Come scegliere un programmatore o un timer

Come scegliere un programmatore o un timer

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

Guida scritta da:

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

108 guide

Che si tratti dell'orto, del giardino, del prato o delle piante ornamentali, l'irrigazione è di vitale importanza. Automatizzarla con un programmatore o un timer ti esime da questo compito ed evita possibili dimenticanze ! Ma come fare, e cosa scegliere ? Scopriamolo insieme.

Caratteristiche importanti

  • Impianto d'irrigazione
  • Presa a rubinetto
  • Programmatore con telecomando
  • Fasce orarie
Scopri i nostri programmatori e i nostri timer !

Quali sono i vari tipi di automatismi ?


null

Annaffiare le piante o il giardino è fondamentale se vogliamo che il nostro verde prosperi rigoglioso. Sia che tu ti debba occupare delle piante sul terrazzo, di un orto o di un parco alberato, presto ti renderai conto che l'irrigazione richiede tempo e una quantità non indifferente d'acqua ! L'installazione di un sistema d'irrigazione automatico è una soluzione semplice per far sì che il tuo giardino venga annaffiato quando non ci sei o sei in vacanza, e va a completare la posa degli irrigatori e/o degli irrigatori a goccia. In base al tuo tipo di impianto, ci sono due diversi tipi di programmatori: a presa a rubinetto e i programmatori con telecomando.

Programmatore a rubinetto

È il modo più semplice per automatizzare l'irrigazione. Programmatori o timer si allacciano direttamente su un rubinetto, e dispongono di un raccordo per collegare il tubo per annaffiareMeccanici o elettronici, permettono di programmare una o più fasce orarie durante le quali verrà effettuata l'irrigazione. Alcuni modelli sono dotati di numerose uscite, dette "vie", per alimentare indipendemente diversi sistemi d'irrigazione. Questo tipo di programmatore funziona a pile.

Programmatori con telecomando

Chiamati anche centraline d'irrigazione, i programmatori con telecomando sono generalmente associati ad un sistema d'irrigazione interrato o di superficie, e spesso sono multivia - almeno 2. Raccordati direttamente su una specifica alimentazione idrica, permettono di programmare quotidianamente, settimanalmente o una tantum una serie di fasce orarie. Una volta installati e regolati, questi programmatori si occupano di tutto autonomamente. E visto che sono allacciati alla corrente elettrica, non si fermeranno mai a causa delle pile scariche !

Scopri il catalogo ManoMano
Programmatori o timer

Quali sono i diversi tipi di programmatori ?

Tutto dipende dal tuo impianto, dal numero di fonti d'acqua disponibili e dal tipo di vegetazione/superficie da annaffiare - prato, orto, fiori, ecc.


alt

Timer

Il sistema di automatizzazione più semplice ! Meccanico o elettronico, il timer permette di regolare un tempo d'irrigazione (in base al modello, da 5 mn a più di 2 h). Raccordato alla presa a rubinetto si inserisce semplicemente tra il rubinetto e il tubo per annaffiare. Basta girare la ghiera per iniziare l'irrigazione, che terminerà automaticamente alla fine della durata preimpostata. Sono disponibili timer con 1 o 2 vie.

Programmatore a 1 via


alt

Di utilizzo relativamente semplice, è l'ideale per i prati o per un sistema a goccia di piccole dimensioni. Raccordato alla « presa a rubinetto», si installa molto facilmente. In base al modello potrai regolare uno o più intervalli d'irrigazione di diversa durata. I più semplici dispongono di una ghiera, mentre i modelli più complessi sono equipaggiati con uno schermo LCD che indica gli intervalli impostati, lo stato delle pile, ecc. I più performanti possono presentare degli accessori supplementari come un sensore di umidità o un pluviometro in grado di agire sull'irrigazione.

Programmatori multivia

Il programmatore multivia differisce rispetto a quello ad una via per il numero di uscite. È più complesso ma anche più performante.

Presa a rubinetto

Identico al programmatore a 1 via « presa a rubinetto » ma con due vie supplementari. Ideale per annaffiare diversi tipi di zone che necessitano differenti tipi di irrigazione (un prato e un orto o un prato e un'aiuola fiorita).

Programmatore con telecomando


alt

La famosa centralina d'irrigazione. Raccordata direttamente alla rete idrica, i programmatori con telecomando più performanti consentono di programmare fino a 15 vie diverse. Questa programmazione avviene tramite delle elettrovalvole che si aprono o si chiudono a seconda delle informazioni inviate dal programmatore. Ogni area del tuo giardino può essere trattata indipendentemente. Spesso è dotato di un sensore di umidità o di un pluviometro, in modo da garantire un'irrigazione ottimale e un notevole risparmio d'acqua.Tutti i programmatori si connettono al tubo per annaffiare e al rubinetto tramite i raccordi per irrigazione.

Come ottimizzare l'irrigazione del giardino ?


alt

Come abbiamo visto, l'installazione di un sistema automatizzato per l'irrigazione offre molti vantaggi. Oltre al fatto che non ci dimenticheremo più di annaffiare, si può ottenere un sostanziale risparmio d'acqua.

Risparmio d'acqua

Interrompere o annullare l'irrigazione quando il tempo è piovoso è il vantaggio che offrono i pluviometri e i sensori di umidità. Raccordati al tuo programmatore, possono ricevere degli accesori esterni. Pensa anche ad equipaggiarti di un sistema di recupero dell'acqua piovana e di un impianto di pompaggio per mettere in pressione l'acqua per l'irrigazione.

Trasmissione dati

Al giorno d'oggi sono disponibili anche dei programmatori da remoto "online". Ti permettono di conoscere la quantità d'acqua utilizzata, di vedere o modificare i settaggi, di sapere quando le pile devono essere cambiate, ecc., direttamente sul tuo smartphone o sul tuo tablet. Per la cura e l'irrigazione del tuo giardino, segui i consigli dei nostri redattori e scopri le loro guide :

Scopri i nostri programmatori e i nostri timer !

Guida scritta da:

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria, 108 guide

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

Alto come un soldo di cacio, già lavoravo nel giardino di famiglia. Forse è da lì che è nato il mio interesse per le piante e il giardinaggio. Era quindi logico per me seguire degli studi sia di biologia vegetale che di agraria. Accogliendo la richiesta di diversi editori, ho scritto in 25 anni numerosi libri sulla tematica delle piante, dei funghi (argomento che mi è a cuore), essenzialmente delle guide per il riconoscimento all’inizio, ma presto anche in seguito, sul giardinaggio, riallacciandomi così alla prima passione della mia infanzia. Ho anche collaborato regolarmente con diverse riviste specializzate nell’ambito del giardinaggio o più in generale della natura. Siccome non c’è giardiniere senza giardino, è in un piccolo angolo dell’Umbria che coltivo il mio da 30 anni e dove metto in pratica i metodi di coltura che vi consiglio.

I prodotti collegati a questa guida