamento (garage, lavanderia, ecc.)

Riduttore

Maschio/maschio

Maschio/femmina

Femmina/femmina

Permette di assembalre due tubi di diverso diametro

Derivazione

A 90° (in genere maschio)

Permette di creare un ingresso in un tubo senza tagliarlo

Scopri i nostri raccordi idraulici!

Guida scritta da:

Girolamo, piccolo imprenditore, Trento, 93 guide

Girolamo, piccolo imprenditore, Trento

Elettrotecnico di formazione, ho iniziato lavorando nell’industria dove mi sono occupato di impianti e cablaggio. Quasi subito sono diventato responsabile della gestione degli operai addetti alla manutenzione. Dopo qualche anno, ho deciso di mettermi in proprio e ho avviato una piccola impresa come elettricista. Ho all’attivo diverse centinaia di cantieri realizzati e il lavoro ben fatto e la soddisfazione dei miei clienti sono le mie priorità. Da circa tre anni sto restaurando e ampliando uno chalet in Trentino, sfruttando la mia esperienza e le mie conoscenze tecniche. Terrazzamenti, interior design, coperture, impianti idraulici, elettricità, tutto… Con mia figlia e mia moglie abbiamo fatto quasi tutto da soli! La mia esperienza mi ha dato la possibilità di apprendere tanti tipi di lavori. Ed ora sono qui per rispondere ai vostri dubbi e per consigliarvi nella scelta degli strumenti giusti.

I prodotti collegati a questa guida