Cosa piantare a giugno

Cosa piantare a giugno

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

Guida scritta da:

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

104 guide

Giugno è un mese impegnativo per i giardinieri. Le gelate notturne non sono più da temere ed è quindi possibile seminare e piantare in piena terra. Tuttavia, all'inizio del mese nelle regioni più fresche, potrebbe essere necessario ricorrere a protezioni per incoraggiare le giovani piante a riprendersi.

Caratteristiche importanti

  • Semine a inizio mese
  • Semine nel corso del mese
  • Ripicchettaggi e trapiante
  • Irrigazione
  • Ortaggi per le regioni a clima mite
  • Altri ortaggi da coltivare
Scopri i nostri ortaggi!

Le semine da effettuare a giugno

Le semine da fare a inizio mese

  • Barbabietole rosse: semina in file o a postarelle distanti 15 cm. In seguito conserverai solo una pianta.
  • Cavolo: semina in vivaio il cavolo invernale, i broccoli, il cavolo rosso, il cavolo cappuccio e il cavolfiore.
  • Mais, prezzemolo, pisello nano a grano rugoso, tranne che nelle zone più calde del Sud.
  • Bietola da coste: è meglio seminarla direttamente in piena terra per evitare che vadano prematuramente a seme.

Le semine da fare durante tutto il mese


 width=

Le carote precoci si raccolgono a fine estate, le altre in autunno. Cicoria scarola e riccia, crescione, spinaci, fagiolini verdi e fagioli vanno seminati a postarelle o a file. Semina i fagiolini verdi ogni 15 giorni, ma se non hai intenzione di preparare delle conserve per l'inverno non eccedere: se vuoi consumarli freschi considera una lunghezza di 1,5 m per persona.

Lattughino da taglio e lattuga estiva: la lattuga germoglia male quando fa molto caldo. Semina delle varietà che non montino facilmente a seme, come la Batavia. Mantieni i semi umidi e all'ombra, ad esempio utilizzando un giornale o un cartone che bagnerai di tanto in tanto.

Puoi seminare anche rape, rafani e ravanelli, tranne che nelle regioni più calde. Per avere una produzione regolare e scaglionata procedi alla semina ogni 15 giorni.

Scopri il catalogo ManoMano
Lattuga

Ripicchettaggi e trapianti


alt

Giugno è l'ultimo mese per effettuare il trapianto e l'impianto di molti ortaggi. Pianta senza esitare sedano a coste, sedano rapa, cicoria riccia e scarola, cavoli (cavolini di Bruxelles, cavolfiori, cavoli cappucci, cavoli broccoli), lattuga, porro autunnale e invernale.

È anche il momento di piantare le piante che temono il freddo: pomodori, zucchine, peperoni, cetrioli, zucche e meloni.

In un angolo del giardino puoi piantare le erbe aromatiche (basilico, prezzemolo, menta, coriandolo...). Se possibile pianta quando il cielo è coperto per limitare l'evaporazione dell'acqua oppure tieni le piante all'ombra, e annaffia abbondantemente.

Scopri il catalogo ManoMano
Piante

Ortaggi da privilegiare nelle regioni a clima mite


alt

Ad inizio mese pianta la patata dolce. A settembre o a ottobre potrai raccoglierne i tuberi.

Semina il finocchio per ottenere un raccolto in autunno. Il calore elevato potrebbe farlo montare prematuramente a seme. La pacciamatura manterrà la pianta al fresco. Semina il crescione di Para in terreno umido; raccogli le foglie e i fiorellini della pianta per decorare insalate e verdure.

Altre ortaggi da provare


alt

Semina l'atreplice, una pianta decorativa commestibile conosciuta anche come bietolone o spinacione e che può essere seminata dalla primavera all'estate. Le sue foglie si preparano allo stesso modo degli spinaci.

A inizio mese puoi piantare una varietà esotica della patata: lo yacon. Il tubero può essere consumato crudo o cotto.

Semina la portulaca invernale in un terreno non calcareo.  Le foglie di questa bella pianta si colgono in estate e autunno e possono essere consumate crude o cotte.

Semina la particolare ficoide glaciale. Trascorsi due mesi dalla semina potrai raccoglierne le foglie leggermente acidule per arricchire le tue insalate. Gli steli cotti sono eccellenti.

Piante annuali, biennali e bulbi da fiore

Piantare le annuali e mettere a dimora le biennali


undefined

Sarà presto troppo tardi per seminare le annuali: zinnie, clarkia, calendula, garofano d'India, tagete, adonite estiva, bella di giorno, cosmea, lavatera... semina direttamente a dimora con esposizione soleggiata tutte queste piante sensibili al freddo. Se non hai seminato nasturzi a maggio, affrettati a farlo all'inizio del mese.

D'altra parte, hai tutto il mese per seminare fiori biennali o perenni per la fioritura della prossima primavera: nontiscordardimé, viole del pensiero, monete del papa, violaciocca, margherite, agrifogli, malvarosa, digitale... In luoghi ombrosi, pianta fucsia, balsamina, begonia, ecc.

Piante per cassette e balconiere per una bella fioritura estiva


undefined

All'inizio del mese, metti nelle fioriere o nei vasi del balcone gerani, rose in miniatura e fiori annuali come nasturzi, petunie, surfinie, portulaca, zinnia...

Nelle fioriere situate all'ombra, pensa alle begonie, alle balsamine, così come alle piante con fogliame decorativo: heuchera, coleus, menta.

Scopri il catalogo ManoMano
Vasi

Piantare i bulbi da fiore per una bella fioritura autunnale


undefined

E' anche il momento di piantare i bulbi che fioriscono in estate e talvolta fino all'autunno: dalie, gladioli, crocosmie, canne, crochi... Decoreranno le aiuole o le bordure del giardino, ma anche le finestre e i vasi.

Una delle piante bulbose preferite dal giardiniere è la dalia, i cui magnifici fiori offrono una grande varietà di colori. Piantata a giugno in un luogo soleggiato, fiorirà per tutto l'autunno, purché non faccia troppo freddo.

Aggiungi un tocco di colore a una zona umida o sul bordo di uno stagno mettendoci degli arum. Ricordati di rimuovere il fogliame appassito da tutti i bulbi in fiore e di dividere le emerocallidi, le crocosmie, il croco autunnale, il colchico, ecc.

Fare talee per la riproduzione gratuita delle piante


undefined

Per moltiplicare le tue piante con poca spesa, pensa alle talee. Questa è la stagione giusta per moltiplicare arbusti (ortensie, clematidi, ceanoto, gelsomino, cotogno giapponese, escallonia, passiflora) e piante perenni (crisantemi, aster, garofani, antemisia, gaillardia, ecc.)

Prendi una sezione di 15 cm da uno stelo non fiorito dell'anno. Togli tutte le foglie tranne le 2 superiori. Se le foglie sono grandi, riducile a metà per limitare la perdita d'acqua. Pianta la metà inferiore del ramoscello in un substrato leggero composto da sabbia e compost in parti uguali, e mettilo in un luogo ombreggiato.

Alcuni arbusti con fioritura notevole da privilegiare


undefined

Anche se è consuetudine piantare gli arbusti a fine autunno, quelli che vengono coltivati e venduti in contenitori possono essere piantati anche in questa stagione. Ci offrono il vantaggio, se sono in fiore, di poter scegliere le specie e le varietà a colpo d'occhio, a seconda del colore dei fiori. Ma non dimenticare di tenere conto del periodo di fioritura, se questa è l'attrazione principale dell'arbusto.

Alcuni arbusti sono particolarmente valorizzati quando sono inseriti in siepi esposte: ceanoto, ribes da fiore, abelia, lilla... altre sono più indicate per la coltivazione in contenitore o al coperto: anisodontea capensis, gardenia, cuphea, ecc.

Gli arbusti sono interessanti per coprire un muro, una recinzione o un graticcio: aristolocha, bignonia, ortensie rampicanti, queste ultime accettano anche siti ombreggiati. Invece, la buganvillea dovrebbe essere palizzata contro un muro esposto a sud.

Scopri il catalogo ManoMano
Bulbi

Il giardino e l'orto nel corso dei mesi

Come giardiniere, la manutenzione delle piante da giardino, balcone o terrazza è importante. Frutteto, aiuola, bordura, orto... ogni mese le attività riservate ad ogni piantagione sono distinte. Per non perderti, i nostri esperti ti offrono consigli di giardinaggio da seguire mese per mese e stagione per stagione.

E se vuoi saperne di più su come prenderti cura dell'orto e del giardino, segui i consigli dei nostri redattori e scopri le loro guide:

Scopri i nostri ortaggi!

Guida scritta da:

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria, 104 guide

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

Alto come un soldo di cacio, già lavoravo nel giardino di famiglia. Forse è da lì che è nato il mio interesse per le piante e il giardinaggio. Era quindi logico per me seguire degli studi sia di biologia vegetale che di agraria. Accogliendo la richiesta di diversi editori, ho scritto in 25 anni numerosi libri sulla tematica delle piante, dei funghi (argomento che mi è a cuore), essenzialmente delle guide per il riconoscimento all’inizio, ma presto anche in seguito, sul giardinaggio, riallacciandomi così alla prima passione della mia infanzia. Ho anche collaborato regolarmente con diverse riviste specializzate nell’ambito del giardinaggio o più in generale della natura. Siccome non c’è giardiniere senza giardino, è in un piccolo angolo dell’Umbria che coltivo il mio da 30 anni e dove metto in pratica i metodi di coltura che vi consiglio.

I prodotti collegati a questa guida