Come scegliere una sega per il legno

Come scegliere una sega per il legno
Capitoli:
Guida scritta da:
Luca, Falegname-carpentiere per passione, Pordenone

Luca, Falegname-carpentiere per passione, Pordenone

35 guide
Oltre al classico seghetto, senza dubbio il più versatile, esistono tanti tipi di sega quanti sono gli usi. Fra quelle manuali troviamo il seghetto da traforo, la sega giapponese o il segaccio, mentre fra le elettriche il seghetto alternativo, la sega circolare o la sega a sciabola.

Caratteristiche importanti

  • Manuale
  • Meccanica
  • Tipi

Quali sono i diversi tipi di seghe per il legno

Esistono due tipi di seghe per legno: manuali o a motore. Tutte si basano sullo stesso principio: una serie di piccoli denti metallici affilati, non complanari alla lama ma leggermente piegati, alternativamente a destra e a sinistra.

1. Sega manuale


Le seghe manuali sono l’ideale per un uso saltuario in luoghi senza corrente elettrica e per piccoli budget. Dunque potrai realizzare alcuni lavori anche con questo tipo di utensile. In certe situazioni e in funzione del pezzo da tagliare non c'è niente di meglio di un segaccio!

2. Sega a motore


Le seghe a motore (elettrico, a batteria ecc.) sono più costose ma più vantaggiose in termini di rendimento. Addio all’esercizio fisico e benvenuta comodità!

Scopri il catalogo ManoMano
Seghe per legno

9 tipi di seghe manuali: quali sono le differenze?

Le seghe manuali sono utensili indispensabili per il fai da te perché sono pratiche, compatte, facilmente trasportabili ed economiche. Possono essere utilizzate per risolvere diverse situazioni: tagliare un ramo che sporge lungo il vialetto, tagliare la legna per la stufa, aggiustare un mobile, costruire un capanno, ecc. Per ogni tipo di lavoro, per ogni utilizzo, esiste una sega che può fare al caso tuo. Ecco i vari tipi di sega!

1. Saracco o segaccio


Certamente il tipo di sega più conosciuto perché il più versatile. È dotato di denti di varie dimensioni a seconda delle necessità. Una grossa dentatura rende più facile il taglio quando questo è grossolano: al contrario una dentatura fine creerà un taglio più pulito e più preciso. In linea di massima tieni conto che più grandi sono i denti, più taglierai velocemente ma il taglio sarà più grossolano. Al contrario denti più piccoli rendono il taglio più preciso ma più lungo e laborioso.

2. Sega a dorso


Utilizzata anche con una cassetta tagliacornici per ottenere tagli angolari precisi (45°/90°), la sua fine dentatura taglia rapidamente e con precisione listelli, battiscopa, cornici ed altra carpenteria per interni. Fai molta attenzione alle dita.

3. Sega giapponese


La sega giapponese sta guadagnando notorietà! Realizzata con una lama molto flessibile a denti piccoli, la sega giapponese si piega e si torce per poter accedere alle zone difficili. È indicata per tutti i tagli a raso con risultati puliti e precisi. Al differenza delle seghe occidentali, la giapponese taglia nella fase di trazione e questo riduce lo sforzo. Non provare a tagliare una trave, è tempo perso!

4. Sega a gattuccio


Chiamata anche sega a foretto, il suo «lungo muso» (lama spessa, rigida e appuntita) permette di accedere a zone difficili da raggiungere per tagli dritti o curvi come, ad esempio, una forma circolare al centro di un pannello.

5. Seghetto da traforo


Provvisto di una lama in tensione in un telaio a U, è l’ideale per eseguire tagli curvi. Il seghetto da traforo è lo strumento perfetto per i modellisti che esigono tagli fini e precisi.

6. Sega per taglio a filo


Come indica il nome, è adatta per i tagli a filo o a raso. La lama ha un leggero dislivello che consente all’utilizzatore di non farsi male durante il taglio. Si usa per le finiture.

7. Sega ad arco


Utile per tagliare i tronchi, o i grossi pezzi di legno da mettere nel caminetto durante le lunghe serate d’inverno. Denti molto grandi ed un telaio in acciaio, questa sega è la preferita da boscaioli.

8. Sega per potatura


Senza grandi sorprese, come dice il nome la sega per potatura serve per potare. Un’impugnatura, una lama curva e grande forza è tutto ciò che serve per farla lavorare!

9. Sega a telaio


È facile trovarla dagli antiquari piuttosto che nei negozi con meno di 50 anni. È la sega del nonno. La sua forma: un telaio in legno e una lama su un lato del quadrilatero. Taglia bene ma è un po’ superata.
Scopri il catalogo ManoMano
Sega giapponese

I 10 modelli di seghe a motore

Le seghe meccaniche facilitano l'esecuzione di un lavoro e offrono maggiori capacità produttive e una precisione ottimale. Stimolano l'appetito del tuttofare e lo affascinano nel paragone con le loro controparti manuali. Esistono seghe meccaniche per ogni tipo di necessità. Ma attenzione alle dita, sono pericolose!

1. Seghetto alternativo


Molto maneggevole, la sua piccola lama fine a movimento alternato permette tagli dritti o curvi, precisi e veloci. Il seghetto alternativo non è adatto per tagli lunghi e spessi perché la lama tende a flettersi (il taglio può risultare inclinato o storto). Non è molto conveniente per tagli lunghi e spessi perché tende a consumarsi – il taglio è leggermente sbieco.

2. Sega circolare


Il meno che si possa dire è che la sega circolare fa pensare ai lavori di falegnameria! La sua lama rotante fa dei bei tagli precisi e dritti. La profondità di taglio e l'inclinazione della lama consentono di eseguire anche scanalature e tagli inclinati fino a 45°. È una sega formidabile per lavorare!

3. Sega circolare ad immersione o ad affondamento


Una sega ad immersione, detta anche ad affondamento, è una sega circolare con una profondità di taglio regolabile a partire da 0, che permette quindi di iniziare un taglio al centro del pannello per poi abbassare la sega fino alla profondità del pannello. Un opional speciale per esigenze specifiche.

4. Troncatrice


È la versione motorizzata della sega tagliacornici. Fissata sul piano, la troncatrice permette di ottenere tagli o intagli rapidi con angoli predefiniti. Sono disponibili in diverse dimensioni. Ideale per tutti i lavori di falegnameria in serie (posa di pannelli, parquet, ecc.) 

5. Sega radiale


Simile ad una troncatrice, la sega radiale è però montata su un braccio mobile che permette di tagliare pezzi più larghi. L'elemento da tagliare viene posizionato sul piano, poi la sega viene abbassata e trascinata in avanti. Anche la sega radiale esegue tagli di troncatura e angolari.

6. Sega per scontornare


Grazie alla sua lama flessibile a piccoli denti tesa su un braccio oscillante, il traforo elettrico è perfetto per tagliare puzzle. Il suo piano inclinabile permette di effettuare tagli obliqui. È indispensabile per tagli precisi come nel modellismo.

7. Sega a nastro


Anche nella versione mini, la sega a nastro rimane la più grande. La sua lama a nastro continuo (tesa tra 2 pulegge) taglia con precisione e senza fatica pezzi molto più alti di altre seghe.
Con il suo piano inclinabile tutto diventa possibile, è la sega del falegname fai da te esperto.

8. Sega a sciabola


È simile al seghetto alternativo. La sega a sciabola ti permette di fare gli stessi tagli, ma con minore fatica. Un buon investimento per lavori professionali o se vuoi evitare posizioni scomode in condizioni sfavorevoli.

9. Sega da banco


Come in tutte le macchine stazionarie, il pezzo di legno va posizionato sulla macchina – al differenza degli utensili portatili. Con una sega da banco otterrai tagli diritti e angolari di profondità regolabile. È particolarmente adatta a lavori in serie e di grandi dimensioni – posa di parquet, rivestimenti, ecc.

10. Sega a tazza


Si tratta di un accessorio del trapano che consente di fare fori di grandi dimensioni. Una sega a tazza si monta sul mandrino.

Scopri il catalogo ManoMano
Mandrino

Consigli d’uso e manutenzione


La manutenzione di questi utensili fa parte delle cose importanti da fare: pulirle, fare attenzione allo stato di usura delle loro lame e proteggerle permette di garantirne l’efficienza. Per quanto riguarda i motori e le performance sono le seghe elettriche a richiedere maggiore manutenzione.

  • La maggior parte delle seghe elettriche hanno un motore asincrono, pertanto dovrai sostituire le spazzole in carbone quando necessario.
  • Le lame delle seghe elettriche si sostituiscono e si scelgono oltre all'utilizzo, alla qualità, alla lunghezza e al materiale da tagliare, in base all’attacco (lame per seghetti alternativi, ecc.).
  • Le lame per seghe circolari hanno le stesse caratteristiche generali, ma dovrai prestare attenzione all’alesaggio e al diametro della lama.

Non cercare di tagliare le punte, te ne pentirai. E soprattutto non dimenticare: ciò che taglia il legno taglia anche le dita!

Scopri il catalogo ManoMano
Spazzole in carbone

Per saperne di più

Guida scritta da:

Luca, Falegname-carpentiere per passione, Pordenone 35 guide écrits

Luca, Falegname-carpentiere per passione, Pordenone
Dopo aver esplorato un po’ tutta l’edilizia, in particolare ciò che riguarda la ristrutturazione – imbiancatura, pavimenti, falegnameria, montaggio di cucine e bagni – ho deciso di prendere un diploma in “Falegname-carpentiere montatore” e ho fatto bene perché non c’è niente di più piacevole che lavorare su una struttura o concepire una casa di legno!

Tutto ciò che riguarda il lavoro del legno mi appassiona, e costruire la mia propria casa con questo materiale è uno dei miei scopi!

Sono anche un amante dell’attrezzatura edile: adoro informarmi sulle innovazioni, i metodi di utilizzo, i trucchi o le prestazioni di ogni nuovo attrezzo sul mercato, che abbia a che fare o meno con la lavorazione del legno! Sarà un piacere per me consigliarvi e aiutarvi nelle vostre scelte!

Buon bricolage

I prodotti collegati a questa guida