Illuminazione di sicurezza o blocco autonomo di illuminazione: la guida completa

Illuminazione di sicurezza o blocco autonomo di illuminazione: la guida completa

Silvia, Scrittrice e giornalista, Gallipoli

Guida scritta da:

Silvia, Scrittrice e giornalista, Gallipoli

73 guide

L'illuminazione di sicurezza, obbligatoria negli edifici che ospitano personale o pubblico, ha lo scopo di agevolare l'evacuazione e di garantire l'illuminazione d'atmosfera per evitare il panico. Può essere un blocco autonomo di illuminazione di sicurezza d'atmosfera, antipanico oppure per abitazioni.

Caratteristiche importanti

  • Funzione del blocco autonomo di illuminazione
  • Autonomia
  • Numero di lumen
  • Normativa
Tutte le nostre lampade di emergenza

Principali caratteristiche dell'illuminazione di sicurezza


alt

L'illuminazione di sicurezza ha la funzione di:

  • segnalare l'uscita di emergenza più vicina, agevolando così l'evacuazione dall'edificio;
  • garantire un'illuminazione d'atmosfera in caso di interruzione dell'energia elettrica;
  • limitare qualsiasi rischio di panico grazie alla sua luminosità.

Viene alimentata da una fonte di energia autonom e varia in base al funzionamento e alla tipologia di edificio nella quale sarà installata:

  • blocco autonomo di illuminazione di sicurezza (BAIS);
  • blocco autonomo di sicurezza per abitazione (BAEH);
  • blocco autonomo di sicurezza d'atmosfera;
  • illuminazione di sicurezza per edifici con locali di riposo che unisce le caratteristiche del BAIS e del BAEH.
Scopri il catalogo ManoMano
illuminazione di sicurezza

Quali sono le caratteristiche di un BAIS e di un SATI

L'illuminazione di sicurezza antipanico ha lo scopo di indicare il percorso da seguire per evacuare un edificio. Deve avere un flusso luminoso nominale di almeno 45 lumen e possedere una fonte di energia indipendente incorporata.

I BAIS SATI


alt

Esistono anche dei blocchi autonomi di sicurezza antipanico dotati di un sistema automatico di test integrato (SATI) che consente loro di effettuare automaticamente tutti i test obbligatori.

La normativa

L'illuminazione di sicurezza per l'evacuazione deve essere conforme allo standard europeo CEI EN 60598-2-22 e alla normativa italiana UNI EN 1838.

L'illuminazione di sicurezza SATI (Sistema automatico di test integrato) deve inoltre essere conforme alla norma UNI EN 1838:2013.

Cosa dice la legge

Le scale e le vie di esodo orizzontali di lunghezza totale superiore a 10 m o che presentano un percorso tortuoso, nonché le sale con una superficie maggiore di 100 m² devono essere dotate di illuminazione di sicurezza antipanico.

L'illuminazione di sicurezza antipanico o blocco autonomo di illuminazione di sicurezza va installato in altezza o a pavimento, sopra tutte le porte, le uscite di emergenza ed eventuali ostacoli e la distanza fra i blocchi non deve superare i 15 m.

Il blocco autonomo di sicurezza d'atmosfera


alt

L'illuminazione di sicurezza d'atmosfera o blocco autonomo di sicurezza, detto anche antipanico, ha lo scopo di garantire un'illuminazione d'atmosfera onde evitare episodi di panico che possono accadere quando un locale rimane al buio.

Il suo flusso luminoso deve essere di almeno 5 lumen per m² di superficie a pavimento e deve avere un'autonomia di funzionamento di un'ora. Inoltre, è obbligatorio un minimo di due unità di illuminazione d'atmosfera per stanza.

Cosa dice la legge

L'illuminazione di sicurezza d'atmosfera va installata in tutti i locali che hanno una capienza uguale o maggiore a 100 persone, al piano o a piano terra, o di cinquanta persone nel seminterrato.

Il blocco autonomo di sicurezza per abitazioni (BAEH)


alt

L'illuminazione di sicurezza per abitazioni private o blocco autonomo di sicurezza per abitazioni (BAEH) ha lo scopo di indicare il percorso da seguire per l'evacuazione di un condominio o di una casa. Collocato principalmente nelle aree di circolazione e nella tromba delle scale, gode di un'autonomia maggiore rispetto al BAIS, ovvero 5 ore contro un'ora per il BAIS.

Cosa dice la legge

Vengono considerati edifici residenziali quelli composti da più alloggi, compresi i centri come quelli per giovani lavoratori o per anziani. Non sono compresi i locali ad uso esclusivamente professionale o gli edifici aperti al pubblico.

I blocchi a doppia funzione per edifici con locali di riposo

L'illuminazione di sicurezza per edifici con locali di riposo ha una doppia funzione, dato che unisce le caratteristiche dell'illuminazione di sicurezza antipanico o blocco autonomo di illuminazione di sicurezza (BAIS), a quelle dell'illuminazione di sicurezza per abitazioni o blocco autonomo di sicurezza per abitazioni (BAEH).

I BAIS/BAEH SATI


alt

L'illuminazione di sicurezza per edifici con locali di riposo è dotata di un sistema automatico di test integrato (SATI) che consente al dispositivo di effettuare automaticamente tutti i test obbligatori.

Cosa dice la legge

Vengono considerati locali di riposo gli ospedali, le cliniche, le scuole materne, i convitti scolastici, le colonie di vacanza, le strutture di accoglienza per persone anziane o portatrici di handicap, gli hotel, gli agriturismi, le residenze turistiche, gli ostelli della gioventù, le pensioni per famiglie e i piccoli edifici per il riposo.

Tutte le nostre lampade di emergenza

Guida scritta da:

Silvia, Scrittrice e giornalista, Gallipoli, 73 guide

Silvia, Scrittrice e giornalista, Gallipoli

Dopo 10 anni di lavoro come addetto stampa per un’importante società d’ingegneria, ho deciso di unire la mia esperienza professionale e la mia passione per la scrittura entrando nel giornalismo freelance e nella redazione a tempo pieno. Eclettica sia nei gusti che nella scrittura, in me convivono grandi passioni come la scienza e la storia, ma soprattutto l’interesse per la decorazione e il fai-da-te. Su questi argomenti, apparentemente così diversi, scrivo ormai da quasi vent’anni, devo dire con un discreto successo, probabilmente perché i miei articoli sono la cronaca dei lavori e dell’esperienza maturata nel corso della totale ristrutturazione di una vecchia masseria nel cuore del Salento. Esperienza che vorrei condividere con te attraverso i miei suggerimenti.

I prodotti collegati a questa guida