Come scegliere uno scaldabagno elettrico

Come scegliere uno scaldabagno elettrico

Gianfrancesco, Tuttofare & programmatore informatico

Guida scritta da:

Gianfrancesco, Tuttofare & programmatore informatico

61 guide

Lo scaldabagno ad accumulo, chiamato anche scaldacqua o boiler (capacità 50, 100, 150 o 200 litri), si sceglie in base al numero di persone che lo useranno, mentre la resistenza e l'anodo in funzione del tipo di acqua, calcarea o aggressiva. I nostri consigli per scegliere lo scaldabagno migliore.

Caratteristiche importanti

  • Volume del boiler
  • Anodo al magnesio, a corrente impressa, ibrido
  • Resistenza blindata, resistenza in steatite
  • Boiler ad accumulo
  • Scaldacqua istantaneo
  • Configurazione verticale o orizzontale
  • Dispositivi di sicurezza e accessori
Scopri i nostri scaldabagno elettrici!

Quale scaldabagno scegliere: la risposta in 4 punti


alt

Non c'è bisogno di sapere tutto sugli scaldabagno ad accumulo per scegliere bene un boiler.Ecco quattro aspetti da considerare per scegliere lo scaldabagno:

  1. Verticale o orizzontale: il luogo di installazione sceglie per te.
  2. Volume d'acqua: 75 l/1 persona, 100 l /2 persone + 50 l/ogni persona in più.
  3. Resistenza: resistenza blindata se l'acqua è neutra o poco dura; resistenza in steatite se l'acqua è dura.
  4. Anodo: anodo sacrificale, più economico, per acqua mediamente dura; anodo a corrente impressa (ACI) per acqua dura; anodo ibrido per ogni tipo di acqua.

Dispositivi di sicurezza inclusi obbligatori

  • Limitatore termostatico: limita la temperatura dell'acqua a 50 °C.
  • Gruppo di sicurezza: regola la pressione del boiler.

Componenti di uno scaldabagno elettrico ad accumulo

Sezione schematica e descrizione


alt

Uno scaldabagno ad accumulo, detto anche boiler, è un sistema elettrico di riscaldamento dell'acqua composto da:

  • un serbatoio smaltato, il cui volume misurato in litri (l) è dimensionato secondo le necessità dell'alloggio;
  • un ingresso d'acqua fredda e un'uscita d'acqua calda;
  • unaresistenza immersa nell'acqua da riscaldare;
  • un termostato che permette di mantenere la temperatura impostata attivando la resistenza elettrica per il riscaldamento dell'acqua;
  • un anodo, che garantisce una protezione anticorrosione;
  • una morsettiera sul davanti per la connessione elettrica;
  • un coperchio in plastica;
  • una spia luminosa che segnala il riscaldamento (optional);
  • un rompigetto che permette di mantenere un grande volume d'acqua a temperatura costante (optional).

Quanta acqua per quante persone

Scaldabagni da 50 l fino a più di 250 l


Capacità dei boiler

La capacità di un boiler dipende molto dalle abitudini di consumo di acqua calda e dal numero di componenti di una famiglia. Generalmente, si contano 50 litri per persona. Bisogna però considerare che una doccia consuma da 30 a 60 litri, mentre si può arrivare a 150 litri per riempire una vasca. Un semplice lavaggio delle mani porta via altri 5 litri d'acqua. Per lavare i piatti altri 30 litri... In linea generale, se tutti quanti fanno la doccia, si lavano le mani con l'acqua fredda e viene utilizzata una lavastoviglie, 50 litri a persona sono ampiamente sufficienti. Se invece tutti quanti fanno il bagno, si lavano le mani con l'acqua calda ogni 5 minuti e i piatti vengono lavati a mano, una stima di 50 litri a persona ti esporrà al rischio di rimanere con l'acqua fredda... Prendi perciò in considerazione uno scaldabagno di capacità maggiore!

Tabella di calcolo del volume di uno scaldabagno ad accumulo

Versione semplificata

Numero di persone
Capacità
1 adulto*
50 l
1 adulto + 1 bambino
75 l
2 adulti
100 l
2 adulti + 1 bambino
150 l
2 adulti + 2 bambini
200 l
2 adulti + 3 bambini
250 l
2 adulti + 4 bambini
300 l

*Può essere previsto un margine di sicurezza di 25 l per fronteggiare ogni imprevisto (ospiti ecc.)

Formula di calcolo

Per fare un calcolo più preciso si può utilizzare la formula seguente: bisogna quantificare il consumo d'acqua totale giornaliero di tutte le persone per tutti gli usi (il contatore dell'acqua può servire allo scopo). Poi, dal momento che l'acqua utilizzata è a 40 °C, mentre all'interno dello scaldabagno è intorno ai 65 °C, bisogna dividere il consumo per 1,8 per trovare il reale consumo di acqua calda del boiler. Perché questa divisione? Semplicemente perché misceli acqua calda e fredda, e per questo motivo il consumo di acqua calda effettivo sarà minore di quanto si pensi.

Scopri il catalogo ManoMano
Boiler

Boiler verticale o orizzontale: una questione di installazione

Scegliere la collocazione dello scaldabagno

Lo scaldabagno necessita di un grande spazio per l'installazione e quindi può essere difficile da collocare nell'ambiente. Per fortuna i costruttori li propongono in varie forme per poter rispondere alle diverse esigenze.

Forme dello scaldabagno


alt

I modelli verticalisono senz'altro i più comuni.Se la configurazione della tua abitazione non ti permette di installare uno scaldabagno verticale, puoi optare per uno orizzontale. Si tratta di un modello che può essere fissato al suolo nel sottotetto, al soffitto se l'altezza lo consente o anche a metà parete.Attenzione però, in questo caso occorrerà una capacità maggiore di 50 litri rispetto al modello verticale equivalente.Questi scaldabagno non superano mai i 200 litri.

Supporti per scaldabagno


alt

Installazione su muro portante

Uno scaldabagno ad accumulo contiene molta acqua ed è quindi molto pesante. Fino a 200 litri è possibile fissarlo a muri portanti per mezzo di tasselli di fissaggio.

Installazione in caso di muri non portanti se lo scaldabagno è ≥ 100 l

Oltre i 100 litri e per le installazioni il cui supporto non è in grado di sostenerne il peso, si consiglia di appoggiare lo scaldabagno su un treppiedi o su una base.

Installazione dello scaldabagno ≥ 200 l

Per gli scaldabagno ad accumulo di capacità superiore a 200 litri - o se il muro non è portante - l'aggiunta di un supporto è d'obbligo. Assicurati che il pavimento possa sostenere un tale peso, non darlo per scontato, soprattutto se vivi in una casa di non recente costruzione. In caso di dubbi richiedi il parere di un esperto.

Scaldabagno ultrapiatto

Puoi anche trovare degli scaldabagno ultrapiatti o salvaspazio. Hanno la forma di un parallelepipedo, più adatta agli spazi ridotti.Se il loro look è di design, il loro prezzo potrebbe piacerti meno.

Resistenza blindata oppure in steatite: da scegliere in base alla qualità dell'acqua

La steatite è un minerale utilizzato come corpo riscaldante all'interno del serbatoio. La si ritrova anche all'interno dei radiatori ad inerzia. Esistono due tipi di resistenze: le resistenze blindate e le resistenze in steatite.

Resistenza blindata


alt

La resistenza è direttamente a contatto con l'acqua. Rischia quindi di incrostarsi e perdere efficacia con l'utilizzo. Per questo motivo è consigliata solo nelle regioni in cui l'acqua è poco o mediamente dura (con le incrostazioni, il consumo elettrico per riscaldare la stessa quantità d'acqua aumenta).

Resistenza in steatite


alt

La resistenza è posta in un involucro. Poiché non è a diretto contatto con l'acqua, si consuma più lentamente e può anche essere sostituita senza dover svuotare il serbatoio. È una scelta obbligata se abiti in una zona con acqua molto calcarea.

Legame tra resistenza e termostato

Il riscaldamento dell'acqua è controllato da un termostato che comanda l'accensione e lo spegnimento della resistenza in base alla temperatura impostata.

Scopri il catalogo ManoMano
Termostato

I diversi tipi di anodo per scaldabagno: la durezza e l'aggressività dell'acqua

Durezza e qualità dell'acqua

Il serbatoio di uno scaldabagno è rivestito di smalto per proteggerlo dalla corrosione. Tuttavia questo smalto può andare incontro a microfessurazioni all'interno delle quali si può sviluppare la corrosione. Per evitare questo, ogni scaldabagno è munito di un anodo che funge da dispositivo anticorrosione (chiamato dispositivo catodico).

Acqua dura o acqua dolce: il punto

Un'acqua dura è molto calcarea (titolo idrotimetrico superiore a 30 °F) e ricca di elementi minerali. Al contrario, un'acqua dolce è poco calcarea (titolo idrotimetrico inferiore a 8 °F) e il suo tenore di sali di calcio e di magnesio è poco elevato. La durezza dell'acqua unita alla sua acidità ne definisce l'aggressività: un'acqua dolce con un pH acido è un'acqua aggressiva.

I diversi tipi di anodo


alt

Anodo al magnesio o anodo sacrificale 

Il magnesio dell'anodo proteggerà nel tempo le microfessure nell'acciaio smaltato del serbatoio. Si tratta della vecchia generazione di anodi utilizzati negli scaldabagno ad accumulo di fascia economica. Sono consigliati nelle regioni dove l'acqua è mediamente dura (calcarea). Una volta consumati, vanno sostituiti. Vanno verificati periodicamente per evitare una corrosione perforante prematura.

Anodo a Corrente Impressa (ACI)

L'anodo, composto di titanio, e alimentato dalla corrente, genera una piccola tensione elettrica che impedisce alle particelle corrosive contenute nell'acqua di legarsi al metallo del serbatoio. È duraturo e consigliato nelle regioni in cui l'acqua è fortemente calcarea (dura).

ACI ibrido

L'anodo è in titanio rivestito di magnesio e combina l'azione dei due elementi. Il magnesio migra dall'anodo verso i punti fragili del serbatoio grazie ad un campo elettrico impresso dall'anodo. L'ACI ibrido è il modello di fascia alta di anodo poiché resiste meglio alle acque più aggressive e calcaree

Generalità sugli anodi di uno scaldabagno


alt

Attenzione, i costruttori consigliano una durezza minima dell'acqua senza la quale il serbatoio non risulterà sufficientemente protetto.Se un'acqua troppo calcareariduce le performancedel tuo scaldabagno, un'acqua non abbastanza dura sarà più aggressiva per il tuo serbatoio e ne ridurrà la durata. Un anodo sacrificale si dissolverà molto velocemente. Gli scaldabagni dotati di anodi ACI e ACI ibrido potrebbero avere una durata di vita inferiore alle previsioni.Se possiedi un addolcitore, regolalo secondo le indicazioni del costruttore. Queste indicazioni prescrivono spesso una durezza dell'acqua compresa tra 15 e 30 °F (Gradi francesi).

Scopri il catalogo ManoMano
Anodi

Installazione di uno scaldabagno ad accumulo: zoom sugli accessori


alt

L'installazione di uno scaldabagno ad accumulo include diversi accessori e dispositivi di sicurezza:

  • I raccordi dielettrici sono utili per evitare i rischi di corrosione tra due metalli di diversa natura.
  • Il vaso di espansione immagazzina l'acqua dilatata (l'acqua si dilata riscaldandosi). Permette di risparmiare, poiché l'acqua non va persa, ma reintrodotta nel circuito (circa il 3% della capacità del boiler). È necessario quindi un vaso di espansione di 8 l per un boiler da 100 a 150 l, di 11 l per un boiler da 150 a 200 l, di 25 l per un boiler da 200 a 300 l.
  • Il gruppo di sicurezza è obbligatorio e regola la pressione all'interno del serbatoio evacuando l'acqua dilatata.
  • Il sifone è collegato al tubo di evacuazione e al gruppo di sicurezza.
  • Il riduttore di pressione o limitatore di pressione è indispensabile in caso di pressione troppo elevata.
  • La valvola di ingresso dell'acqua è indispensabile per gestire il flusso d'acqua in caso, ad esempio, di svuotamento o di qualsiasi intervento sul boiler.
  • Il limitatore termostatico è obbligatorio e limita la temperatura dell'acqua calda in uscita a 50 °C.
Scopri il catalogo ManoMano
Vaso di espansione

Gli elementi di sicurezza di un boiler

Lo scaldabagno è provvisto di numerosi dispositivi per prevenire qualsiasi incidente: il gruppo di sicurezza, il limitatore di pressione e il limitatore di temperatura.

Gruppo di sicurezza


alt

L'acqua nel serbatoio si dilata quando si riscalda. Il gruppo di sicurezza agisce come una valvola e fa fuoriuscire l'acqua via via che si dilata.Permette inoltre di svuotare lo scaldabagno.

Limitatore di pressione


alt

Se la pressione della rete idrica supera i 5 bar, il limitatore o riduttore di pressione limita la pressione in entrata per evitare danni all'apparecchio.La sua posa permette di preservare l'installazione da ogni problema legato alla pressione eccessiva.

Limitatore di temperatura o limitatore termostatico


alt

Il limitatore di temperatura è obbligatorio nelle nuove costruzioni, nelle ristrutturazioni totali o per alimentare un impianto d'acqua calda con tubature in polietilene reticolato (PEX).Il limitatore termostatico aggiunge acqua fredda all'acqua calda in uscita per limitare la temperatura a 50 °C.

Raccordo elettrico

Lo scaldabagno deve essere alimentato da un cavo protetto in uscita, come tutti gli apparecchi elettrici molto potenti.È protetto da un interruttore salvavita da 20 A e da un dispositivo differenziale da 30 mA di tipo AC.

Scopri il catalogo ManoMano
Riduttore di pressione

Tre suggerimenti relativi all'installazione per fare economie


alt
  1. Installare un contattore giorno/notte. Un contattore giorno/notte per riscaldare l'acqua durante la notte con un piano tariffario giorno-notte permette di risparmiare notevolmente poiché lo scaldabagno si attiva di notte quando le tariffe dell'elettricità sono meno care. Si può ottenere un notevole risparmio annuo grazie a questo dispositivo.
  2. Installare lo scaldabagno in una stanza a temperatura ambiente o isolarlo a dovere se installato in una stanza più fredda.
  3. Limitare la temperatura dell'acqua dello scaldabagno a 65°C. È sufficiente per eliminare la legionella ed evita un inutile spreco di energia.

L'alternativa allo scaldabagno ad accumulo: lo scaldacqua istantaneo

Descrizione e utilizzazione


alt

A differenza del modello ad accumulo, lo scaldacqua istantaneo riscalda l'acqua solamente quando esce dal rubinetto. Non ci sono rischi perciò di restare senz'acqua calda. Tuttavia, la potenza elettrica di questo modello è molto alta per le normali utenze domestiche in Italia (da 4 kW per alimentare un lavandino fino a 12 kW per un lavandino e una doccia). Occorrerebbe perciò installare una linea elettrica per ogni scaldacqua istantaneo con un'adeguata protezione, o persino aumentare la potenza erogata dal contatore. A queste condizioni lo si consiglia solo per i punti d'acqua secondari distanti più di 8 metri dal boiler o dalla caldaia, nei quali l'acqua impiegherebbe troppo tempo ad arrivare. Ideale quindi per un lavandino di una stanza troppo lontana dallo scaldabagno o dalla caldaia.

Schema d'installazione di uno scaldacqua istantaneo


alt
  • Gli scaldacqua istantanei sono ideali nelle residenze secondarie, le abitazioni estive che sono vuote per gran parte dell'anno.
  • Il peso modesto permette una facile installazione, il loro scarso ingombro e l'estetica curata non interferiscono con l'arredo e l'organizzazione del bagno.
  • Il loro funzionamento li rende più energivori ed è necessario ridurre al minimo la lunghezza delle canalizzazioni.
  • Inoltre, i miscelatori per doccia termostatici sono poco compatibili con gli scaldacqua istantanei.
  • Sono dotati di un sistema di regolazione elettronica che permette di avere l'acqua ad una temperatura compresa tra 20 e 60 °C ed anche di un sistema di sicurezza elettronico.
  • Gli scaldacqua istantanei sono proposti in diverse potenze a seconda dei punti d'acqua serviti.
Scopri il catalogo ManoMano
Scaldacqua istantaneo

Panoramica della manutenzione di uno scaldabagno ad accumulo

La manutenzione di uno scaldabagno si riassume in poche fasi. Senza scendere troppo nel dettaglio, vediamo quali sono le operazioni necessarie per assicurare allo scaldabagno longevità e performance.

  • Una pulizia mensile garantisce, in parte, l'eliminazione di sedimenti accumulatisi nel corso delle settimane precedenti. Sedimenti che, come ben si sa, nuocciono alle prestazioni di riscaldamento dell'acqua perché si depositano sulla resistenza. La pulizia viene effettuata grazie al gruppo di sicurezza.
  • Uno svuotamento periodico dello scaldabagno permette di eliminare i depositi di calcare e di rendere accessibile la resistenzablindata, nonché di verificare lo stato dell'anodo sacrificale*.
  • La decalcificazione consiste nell'eliminare i depositi di sedimenti sul fondo del serbatoio, sulla resistenza blindata e sull'anodo. Per eseguire questa operazione, il serbatoio deve essere svuotato e si deve staccare l'elettricità. Una volta smontati il coperchio e la piastra, rimuovi i residui di calcare e metti a bagno nell'aceto bianco l'anodo e la resistenza (puoi utilizzare una bottiglia di plastica tagliata).

*Questo passaggio non riguarda le resistenze in steatite, alloggiate in un involucro e accessibili dall'esterno del serbatoio. Gli anodi ACI e ibridi sono resistenti all'usura e necessitano dunque solo di una decalcificazione.

Non utilizzo dello scaldabagno per un periodo

Per evitare formazioni e depositi di calcare, gli scaldabagno ad accumulo installati in residenze secondarie o semplicemente non utilizzati per diverse settimane dovranno essere sistematicamente svuotati. Tale operazione permette di diminuire il deposito di sedimenti. Per ridurre le perdite, pensa a interrompere la corrente e l'alimentazione idrica l'ultimo giorno, prima di consumare l'acqua calda disponibile.

Sei consigli per una buona scelta e un'installazione durevole


alt
  1. Scegli un boiler dalla capacità adeguata alle tue necessità e con una forma adatta al locale in cui verrà installato.
  2. Uno scaldabagno elettrico di buona qualità durerà di più e ti farà risparmiare energia elettrica.
  3. Scegli anodo e resistenza a seconda della qualità dell'acqua.
  4. Verifica con attenzione le possibilità di installazione e le caratteristiche di pavimenti e pareti per un adeguato fissaggio.
  5. Esegui l'installazione nel pieno rispetto delle normative: gruppo di sicurezza, limitatore di temperatura e interruttore differenziale da 30 mA di tipo AC
  6. Non trascurare la manutenzioneper mantenere prestazioni ottimali e aumentare la longevità dello scaldabagno.
  7. Se la produzione d'acqua calda sanitaria dello scaldabagno elettrico non ti soddisfa, prova a confrontare gli scaldabagno elettrici con gli scaldabagno solari e gli scaldabagno a gas.

Per saperne di più sui dispositivi per scaldabagno ad accumulo

Le guide e i tutorial di installazione e manutenzione degli scaldabagno elettrici

Le guide relative ad altre produzioni di acqua calda sanitaria

Scopri il catalogo ManoMano
Scaldabagno elettrico

Scopri i nostri scaldabagno elettrici!

Guida scritta da:

Gianfrancesco, Tuttofare & programmatore informatico, 61 guide

Gianfrancesco, Tuttofare & programmatore informatico

Interessato fin da bambino ai lavori manuali e alla tecnologia e da sempre affascinato dal bricolage e dalla lavorazione del legno, ho colto l'occasione dell'acquisto della nuova casa per dedicarmi a questa mia passione. Decorazione (ovviamente con l'aiuto di mia moglie), creazione di mobili su misura per la stanza di mio figlio ma anche impianto elettrico e idraulico... insomma, mi sono dato da fare! Per mancanza di spazio, non ho un laboratorio fisso e alcuni degli utensili che sognavo non sono ancora entrati a far parte della mia collezione. Conosco molto del mondo del fai-da-te e per questo spero di poterti guidare nella scelta dei tuoi prodotti.

I prodotti collegati a questa guida