Come scegliere una sauna?

Come scegliere una sauna?

Sebastiano, Tuttofare autodidatta

Guida scritta da:

Sebastiano, Tuttofare autodidatta

261 guide

Benessere, piacere, relax… ecco le parole che rimano con “sauna”. A calore secco, per una sauna ad infrarossi, o a calore umido, per una sauna tradizionale, i benefici sul corpo sono provati. Un asciugamano e via… niente di meglio di una seduta di sauna al vapore per purificarsi!

Caratteristiche importanti

  • Legno
  • Stufa
Scopri le nostre saune!

Che cos’è una sauna?

Definizione


alt

Originaria dei paesi nordici, la sauna è una cabina di legno dove viene creato del calore secco – o umido nel caso di una sauna a vapore – per il benessere dell’utilizzatore. L’aria calda provoca una sudorazione che ha come conseguenza diretta l’eliminazione dei grassi e delle tossine.

Benefici

L’esposizione a un tale calore stimola la circolazione del sangue, rilassa i muscoli e rinforza la pelle. Aldilà degli effetti fisiologici, una seduta di sauna calma, rilassa e favorisce l’equilibrio tra il corpo e la mente.

Quali sono i diversi tipi di sauna?

Di identica configurazione, si distinguono due tipi di sauna per la loro produzione di calore: la sauna tradizionale, detta sauna a vapore e la sauna ad infrarossi, detta a calore secco.

Sauna tradizionale

Una sauna tradizionale genera spesso un calore umido, grazie ad una stufa o delle pietre vulcaniche riscaldate, che vengono irrorate d’acqua. Il tasso di umidità varia tra il 10 e il 25%. Il vapore caldo così creato, insieme al riscaldamento della stufa, aumenta la temperatura della cabina producendo gli effetti che conosciamo. L’atmosfera della sauna tradizione è riscaldata principalmente attraverso un fenomeno di convenzione e l’aumento di temperatura è di circa 30 min./1 ora. La diffusione del calore è elevata, in quanto sfiora gli 80/95°C a causa dell’emissione di vapore caldo.

Senza aggiunta d’acqua, si raggiunge una temperatura di 90/110°C in un’ambiente molto secco. Gli effetti attribuiti alla sauna a vapore sono tonificanti ed energizzanti.

Sauna ad infrarossi

Una sauna ad infrarossi produce un calore secco grazie alla tecnologia dei pannelli infrarossi installati uniformemente sulle pareti della cabina. L’atmosfera della sauna ad infrarossi è riscaldata per radiazione e il calore, più mite rispetto a quello di una sauna tradizionale, agisce direttamente sulla pelle esposta; la sudorazione è dunque favorita, con un effetto detossificante assicurato. L’aumento della temperatura di una sauna ad infrarossi è più rapido (intorno ai 20 min). Tuttavia, la temperatura è più bassa (tra i 50 e i 60°C).

Scopri il catalogo ManoMano
Sauna ad infrarossi

Che caratteristiche scegliere?

Aldilà delle referenze e delle garanzie che si attribuiscono ad un produttore riconosciuto di saune, è meglio stare attenti alla qualità del legno, degli infrarossi e alla potenza della stufa.

Legno delle cabine

La maggior parte delle cabine sauna è fabbricata a partire dal Cedro rosso o dall’Hemlock. Entrambi sono estremamente densi e presentano un buon isolamento. Tuttavia il cedro rosso ha una longevità maggiore e resta intatto negli anni.

Infrarossi in ceramica o carbonio

Tra le due tecnologie disponibili, ceramica e carbonio, privilegia la ceramica. Verifica inoltre la lunghezza delle onde ad infrarossi: più sono elevate, più sono benefiche.

Stufa

Dal momento che la diffusione del calore è convenzionale, scegli una stufa per sauna con un carico di pietre vulcaniche superiore – generalmente dai 18 ai 20 kg (alcune stufe propongono 25 kg). La potenza della stufa è determinante, in quanto influenza il consumo elettrico – da 3 a 9 kW. Una sonda, che serve per verificare la temperatura reale e che è collegata alla stufa, permette di ridurre i costi d’utilizzo. La temperatura è generalmente compresa tra i 40 e i 110°C. Il controllo delle stufe è spesso interno, tuttavia alcuni modelli dispongono di un’unità installabile all’esterno della cabina.

Scopri il catalogo ManoMano
Stufa

Sauna tradizionale o sauna ad infrarossi?

Se la sauna ad infrarossi e la sauna tradizionale sono paragonabili in termini di benessere e benefici, le due tecnologie presentano differenze, vantaggi e svantaggi.

Paragone

Per essere sicuro di fare la scelta giusta, considera i seguenti punti:

  • La sauna tradizionale è energivora a confronto di una sauna ad infrarossi. Le saune ad infrarossi più potenti sono trifasiche;
  • Il tempo di riscaldamento di una sauna tradizionale è tre volte superiore a quello di una sauna ad infrarossi;
  • La temperatura di una sauna ad infrarossi sfiora i 60°C, mentre quella di una sauna tradizionale supera facilmente gli 85°C;
  • Gli elementi di riscaldamento in ceramica sono da privilegiare per una sauna ad infrarossi. Hanno una garanzia lunga – è consigliata di almeno 5 anni;
  • Il tasso di umidità è superiore in una sauna tradizionale, in quanto essa è a vapore;
  • Il montaggio di una sauna ad infrarossi è più semplice rispetto ad una sauna tradizionale – installazione elettrica e assenza di para-vapore;
  • Alcune saune dispongono di opzioni come la cromoterapia – benefici della luce -, l’aromaterapia - diffusione di aromi-, o la musicoterapia;
  • Il numero di sdraio e la superficie sono determinanti se hai in mente un utilizzo a più persone;
  • La tua sauna (essenzialmente i modelli a vapore) può essere concepita per l’esterno o per l’interno;
  • Il cedro rosso presenta delle proprietà intrinseche migliori per la creazione delle cabine sauna. Scegli quello proveniente da uno sfruttamento sostenibile delle foreste;
  • Una lunga garanzia, almeno di 5 anni, è segno di qualità e deve essere privilegiata;
  • Per quanto riguarda la salute, per le persone che soffrono di problemi respiratori o cardiovascolari, la sauna tradizionale è sconsigliata.

Per finire, fai il punto dei tuoi bisogni fisiologici, del tuo budget, ma anche dell’installazione, la frequenza di utilizzo, gli accessori forniti, il numero di utilizzatori e il lasso di tempo dedicato.

Scopri il catalogo ManoMano
Accessori
Scopri le nostre saune!

Guida scritta da:

Sebastiano, Tuttofare autodidatta, 261 guide

Sebastiano, Tuttofare autodidatta

Rifare un tetto? Fatto. Addetto ai consigli di bricolage in un negozio? Fatto. Rifare l'impianto idraulico di un bagno? Fatto. Abbattere muri, costruire muri, dipingere pareti? Fatto. Sapete qual è il motto del tuttofare? Imparare è meglio che delegare! E poi è anche una questione di portafoglio e di soddisfazione personale! Consigliarvi? Farò del mio meglio!

I prodotti collegati a questa guida