Come scegliere un annaffiatoio o un irrigatore

Come scegliere un annaffiatoio o un irrigatore

Chiara, micro-imprenditrice nel giardinaggio, Salento

Guida scritta da:

Chiara, micro-imprenditrice nel giardinaggio, Salento

48 guide

Che si tratti dell’orto, del giardino, del prato o delle piante ornamentali, l'irrigazione è fondamentale. Annaffiare manualmente o irrigare automaticamente: l’importante è farlo bene senza consumare troppa acqua! Ma come e con quali attrezzature? Facciamo il punto sui vari sistemi per irrigare o annaffiare le piante.

Caratteristiche importanti

  • Oscillante
  • Ad aspersione
  • Automatico
Scopi i nostri annaffiatoi e i nostri irrigatori!

L'annaffiatoio per annaffiare aiuole, piccoli orti e piante in vaso

Come puoi immaginare, il modo più semplice per innaffiare qualsiasi pianta è utilizzare un annaffiatoio. Adatto a contenitori, fioriere o piccole aree, è anche la soluzione migliore per l'irrigazione supplementare. Esistono, tuttavia, diversi tipi più o meno adatti alle tue esigenze.

Annaffiatoio da giardino


undefined

Realizzato in materiale plastico o in acciaio zincato, il suo volume si aggira generalmente intorno ai 10 litri, ma può arrivare fino a 15 litri per i modelli più grandi. Dotato di un grande manico, maniglia, l'annaffiatoio è facile da maneggiare. Poiché può essere provvisto di un diffusore a pioggia, detto anche a cipolla, è adatto ad ogni necessità. È ideale per annaffiare le piante alla base, l'orto, le bordure fiorite, ecc.

Annaffiatoio da balcone 


undefined

È la replica esatta dell’annaffiatoio da giardino, ma in scala ridotta! È identico sotto ogni aspetto, solo la sua capacità che va da 3 a 5 litri lo rende molto più adatto a piccoli spazi (balconi, terrazzi) e a vasi, vaschette o fioriere.

Poiché viene utilizzato anche in interno, il suo aspetto decorativo è spesso particolarmente curato. Materiali: plastica, acciaio zincato o verniciato con vernice epossidica.

Annaffiatoio da interno


undefined

In soggiorno o in cucina, bisogna far attenzione a non allagare tutto! Questo tipo di annaffiatoio è sicuramente adatto a piccoli vasi o a piccoli contenitori. In plastica, acciaio zincato, inox o ottone, la sua capacità è di circa 2 litri e ha la particolarità di avere un collo lungo e sottile sul quale non è possibile applicare un diffusore.

Scopri il catalogo ManoMano
Annaffiatoio

Irrigazione automatica sotterranea e di superficie

L'irrigazione goccia a goccia e con tubo microporoso

Annaffiamento e irrigazione non sono da confondere: l'annaffiamento è aereo, viene effettuato con un annaffiatoio o con qualsiasi altro dispositivo in grado di portare l'acqua sulla la pianta per annaffiarla dall'alto; l'irrigazione invece viene effettuata dal terreno, l'acqua viene somministrata alla pianta dalla sua base, ai suoi piedi o alle sue radici.

L'irrigazione goccia a goccia


undefined

Un sistema d’irrigazione a goccia, è diverso perché non annaffia ma irriga. Se l'installazione richiede più tempo, non è difficile da realizzare ed è ovvio che se si dispone di molto terreno, di un gran numero di piante o di lunghe bordure, un annaffiatoio non è la soluzione ideale e si può prendere in considerazione un impianto di irrigazione a goccia. Risparmierai tempo e acqua. Se vuoi liberarti del tutto dell'onere di occuparti dell'irrigazione, non ti resta che dotare l'impianto di un timer automatico.

Il tubo microporoso


undefined

Un'altra alternativa è rappresentata dal tubo microporoso. Ideale per siepi o aiuole, anche il tubo microporoso irriga come l'irrigazione a goccia. Venduto in rotoli, è sufficiente collegarlo e aggiungere un programmatore al rubinetto per rendere l'irrigazione autonoma. Il tubo microporoso è un sistema di irrigazione interrato, economico e facile da installare. Nota: più complessa da installare ma più discreta, l'irrigazione interrata può essere presa in considerazione per i giardini più grandi e gli spazi pubblici.

L'irrigazione di superficie


undefined

La maggioranza dei sistemi di irrigazione di superficie (a differenza dei sistemi automatici di irrigazione interrata che richiedono un lavoro importante) può essere collegato ad un punto d’acqua attraverso un tubo di gomma.

L’acqua può provenire direttamente dalla rete di approvvigionamento idrico della tua casa, ma può anche essere pompata dalla cisterna di recupero dell’acqua piovana (la qualità dell’acqua è spesso migliore perché non ha subito alcun trattamento).

Per un funzionamento completamente autonomo, puoi installare un programmatore o un timer in modo che l’irrigazione parta e si arresti in maniera automatica. A seconda della configurazione e della natura di ciò che desideri annaffiare, vi sono varie tecniche di irrigazione automatica.

A parte i più complessi, dove più irrigatori sono utilizzati in serie sullo stesso punto d'acqua, questi impianti non richiedono generalmente alcun calcolo di portata o di pressione. Si collega l'irrigatore al tubo e si apre l'acqua. I criteri principali per la scelta di un'irrigazione di superficie sono:

  • lunghezza di irrigazione o gittata;
  • superficie o capacità d'irrigazione a seconda dei modelli di irrigatori;
  • presenza o meno di un timer integrato (principalmente per irrigatori ad impulso a settori).

Irrigatore oscillante


undefined

È il tipo di irrigatore automatico più diffuso e più richiesto. È generalmente destinato ad annaffiare prati di forma quadrata o rettangolare. Grazie alla pressione di alimentazione dell’acqua, diffonde a ventaglio molti getti d’acqua per coprire la superficie desiderata. Alcuni modelli danno la possibilità di regolare la larghezza e la lunghezza dei getti per ottimizzare al massimo l’irrigazione sul terreno. Tuttavia non è molto adatto a superfici diverse da quelle rettangolari (bordi, aiuole ecc.).

Irrigatore ad aspersione o a pioggia


undefined

È la tecnica ideale per prati e terreni erbosi perché la superficie viene annaffiata uniformemente. La maggior parte degli irrigatori può essere regolata in modo da nebulizzare l’acqua in linea retta (davanti ad essi), o in cerchio (intorno ad essi). La lunghezza dei getti è anch’essa regolabile. Questo sistema produce un innaffiamento simile alla pioggia, e ciò ha il vantaggio di non creare ristagni d’acqua in alcun punto. Per le numerose possibilità di regolazione si adatta a terreni dalle forme più varie.

Irrigatore automatico per vasi e fioriere


undefined

Molto efficaci, questi sistemi automatici si rifanno al principio della goccia a goccia. Per installare un tale irrigatore, niente di più semplice. Sono disponibili dei kit completi per irrigare automaticamente i vasi durante le vacanze. Tutto quello che dovrai fare è collegarli e i vasi si annaffieranno automaticamente quando sei via. Esistono diversi sistemi di irrigazione per vasi e fioriere:

  • un irrigatore individuale per ciascuna pianta, tipo bottiglia rovesciata; la durata dell'assenza è determinata dal volume della riserva d'acqua e dal suo flusso (fino a 28 giorni con una bottiglia da 2 litri);
  • un irrigatore a goccia con riserva d'acqua e diversi irrigatori, funzionamento semplice e senza elettricità, l'autonomia di irrigazione è determinata dal volume della riserva d'acqua e dal numero di gocciolatoi;
  • un impianto di irrigazione a goccia con programmatore, istallazione poco complessa, per gestire al meglio il fabbisogno di ogni pianta (per un periodo di assenza illimitato) utilizzando il programmatore elettronico.
Scopri il catalogo ManoMano
Programmatori elettronici

Suggerimenti per l'utilizzo e la manutenzione degli impianti d'irrigazione

Come e quando irrigare il giardino


undefined

In estate irriga preferibilmente al mattino presto o alla fine della giornata in caso di forte calore diurno per evitare che i raggi del sole e il calore facciano evaporare l’acqua prima che le piante abbiano avuto il tempo di assorbirla.

Se possibile, irriga grandi aree contemporaneamente. Non localizzare l'annaffiatura solo sulle piante e sugli arbusti, perché rischi di asfissiare le loro radici.

Per l'orto, annaffia generosamente fino al raccolto. La mancanza d'acqua riduce la crescita, soprattutto delle leguminose.

Scegli bene il tubo per innaffiare così come i raccordi necessari alle diverse connessioni.

Stoccaggio invernale degli impianti d'irrigazione

Se vivi in una zona fredda o esposta al gelo in inverno, ricordati di svuotare tutti i tubi e gli irrigatori e di riporli in un luogo riparato.

Scopi i nostri annaffiatoi e i nostri irrigatori!

Guida scritta da:

Chiara, micro-imprenditrice nel giardinaggio, Salento, 48 guide

Chiara, micro-imprenditrice nel giardinaggio, Salento

Da responsabile nel trasporto dei rifiuti, sono diventata coltivatrice specializzata nell’orticultura biologica. Con un diploma professionale in Agraria, opzione Produzione Orticola, ho provato per diversi anni a sistemarmi come giovane agricoltrice nel bel Salento. Dopo numerose delusioni, mi sono alla fine lanciata come micro-imprenditrice nel servizio a domicilio, soprattutto nel giardinaggio, assistita dal mio tenero e caro marito. Appassionata di natura e piante selvagge commestibili, sono molto attenta alle soluzioni ecologiche rispettose dell’ambiente in tutti gli aspetti della vita quotidiana. Dall’orto ai cespugli fioriti, dalla semina alla raccolta, ho in tasca ogni tipo di consiglio! Sentitevi liberi di chiedermi qualsiasi cosa!

I prodotti collegati a questa guida