Come scegliere un parquet massiccio

Come scegliere un parquet massiccio

Camilla, esperta in pavimentazioni, Amalfi

Guida scritta da:

Camilla, esperta in pavimentazioni, Amalfi

26 guide

Pavimento nobile, il parquet massiccio è costituito da listelli di legno massello. Il rovere è l’essenza più utilizzata, ma sono disponibili anche pino, frassino o essenze esotiche. L'offerta è ampia e i criteri di scelta numerosi. Classificazione, durezza, estetica, tipo di posa. Per la scelta giusta, segui la guida!

Caratteristiche importanti

  • Legno massello
  • Essenza
  • Classificazione e durezza
  • Aspetto estetico e finitura
  • Posa e manutenzione
Scopri i nostri parquet massicci!

Cos'è un parquet massiccio


alt

Il parquet massiccio, o parquet tradizionale in legno massello, è probabilmente uno dei pavimenti più antichi. Alcuni parquet sono ultracentenari! Si tratta di legno e di nient'altro, non c'è aggiunta di materiale ad eccezione della finitura, ovvero la protezione.

L'offerta è molto ampia e a volte un po' disorientante, tra le diverse essenze di legno, i vari colori e finiture, le dimensioni, il tipo di posa. È importante assicurarsi che il parquet massiccio scelto sia adatto ai propri gusti e all'utilizzo che se ne vuole fare.

Contrariamente al parquet prefinito, in cui solo lo strato superiore è in legno nobile, il parquet massiccio è interamente composto da una sola e unica essenza di legno. In Italia, il rovere è molto utilizzato, ma si trovano inoltre parquet in altre essenze di legno, quali:

  • il noce;
  • la quercia;
  • il castagno;
  • il teak;
  • il faggio;
  • l'ipè;
  • il merbau;
  • il wengè;
  • il frassino;
  • il pino.
Scopri il catalogo ManoMano
Parquet in legno massello

L'utilizzo e la classificazione del parquet


alt

Alla stregua di quasi tutti i rivestimenti per pavimenti, esistono classificazioni per i parquet massicci. Indicano per quale utilizzo è destinato il parquet.

La classificazione dell'utilizzo, denominata scala di Brinell, varia in base al tipo di essenza e alla sua resistenza naturale. Questa scala è associata a una classificazione di utilizzo europea a livello domestico o commerciale.

Le finiture verniciate o oliate apportano una resistenza supplementare.

La durezza naturale del legno

Riepilogo della scala di durezza di Brinell, norma europea UNI EN 1534

Classe di durezza delle essenze del legno

Classificazione in base allo spessore dello strato di usura del parquet massiccio

Spessore ≥ 3.2 mm

Spessore ≥ 4.5 mm

Spessore ≥ 7 mm

B

Legni semiduri: Noce, Teak, ecc.

22

23

31

C

Legni duri: Quercia, Acacia, Doussiè, Acero, Frassino, Iroko, Faggio, ecc.

31

33

34

D

Legni molto duri: Ipè, Palissandro, Merbau, Jatobà, Wengè, ecc.

33

34

41

Le classificazioni di utilizzo europee

Ecco un promemoria delle più comuni classificazioni d'uso europee per i pavimenti in legno massiccio:

  • classe 23: utilizzo domestico, calpestio intenso;
  • classe 31: utilizzo commerciale, calpestio scarso o saltuario;
  • classe 33: utilizzo commerciale, calpestio intenso;
  • classe 34: utilizzo commerciale, calpestio molto intenso.

Le dimensioni del parquet massiccio


alt

I parquet massicci hanno raramente uno spessore inferiore a 10 mm. La larghezza dei singoli elementi va da 50 mm a 300 mm: maggiore è la larghezza di questi elementi, più dovranno essere spessi, per rispettare la regola della stabilità del legno naturale. Degli elementi del parquet troppo larghi e poco spessi si deformerebbero ancora prima di essere posati!

Le lunghezze di ciascun elemento sono generalmente variabili e ciò significa che ci sono più lunghezze in uno stesso parquet. È normale! Il legno è caro e i produttori utilizzano tutto il materiale.

Puoi ovviamente richiedere lunghezze fisse, ma è più costoso ed è un optional!

Le lunghezze variano in base ai parquet: da 300 mm a 2000 mm, a volte più, a seconda dell'essenza legnosa e del produttore.

L'aspetto decorativo di un parquet

Attualmente esiste un'ampia scelta di parquet massicci già finiti in fabbrica (parquet prefiniti), pronti da posare. Puoi tuttavia decidere di eseguire tu stesso la finitura in loco (parquet precalibrato) scegliendo una vernice, un olio o una tinta che ti piace.

Se opti per un parquet in quercia, la scelta degli elementi di legno è un altro fattore da prendere in considerazione. Infine, lo stile e il tipo di posa giocano un ruolo importante sull'aspetto decorativo.

Le finiture e i colori


alt

Le finiture di base sui parquet massicci sono obbligatorie: o li si vernicia o li si olia. Non si lascia mai un parquet grezzo.

Sono anche disponibili numerose tonalità e sono possibili tutti i colori, o quasi. Si possono verniciare i legni chiari come il rovere, il frassino o il pino, ma non si tingono i legni esotici, che devono essere scelti per il loro aspetto naturale. Sarebbe un peccato acquistare un parquet esotico, raro e costoso, per dipingerlo!

Il rovere sbiancato e reso grigio è molto in voga e universali. Ma l'aspetto "miele" è predominante e senza tempo.

Per quanto riguarda la finitura del legno, puoi scegliere tra parquet spazzolato, patinato, segato, cerato, piallato, ecc.

La scelta del legno per i parquet in rovere


alt

Se opti per un parquet in rovere, verifica bene la qualità del legno. Infatti, il rovere presenta aspetti naturali che incideranno molto sull'estetica finale: i nodi, più o meno grossi e stuccati, la variazione di colore più o meno importante tra i vari elementi del parquet, l'alburno (traccia o linea bianca), lespecchiature e le venature.

Non scegliere mai un parquet massiccio su una superficie piccola o su un pannello espositivo che possono non essere rappresentavi. Devi assolutamente informarti. E non dimenticare mai che il legno è un materiale naturale: nessuna lama di parquet sarà mai identica a un'altra!

La qualità è sempre simile, se il tuo parquet ha dei nodi non significa che sia di seconda scelta. Si tratta solo di una scelta estetica.

Lo stile di posa


alt

I parquet massicci si presentano spesso, ma non solo, in listelli dritti. Si possono anche trovare pannelli di legno massello molto decorativi come i pannelli Versailles, ad esempio, che venivano utilizzati un tempo nelle dimore importanti. Esistono numerosi modelli di parquet in pannelli che riprendono il disegno dei parquet del passato: Soubise, Aremberg, Chantilly ecc.

Il parquet massiccio a lamelle piccole con posa a mosaico a scacchiera o il cosiddetto parquet industriale composto di piccoli listelli accostati sono tuttora molto in uso.

Le pose particolari come la spina di pesce classica e la spina ungherese sono tornate di moda e rispondono al gusto attuale. La posa ma anche la fabbricazione di questo tipo di parquet deve però essere molto precisa.

Il parquet può essere anche posato variando le larghezza e la lunghezza dei listelli (alla francese) o cassero regolare (sfalsamento dei giunti).

Scopri il catalogo ManoMano
Olio

Parquet: posa inchiodata o posa incollata


alt

Un parquet massiccio deve essere posato solidamente al suo supporto. La posa flottante è dunque da escludere. Sono quindi possibili due tipi di posa:

  • la posa inchiodata: si tratta della posa tradizionale e storica, ma necessita di un parquet massiccio di almeno 20 mm di spessore;
  • la posa incollata: è la posa più comune e è adatta ad un parquet massiccio a partire da 10 mm di spessore, prestando sempre attenzione a utilizzare una colla e una spatola dentata adeguate.

Manutenzione di un parquet massiccio


alt

Il parquet e le finiture di oggi sono di semplice manutenzione. La prima cosa da fare è passare regolarmente l'aspirapolvere o usare uno straccio in microfibra per eliminare la polvere. Poi è possibile pulire il pavimento con uno straccio molto strizzato utilizzando saponi adatti. Un buon prodotto è il sapone nero, reperibile tra i prodotti biologici.

Puoi inoltre utilizzare saponi speciali per parquet, verniciati o oliati. Attenzione: non utilizzare i prodotti per la pulizia definiti "universali". La manutenzione di un parquet non è la stessa delle piastrelle. Migliore sarà la manutenzione del parquet, più a lungo manterrà il suo aspetto originale. Ma soprattutto non dimenticare: l'acqua è il nemico giurato del parquet massiccio.

Scopri il catalogo ManoMano
Prodotti per la pulizia

Scopri i nostri parquet massicci!

Guida scritta da:

Camilla, esperta in pavimentazioni, Amalfi, 26 guide

Camilla, esperta in pavimentazioni, Amalfi

Sono nel settore delle pavimentazioni da molti anni ormai e conosco tecnicamente tutti i prodotti in commercio, dal linoleum al PVC, dal laminato al parquet, dalla moquette alla fibra di cocco, dalle monocottura al gres porcellanato, ma anche marmi e pavimenti industriali. Come sono fatti, di cosa sono fatti, quali sono le loro prestazioni, come dovrebbero essere installati correttamente e quale manutenzione richiedono, sono il mio pane quotidiano. Ho visto molti errori nei cantieri edili a causa della mancanza di informazioni sulle caratteristiche e le tecniche di posa dei materiali. I prodotti sono in continua evoluzione e anche i professionisti hanno difficoltà a tenere il passo. I produttori di questi materiali sono a volte molto tecnici e il loro gergo, spesso, non è facilmente accessibile al grande pubblico. I venditori principalmente mirano a vendere e non sempre ad approfondire le caratteristiche e i limiti del prodotto. Per questo desidero trasmettere quello che so, in modo chiaro e giocoso, a tutti.

I prodotti collegati a questa guida