Come scegliere una smerigliatrice

Come scegliere una smerigliatrice

Daniele, autodidatta nel bricolage, Emilia Romagna

Guida scritta da:

Daniele, autodidatta nel bricolage, Emilia Romagna

37 guide

Una smerigliatrice è un utensile progettato per smerigliare, tagliare, rifinire, sbavare, raschiare, pulire, levigare, lucidare. A seconda dell’uso, puoi scegliere una smerigliatrice angolare, una smerigliatrice dritta o una mototroncatrice. Elettrica, a batteria o pneumatica, i nostri consigli per la scelta.

Caratteristiche importanti

  • Dimensione del disco
  • Potenza
  • Smerigliatrice angolare
  • Smerigliatrice assiale
  • Alimentazione
Scopri le nostre smerigliatrici!

Panoramica degli usi di smerigliatrici e troncatrici

Per smerigliatrici generalmente si intendono le smerigliatrici angolari elettriche, tuttavia in funzione degli utilizzi previsti possono essere più indicate altre smerigliatrici e troncatrici di diversa ergonomia e funzionanti con diversa alimentazione.

Utensile da taglio-smerigliatura

Principali utilizzi

Energia disponibile

Profondità massima

di taglio

Smerigliatrice angolare

115 o 125 mm

Tagliare metalli e materiali di sezione ridotta, molare, rifinire, raschiare, lucidare.

Elettrica e pneumatica

30 mm

Smerigliatrice angolare

115 o 125 mm

Tagliare metalli e materiali di sezione ridotta, molare, rifinire, raschiare, lucidare.

Elettrica e pneumatica

38 mm

Smerigliatrice angolare

230 mm

Taglio di materiali da costruzione strutturali

Elettrica

70 mm

Smerigliatrice assiale

Taglio di piccoli pezzi e finiture

Elettrica e pneumatica

30 mm

Mototroncatrice

350 o 400 mm

Tagliare asfalto e lastre di calcestruzzo

Motore a scoppio

147 mm


alt

Smerigliatrice angolare da 115 o 125 mm

Nota anche con il nome di frullino, è la più diffusa tra gli amanti del bricolage; permette di tagliare tubi metallici, profilati, viti e materiali di piccolo spessore e di smerigliare. Con gli accessori appropriati, si può raschiare, levigare, lucidare, ecc.


alt

Smerigliatrice angolare da 230 mm

Attrezzo pesante e potente, è efficace per tagliare mattoni e tegole, fare tracce nelle opere, ecc. Si utilizza principalmente per i tagli nelle opere strutturali.


alt

Smerigliatrice assiale o dritta

La smerigliatrice assiale è progettata per i tagli di difficile accesso e poco agevoli per una smerigliatrice angolare. Utilizzata per la finitura e la lavorazione dei metalli, il suo disco è disposto in senso assiale rispetto all'albero.


alt

Mototroncatrice

La mototroncatrice ha un motore a scoppio a 2 tempi e un disco da 350 o 400 mm; è l’attrezzo da scegliere per i lavori strutturali e stradali pesanti, come le tracce nel calcestruzzo e nell’asfalto.

È spesso utilizzata dai vigili del fuoco nelle operazioni di salvataggio.


alt

Troncatrice da banco

La troncatrice da banco è una troncatrice per metalli fissa; il profilato metallico viene collocato sul banco e tagliato azionando la smerigliatrice fissata a un braccio mobile - un po’ come una troncatrice radiale elettrica, tranne per il fatto che la troncatrice da banco non consente alcun taglio obliquo.


alt

Smerigliatrice pneumatica

Potente e leggera ma poco maneggevole per via del tubo flessibile di alimentazione. Molto utilizzata nella saldatura e nella lavorazione dei metalli, funziona grazie all’aria compressa fornita da un compressore da cantiere o da una rete dedicata.

Scopri il catalogo ManoMano
Compressore
Scopri il catalogo ManoMano
Compressore
Scopri il catalogo ManoMano
Compressore

Le funzioni di una smerigliatrice


alt

Una smerigliatrice è un utensile multifunzione elettrico o pneumatico la cui trasmissione aziona un albero perpendicolare al blocco motore. Se dotiamo questo asse filettato di un disco di un certo spessore siamo in presenza di una smerigliatrice angolare; se utilizziamo invece un disco sottile, un disco diamantato o un agglomerato di abrasivi, otteniamo una troncatrice. Le due funzioni richiedono la stessa potenza. È per questo che una macchina può essere utilizzata per i due tipi di lavoro, smerigliatura e taglio.

Le smerigliatrici, utensili di grande versatilità, meriterebbero piuttosto il nome di smerigliatrici-troncatrici; sono disponibili, a seconda dell'utilizzo a cui sono destinate, in tre dimensioni diverse che fanno riferimento al diametro dei dischi:

  • Ø 230 mm per le opere strutturali e il taglio di materiali metallici;
  • Ø 125 mm per opere strutturali e secondarie, ma di minore entità, con profondità di taglio inferiore;
  • Ø 115 mm per le finiture.
Scopri il catalogo ManoMano
Utensile multifunzione

Smerigliatrice angolare: vista dettagliata e descrizione


alt

Una smerigliatrice angolare si compone di:

  • un manico dotato di interruttore e di comando di sicurezza, noto come dispositivo "uomo morto";
  • un blocco motore di potenza variabile;
  • una trasmissione a rinvio d’angolo sulla quale si trova un pulsante che assicura il bloccaggio del disco e due o tre fori filettati per l'impugnatura ausiliaria;
  • un’impugnatura, detta anche manico ausiliario, che può essere posizionata a sinistra o a destra;
  • un albero filettato dove viene installato il disco (filettatura M14);
  • un dado di serraggio forato con due fori corrispondenti alle alette della chiave di serraggio/smontaggio;
  • un carter di protezione orientabile di lamiera, da lasciare sempre al suo posto;
  • una chiave di montaggio del disco (chiave a gancio);
  • un cavo di alimentazione, una batteria o un tubo flessibile per l’aria compressa per le smerigliatrici pneumatiche.

Utilizzo e precauzioni

È indispensabile attenersi alle raccomandazioni dei produttori di dischi, e utilizzarli solo per lo scopo previsto. Non smerigliare con un disco da taglio: si rischia la rottura del disco abrasivo che è fatto per consumarsi solo sul bordo di taglio, mentre un disco spesso per smerigliare può lavorare su tutta la sua superficie.

Scopri il catalogo ManoMano
Smerigliatrici pneumatiche

La smerigliatrice angolare da 230 mm

Funzione smerigliatrice


alt

Equipaggiata di disco spesso adatto al materiale da trattare, può smerigliare, sbavare, molare, lisciare, lucidare, rifinire la superficie, ridurre lo spessore delle lamiere, adattare dei profilati o smussare tubi di grandi dimensioni. La sua profondità di taglio è di 70 mm al massimo.

 Funzione troncatrice


alt

Equipaggiata di disco diamantato o disco abrasivo sottile, può tagliare ferri d’armatura, troncare e disconnettere i materiali strutturali (mattoni, tegole, blocchi di cemento, ecc.) o smembrare le strutture metalliche da rottamare.

Scopri il catalogo ManoMano
Disco diamantato

La smerigliatrice angolare da 125 e 115 mm


alt

Anche per questa, come per la smerigliatrice da 230 mm, bisogna distinguere bene tra la funzione smerigliatrice e troncatrice. Si possono avere, senza rovinarsi economicamente, due smerigliatrici da 125 mm, attribuendo a ciascuna una precisa funzione. In questo caso, non c’è bisogno di smontare i dischi a ogni utilizzo e soprattutto non c’è la tentazione di smerigliare con un disco da taglio.

Oltre alle funzioni delle smerigliatrici di diametro 230 mm, vi si possono adattare molti attrezzi per pulire e lucidare. I platorelli autoaderenti con dischi abrasivi, i dischi lamellari o in feltro e le spazzole metalliche completano l’arsenale del tuttofare esperto.

In definitiva la smerigliatrice angolare Ø 125 mm è polivalente malgrado la sua profondità di taglio limitata a 38 mm. I numerosi dischi e attrezzi adattabili le permettono in particolare di:

  • raschiare e spazzolare;
  • levigare e lucidare;
  • tagliare e rifinire;
  • troncare e sbavare.

La smerigliatrice angolare Ø 115 mm, più leggera, maneggevole e precisa, ha una profondità di taglio di 30 mm al massimo. Gli attrezzi adattabili sono prevalentemente gli stessi di quella da 125 mm, tuttavia può essere più difficile rifornirsene.

Se spesso ti riconosci nel proverbio “chi più spende meno spende”, nel caso di una smerigliatrice ciò non è sempre vero! Una smerigliatrice di 230mm è pesante (in media più di 5kg), potente (ci vuole forza per tenerla) e ingombrante (non si può usare in ambienti stretti). Se fai spesso bricolage, non esitare ad acquistare una smerigliatrice di 125 mm che ti farà guadagnare del tempo prezioso in cambio di un investimento modesto!

Smerigliatrice dritta o assiale: vista dettagliata e descrizione


alt

Una smerigliatrice dritta si compone di:

  • un manico dotato di interruttore;
  • un blocco motore di potenza variabile;
  • una trasmissione diretta, centrata o sfalsata;
  • un attacco portautensili con dado, diametro 6 o 10 mm;
  • una chiave di montaggio;
  • un cavo di alimentazione o un tubo flessibile per l’aria compressa.

La smerigliatrice dritta, progettata per essere dotata di mole su asse, ruote lamellari, spazzole metalliche o frese al carburo di tungsteno, è un attrezzo di finitura spesso usato per pulire, sbavare, alesare fori troppo stretti o togliere il materiale in eccesso dai pezzi metallici.


alt

Grazie alla sua configurazione, la smerigliatrice dritta è adatta alle zone di difficile accesso; è inoltre utilizzata nell'industria metallurgica.

L’alimentazione delle smerigliatrici-troncatrici

L’elettricità: la smerigliatrice elettrica


alt

Spesso presente nella cassetta degli attrezzi del tuttofare ma anche del professionista, la smerigliatrice è nella maggior parte dei casi elettrica con cavo.

La potenza si esprime in watt (W) e talvolta si parla di potenza assorbita, quella che l’attrezzo consuma, e di potenza resa o potenza utile, quella che l’attrezzo restituisce dopo le perdite di energia.

Se non hai elettricità in cantiere, attrezzati con un gruppo elettrogeno o una smerigliatrice senza fili a batteria per guadagnare in mobilità, seppur perdendo in autonomia e potenza - modelli di smerigliatrici da 115 e 125 mm.

La batteria va scelta in funzione della sua tensione, che si esprime in volt (V) e ne determina la potenza, e della sua carica, che si misura in ampère ora (Ah) e determina la sua autonomia. Più questi valori sono elevati, migliori sono le prestazioni della macchina.


alt

L’aria compressa: la smerigliatrice pneumatica

Questa smerigliatrice è molto apprezzata dai saldatori e dai metalmeccanici per varie ragioni.

Ha una peso inferiore alle smerigliatrici elettriche e il suo utilizzo non è pericoloso in presenza di umidità. E, cosa più importante, questa macchina si avvia e si arresta istantaneamente.

I saldatori che devono utilizzare continuamente una smerigliatrice per rifinire le saldature optano tutti per la smerigliatrice pneumatica. Il tempo perso ad attendere che si fermi una smerigliatrice elettrica è 5 volte superiore rispetto a una smerigliatrice ad aria compressa. Sapendo che i saldatori sono spesso pagati per “pollice saldato”, si capisce la loro preferenza.

Ovviamente serve un compressore con una portata sufficiente, ma in cantiere o in officina sono previste reti apposite per questo.


alt

Il motore a scoppio: la mototroncatrice

Le mototroncatrici, o troncatrici con motore endotermico, sono macchine molto potenti e il loro impiego è riservato ai lavori più importanti - taglio di calcestruzzo, asfalto, ecc.

Le mototroncatrici hanno dischi di un diametro che arriva fino a 400 mm e una profondità di taglio di circa 125-145 mm.

Le mototroncatrici possono essere comparate e scelte in base alla loro cilindrata e alla loro potenza in uscita. Sono dotate di un motore a 2 o 4 tempi e si avviano mediante avviamento a strappo.

Scopri il catalogo ManoMano
Cantiere

Potenza e velocità di rotazione delle smerigliatrici

A seconda della smerigliatrice, cioè della dimensione del disco, le potenze vanno da 500 a 2.500 W per una velocità di rotazione del disco che va da 5.000 a 11.000 rotazioni al minuto (r.p.m.).

Per scegliere bene la potenza della tua smerigliatrice, analizza i tuoi bisogni e la tua frequenza di utilizzo.

  • lavori strutturali regolari, 230 mm per 2.500 W;
  • lavori strutturali occasionali, 230 mm per 2.000 W;
  • lavoretti vari regolari, 125 mm per 1.200 W;
  • lavoretti vari occasionali, 125 mm per 750 W.

Potenza e velocità di rotazione delle smerigliatrici-troncatrici

Tipo di smerigliatrice-troncatrice

Velocità di rotazione media

Potenza disponibile

Diametro 230 mm

6.000 r.p.m.

da 2.000 a 2.500 W

Diametro 125 mm

da 10.000 a 11.000 r.p.m.

da 700 a 1.200 W

Diametro 115 mm

da 10.000 a 10.500 r.p.m.

da 500 a 900 W

Smerigliatrice dritta

25.000 r.p.m.

da 400 a 1.050 W

Le opzioni di sicurezza indispensabili per una smerigliatrice


alt

Come puoi vedere, il disco di una smerigliatrice gira molto velocemente, fino a oltre 11.000 giri/minuto. È un utensile che necessita di un’attenzione costante e di forza, in particolare quando il disco si blocca e la macchina dà un contraccolpo.

Esistono alcune opzioni di sicurezza per minimizzare i rischi e facilitarne l’utilizzo, come:

  • il comando “uomo morto” che ferma il disco in meno di 2 secondi;
  • l'antiriavvio in caso di interruzione della corrente;
  • il sistema di disinnesto (frizione) in caso di inceppamento del disco;

Caratteristiche al servizio del confort di lavoro


alt

Nella scelta della tua smerigliatrice, non trascurare soprattutto le opzioni che facilitano le tue attività di lavoro e, di conseguenza, ti aiutano a lavorare in tutta sicurezza:

  • il regolatore di tensione permette un avvio progressivo e un adattamento della velocità al materiale lavorato;
  • la funzione di blocco/sblocco dell’albero facilita la sostituzione del disco;
  • un manico antivibrazione o antiscivolo migliora la tua comodità di lavoro;
  • sistema di ammortizzazione integrato e manico supplementare per ridurre le vibrazioni e proteggere le articolazioni;
  • il peso, più il tuo modello è leggero, più è facile da maneggiare;
  • l'aspirazione delle polveri permette di mantenere pulito (più o meno!) il tuo luogo di lavoro;
  • segnale luminoso a LED in caso di attivazione della protezione antiriavvio o di surriscaldamento;
  • la sostituzione rapida del disco;
  • i manici ausiliari a tre posizioni, presenti in quasi tutti i modelli;
  • il carter di protezione orientabile;
  • un sistema di raffreddamento ottimizzato;
  • spazzole autoespellenti per la protezione del motore.

I criteri per scegliere la smerigliatrice più adatta


alt

Molare, troncare, rifinire, sbavare, lavorare le superfici, levigare e lustrare… l’efficacia e la versatilità delle smerigliatrici-troncatrici non hanno più bisogno di essere dimostrate, perciò privilegia sempre la sicurezza.

Le differenze di prezzo tra una smerigliatrice e un’altra sono dovute a:

  • la qualità della finitura complessiva e del motore elettrico;
  • l’isolamento termico della macchina per un maggiore comfort di lavoro;
  • la qualità del servizio post-vendita - spazzole di carbone e altri pezzi di ricambio;
  • l’ergonomia del manico e la sua capacità di assorbire le vibrazioni;
  • un modesto tasso di vibrazione, grazie al sistema antivibrazioni;
  • la morbidezza del bottone di accensione e spegnimento;
  • le opzioni di sicurezza come l’avvio graduale, il disinnesto ovvero l’arresto immediato in caso di inceppamento, l’antiriavvio dopo l’interruzione di corrente;
  • delle modeste perdite di energia, cioè una differenza minima tra potenza assorbita e resa;
  • l’assenza di carbone sui motori sincroni;
  • la marca e il numero di anni di garanzia.

Non basarti sul numero di giri al minuto (r.p.m.) per le smerigliatrici da 230 mm: più sono potenti, meno hanno bisogno di girare velocemente!

Se dovessi perdere la chiave per cambiare il disco, niente panico, queste chiavi sono vendute separatamente. E, prima di perderla, piuttosto fai come con la chiave del mandrino del trapano, attaccala al cavo elettrico.

Quando si utilizzano le smerigliatrici, per ridurre al minimo il rischio di incidenti, è indispensabile dotarsi dei dispositivi di protezione individuale:

Scopri il catalogo ManoMano
Guanti protettivi
Scopri le nostre smerigliatrici!

Guida scritta da:

Daniele, autodidatta nel bricolage, Emilia Romagna, 37 guide

Daniele, autodidatta nel bricolage, Emilia Romagna

Mi sono ritrovato nel bricolage una decina di anni fa in occasione dell’acquisto di una casa da restaurare. Dopo aver isolato i sottotetti, rifatto i bagni, la cucina, le camere… ho costruito un edificio annesso, installato un nuovo cancello e la sua entrata e dotato la casa di scaldaacqua solare. Ho gettato una colata di decine di m2 di lastre e fondazioni di cemento e ristrutturato la copertura... posso dire che di materiali e attrezzi, ne so! Le ore passate a cercare informazioni sui forum e nella stampa specializzata per trovare soluzioni ai miei problemi si contano a migliaia…. Allora farvi approfittare delle mie conoscenze in utensili e apparecchi domestici sarà un semplice scambio di esperienze!

I prodotti collegati a questa guida