Come scegliere un paranco

Come scegliere un paranco

Michele, Saldatore professionista e di passione, Sardegna

Guida scritta da:

Michele, Saldatore professionista e di passione, Sardegna

81 guide

Il paranco permette di sollevare e abbassare i carichi con precisione. Può essere manuale, elettrico, pneumatico o idraulico. Il paranco manuale è a catena o a leva e consente di sollevare carichi fino a 6 tonnellate. Il paranco elettrico, più comodo, è spesso associato ad un carrello di trasferimento.

Caratteristiche importanti

  • Manuale, elettrico, pneumatico o idraulico
  • Capacità di sollevamento
Scopri i nostri paranchi!

Che cos'è un paranco


alt

Fin dai tempi antichi l'uomo si è trovato a dover sollevare dei carichi pesanti, e per riuscirci ha inventato dei metodi sempre più ingegnosi. Quando le carrucole e le corde abbinate alla forza dei lavoratori non erano più sufficienti, è stato studiato un nuovo sistema per risolvere il problema: il paranco.

Oggi la sua estrema semplicità di utilizzo e il suo prezzo contenuto lo hanno reso uno strumento indispensabile per artigiani, muratori, carrozzieri e hobbisti esperti.

Il paranco può essere utilizzato dovunque, anche in spazi angusti e ingombrati, e ciò è particolarmente vero per la sua versione manuale, che non ha nemmeno bisogno della presenza di una presa elettrica. Basta agganciarlo ad un trave o a qualsiasi struttura solida e permette di sollevare dei carichi pesanti, fino a 6 tonnellate,senza sforzo.

Scopri il catalogo ManoMano
Presa elettrica

Paranco manuale a catena: pratico ed efficace


alt

Dobbiamo l'invenzione del paranco ad Archimede, che ha avuto l'idea di unire in un unico blocco l'enorme paranco antico costituito da due distinte pulegge per realizzare un utensile compatto che riduce notevolmente lo spazio minimo richiesto per l'installazione (altezza persa).

Una carrucola azionata da una catena continua aziona, con un demoltiplicatore, una seconda carrucola che riceve la catena e il gancio di sollevamento. Per installare il paranco basta attaccare il gancio provvisto di chiusura di sicurezza posto nella sua parte superiore.

La grandezza del demoltiplicatore va di pari passo con la forza. Un paranco con 2 tonnellate di forza richiede un maggior numero di rotazioni della carrucola di manovra rispetto ad un modello con 500 kg di forza.

Un paranco manuale a catena può essere dotato di una leva: si tratta del paranco a leva che permette di facilitare il sollevamento riducendo lo sforzo. I paranchi più leggeri possono montare corde o un filo di nylon al posto delle catene.

Capacità di carico dei paranco manuale: da 0,5 a 6 tonnellate


undefined

Il primo consiglio è di non superare mai la forza indicata sul carter del paranco. Per evitare assunzioni di responsabilità in caso di incidenti il paranco deve essere obbligatoriamente certificato CE e sottoposto a manutenzione periodica. L'altezza di sollevamento varia da 3 a 6 m. Per altezze superiori si devono utilizzare degli appositi paranchi. Ad eccezione dell'aggiunta di imbracature per aumentare l'altezza di manovra non si deve mai manomettere la catena di sollevamento.

Manutenzione del paranco


undefined

Un paranco non ha bisogno di una manutenzione particolare, a parte la periodica lubrificazione delle parti meccaniche con olio. Trattalo comunque col rispetto che merita per averti evitato tanta fatica!

Consigli d'utilizzo

Ecco la situazione: stai facendo un sollevamento delicato, il carico è appeso al paranco e devi abbassarlo o alzarlo di qualche millimetro. Se non ricordi più quale parte della catena devi tirare, prendi in mano la catena e guarda la carrucola di comando: si trova dalla tua parte? Allora usa la mano sinistra per abbassare e la destra per sollevare. È davvero semplice!

Scopri il catalogo ManoMano
Paranchi

Paranco elettrico


alt

È realizzato secondo lo stesso principio di funzionamento ma l'azionamento a catene è sostituito da un comando elettrico. Molto spesso il paranco elettrico è associato ad un carrello di trasferimento elettrico sulle postazioni di lavoro fisse (carroponte). Questo apparecchio si occupa del sollevamento di carichi molto pesanti. E fortuna che esiste, visto che per azionare un paranco manuale a catena da 6 t ci vuole un fisico da culturista!

Composizione di una pulsantiera di comando


undefined

L'unità di controllo è costituita da pulsantiera con diversi comandi:

  • sollevamento rapido;
  • discesa rapida;
  • sollevamento lento;
  • discesa lenta;
  • arresto d'emergenza.

Alla base del paranco si trova di solito un avvolgitore che permette alla parte non in tensione della catena di restare in alto senza disturbare la zona di lavoro.

A volte il l'argano elettrico a cavo viene chiamato paranco elettrico, in ogni caso si può dire che tutti i dispositivi di sollevamento verticale sono concettualmente dei paranchi.

I paranchi a catena non devono essere utilizzati per tirare carichi orizzontali perché il meccanismo potrebbe danneggiarsi. Per tirare o alare pesi in orizzontale è meglio utilizzare un verricello manuale o elettrico, oppure un argano a fune, che sono più adatti a questo scopo e hanno un cavo di maggiore lunghezza.

Scopri il catalogo ManoMano
Verricelli

Paranco pneumatico

Ha sempre lo stesso principio di funzionamento del paranco a catena, ma per funzionare necessita di un compressore. Si aziona con un comando a pulsanti.

Vantaggi


undefined

È silenzioso e antideflagrante perciò può essere utilizzato in atmosfere inquinate e particolari come le cabine di verniciatura, le fabbriche di solventi, le aziende pirotecniche, le zone umide o polverose. La pressione di esercizio è di 6 bar e il consumo d'aria varia da 4 a 6 m³/h.

In genere ritroviamo il paranco pneumatico sulle catene di montaggio, dove viene preferito al modello elettrico per la sua velocità di sollevamento e la sua affidabilità; inoltre ha una limitata altezza persa. Scegli i modelli certificati ATEX (per atmosfere esplosive) se li vuoi utilizzare in questi ambienti.

Svantaggi

È più difficile da manovrare a causa degli strappi dovuti all'azionamento con aria compressa. Occorrono diverse ore di allenamento per utilizzarlo con perizia. Bisogna pulire regolarmente i filtri dell'aria.

Scopri il catalogo ManoMano
Solventi

Paranco idraulico


undefined

Può essere utilizzato nelle stesse condizioni del paranco pneumatico. Ha una grande forza di sollevamento, è silenzioso e ad azionamento progressivo, ideale per i lavori che richiedono grande precisione e assenza di scossoni. Come dice il suo nome, il paranco idraulico necessita di un gruppo o di una fonte idraulica nelle vicinanze. Ha una altezza persa limitata.

Il suo principio di funzionamento idraulico lo rende più costoso. Viene molto utilizzato nelle officine e dagli agricoltori e i silvicoltori che utilizzano la presa di forza dei loro trattori.

Accessori e consigli per l'uso

Gli accessori per paranco


undefined

L'uso di un paranco comporta l'impiego di imbracature o catene di sollevamento.

Una regola imprescindibile: tutto deve essere in relazione alla forza del paranco e in ottime condizioni.

Sicurezza e consigli per l'uso


undefined
  • Leggi con attenzione le istruzioni d'uso che contengono i limiti di carico e i consigli di manutenzione.
  • Verifica la presenza della targa di carico che indica la portata utile massima del paranco che non deve mai essere superata.
  • Un adesivo ti ricorda di rispettare le istruzioni d'uso e come e quando lubrificare la catena di sollevamento. Non ingrassare la catena di manovra, è inutile!
  • Utilizza sempre dei guanti protettivi quando adoperi un paranco a catena.

Non si ripeterà mai abbastanza: non bisogna mai utilizzare un paranco per sollevare una persona per accedere ad un punto d'intervento! Non sostare sotto i carichi sospesi e ricorda che l'utilizzatore è l'unico responsabile.

Scopri il catalogo ManoMano
Cinghie e imbracature

Per saperne di più

Se vuoi saperne di più sui sistemi di sollevamento e gli attrezzi per la tua officina, segui i consigli dei nostri redattori e scopri le loro guide :

Scopri i nostri paranchi!

Guida scritta da:

Michele, Saldatore professionista e di passione, Sardegna, 81 guide

Michele, Saldatore professionista e di passione, Sardegna

Ho acquisito una formazione da carrozziere, da tubista/saldatore e dopo aver percorso per trentacinque anni cantieri italiani e belgi, sono diventato responsabile di una caldareria poi progettista, tecnico responsabile di progetti per poi finire come capo responsabile dei progetti. In pensione, ho sistemato e attrezzato un laboratorio in cui realizzo sculture metalliche: sono riuscito a combinare e sistemare un angolo di paradiso dove amo lasciare libero spazio alla mia immaginazione. Sfasciacarrozze e mercatini dell’usato non hanno più segreti per me: ci trovo oggetti insoliti e vecchi attrezzi che colleziono o trasformo in oggetti d’arte. Amo anche la decorazione, la pittura su tela e il giardinaggio. Seguo l’evoluzione delle nuove tecnologie riguardanti gli attrezzi. Condividere con voi la mia passione e consigliarvi con umiltà nelle scelte di materiale è un vero piacere.

I prodotti collegati a questa guida