Come scegliere il piano di lavoro per la cucina?

Come scegliere il piano di lavoro per la cucina?

Giulia, Decoratrice d'interni

Guida scritta da:

Giulia, Decoratrice d'interni

40 guide

Il piano di lavoro per la cucina è un alleato perfetto per preparare al meglio le vostre ricette. Nella progettazione di una cucina, bisogna tenere in considerazione tutti gli aspetti per non essere poi delusi.

Scegli il tuo piano di lavoro

Quali sono le dimensioni dei piani di lavoro?

Anche se potete dubitarne, la scelta delle dimensioni del piano di lavoro e delle credenze è molto vasta. Ogni cucina sarà accontentata! Ma quali sono le dimensioni che dovete prendere in considerazione?

Lo spessore: Ci sono 4 misure standard: 16 mm, 28 mm, 38 mm 58 mm. Nelle cucine di design è apparsa pero’ anche una nuova misura da 20mm, chiamata “piano slim”. La scelta dello spessore dipende da criteri estetici e dai materiali scelti.

La lunghezza: la lunghezza del piano di lavoro è normalmente tra 1,80 e 3,15 metri. Ma si possono trovare facilmente piani di oltre 4 m. Inoltre è possibile farsi costruire dei piani di lavoro personalizzati.

La Profondità: Le profondità variano tra i 60 ei 65 cm. Ciò che determina la scelta della profondità, è il posizionamento del mobile in relazione ai muri e alle condutture d’acqua. Se il mobile è posizionato contro il muro, è sufficiente un piano di 60 centimetri.

Bordi dritti o arrotondati?


• Il bordo dritto, ha degli angoli dritti (come suggerisce il nome). E’ perfetto per una cucina di design, ma puo’ essere pericoloso per i bambini che possono sbattervi la testa e farsi male.

• Il bordo arrotondato, è ideale per la sicurezza dei più piccoli.

I profili del piano


Vengono chiamati profili del piano, le bande che vengono incollate sul lato del piano di lavoro dopo che questo è stato tagliato. Queste permettono di avere la stessa decorazione e delle rifiniture di design in tutta la cucina.

Quale materiale bisogna scegliere per il piano di lavoro?

Laminato: Questa è la scelta più comune. Il laminato esiste di tutti i tipi e di tutti i colori. E’ facile da pulire e ha una buona resistenza. Può essere tagliato a piacimento. Unico problema: non si può assolutamente utilizzare dietro un piano cottura.

Legno: Non si può utilizzare per la credenza. Il legno è un materiale nobile, che proprio perchè è naturale, ha bisogno di una manutenzione regolare. La levigatura e l'utilizzo di olio di lino sono necessari.

Acciaio inox: Non è un materiale molto usato per il piano di lavoro nelle cucine non professionali. L’acciaio inox è un materiale molto igienico. Ultra resistente, si fissa a circa 10 cm dietro il piano di cottura.

Piastrelle: Questa è sicuramente la scelta più economica, ma meno comoda in termini di manutenzione. La scelta delle piastrelle porta un tocco vintage alla cucina.

Vetro: Offre molte possibilità in termini di colori e finiture, esattamente come il laminato. Inoltre è resistente e non necessita di una grande manutenzione.

Resina: Altamente resistente agli urti e al calore, la resina ha tutte le qualità richieste. Facile da mantenere, igienica. La resina non è pero’ molto resistente agli urti e alle temperature oltre i 180°.

Quarzo: E’ una buona alternativa alla pietra naturale. Il quarzo è in grado di offrire una grande resistenza e non si rovina nel tempo.

La resistenza ai graffi e al calore e il livello di manutenzione per ogni materiale

Vi proponiamo una piccola tabella per sintetizzare la resistenza dei singoli materiali ai graffi e al calore. Inoltre è indicato anche il livello di manutenzione dei materiali stessi.

Resistenza ai

graffi

Resistenza al

calore

Manutenzione

Laminato

++

++

+++

Legno

+

+

++

Acciaio inox

+

++++

++++

Vetro

+

+++

++++

Resina

++

+++

++++

Quarzo

++++

+++

++++

Scegli il tuo piano di lavoro

Guida scritta da:

Giulia, Decoratrice d'interni, 40 guide

Giulia, Decoratrice d'interni

Dopo anni passati a trasformare oggetti, immaginare, disegnare, dipingere, ho deciso di convertire la mia passione in un lavoro. Dal 2006, tra Firenze e Siena, accompagno le persone nella realizzazione di progetti di ristrutturazioni o di nuove costruzioni. La mia esperienza e la mia curiosità mi spingono a ricercare sempre soluzioni innovative per me stessa e per i miei clienti. Vivere con la propria passione significa trasformare e modellare continuamente gli spazi anche a casa propria, per la grande gioia della mia piccola famiglia che approfitta dei miei suggerimenti e delle mie creazioni! Ed ora vorrei condividere con voi i miei consigli, per cercare di trasmettervi la mia passione e aiutarvi in tutti i vostri progetti!

I prodotti collegati a questa guida