Quale pittura per il bagno

Quale pittura per il bagno

Elisa,  esperta in ristrutturazioni Cefalù

Guida scritta da:

Elisa, esperta in ristrutturazioni Cefalù

56 guide

Vuoi ridipingere il bagno o semplicemente cambiare il colore? Scegliere la giusta pittura per il bagno significa analizzare prima di tutto le condizioni delle pareti. Segui i nostri consigli per scoprire quali vantaggi offre una pittura speciale per ambienti umidi e perché è preferibile scegliere la finitura satinata.

Caratteristiche importanti

  • La scelta in funzione dello stato e della natura del supporto
  • Scegliere la finitura più adatta
  • I tipi di pitture in funzione dei supporti
  • Le attrezzature necessarie all'applicazione
Scopri le nostre pitture per il bagno!

Analisi del supporto: il punto in 5 casi


alt
  1. Se la pittura è rovinata e si stacca, dovrai levigare, lavare e applicare una pittura di fondo adatta al supporto e ancora meglio un sottofondo speciale per ambienti umidi.
  2. Se vi sono macchie di muffa, dovrai pulire con un prodotto speciale antimuffa, applicare un sottofondo per ambienti umidi e infine applicare la pittura. È importante individuare l'origine dell'umidità perché coprire con la pittura non risolverà il problema.
  3. Se si tratta di una pittura gliceroftalica e vuoi ridipingere con una pittura a base d'acqua, leviga, lava e applica un sottofondo adatto, oppure lava e applica un sottofondo speciale che ti permetterà di applicare una pittura a base d'acqua al di sopra di quella precedente.
  4. Se la parete è in buono stato e già dipinta con una pittura a base d'acqua, ti basta solo effettuare un buon lavaggio e applicare la tua pittura speciale per bagno.
  5. Se la parete è nuova (cartongesso) dovrai passare un sottofondo di buona qualità per il cartongesso oppure un sottofondo universale speciale per ambienti umidi e poi la tua pittura.
Scopri il catalogo ManoMano
Pittura speciale per bagno

Scegliere il tipo di pittura: pittura glieceroftalica e acrilica


undefined

Sei indeciso tra pittura acrilica e pittura glieceroftalica? Considera che la pittura a base d'olio avrà un odore forte e sarà molto più nociva di una pittura a base d'acqua perché libera più composti organici volatili (COV) di una pittura acrilica. Invece la pittura a base d'acqua è inodore, asciuga più velocemente e gli utensili possono essere puliti con l'acqua.

Ti chiedi se una pittura tradizionale andrà bene nel bagno? Le pitture tradizionali, al contrario delle pitture speciali per bagno, non hanno additivi che permettono di resistere al vapore e alla condensa. Quindi resisteranno meno nel tempo, avranno la tendenza a far comparire macchie di muffa o, peggio ancora, potranno fare le bolle.

È preferibile quindi una pittura acrilica lavabile speciale per ambienti umidi.

Quella gliceroftalica è più inquinante, ha un odore forte e deve essere diluita con diluente tipo acquaragia o white spirit, necessario anche per la pulizia di pennelli e utensili. Per queste ragioni l'utilizzo della pittura glieceroftalica è sconsigliato nel 90% dei casi. La sua applicazione è raccomandata esclusivamente sulle vecchie pitture glieceroftaliche.

Opaca, lucida o satinata: la finitura di una pittura per bagno


alt

La pittura opaca è sconsigliata nel bagno, tranne che per il soffitto, a condizione che si utilizzi una pittura speciale per il soffitto del bagno che è più lavabile e più resistente al vapore e alla condensa di una pittura opaca classica.

Ricorda che la finitura opaca maschera i difetti e le tracce di ripresa del rullo. Il bagno prevede in genere la pulizia delle pareti con un colpo di spugna, ma ciò non è ben tollerato da questo tipo di finitura molto meno lavabile.

La finitura lucida è adatta al bagno perché è molto lavabile ma solo se le pareti hanno una superficie perfetta, perché il lucido, al contrario dell'opaco, rivela tutti i difetti della parete. Tuttavia, la finitura più adatta a un ambiente umido è quella satinataperché nell'asciugarsi forma una pellicola molto resistente alla condensa. Inoltre le pitture satinate sono lavabili e le pitture satinate speciali per ambienti umidi lo sono ancora di più.

Scegli quindi una pittura satinata speciale per bagno per ridipingere le pareti del tuo bagno. Per il colore, come per qualsiasi stanza, bisogna saper abbinare i colori al mobilio. Per il soffitto, il bianco regna sovrano e resta il colore che può dare maggiore luminosità al bagno.

Piastrelle da doccia, vasca, piatto doccia: ridipingere un supporto specifico


alt

Per ridipingere l'interno di una doccia piastrellata (tipo doccia walk-in) esistono delle pitture da applicare senza primer. Sono spesso composte di una base a cui si deve mescolare un additivo che rende la pittura resistente all'acqua.

Devi solo carteggiare le piastrelle con carta vetrata fine, sgrassare bene con acetone o con una soluzione d'idrossido di sodio (attenzione, questa richiede svariati risciacqui e l'utilizzo di protezioni: occhiali di protezione, guanti e maschera obbligatori) e applicare la tua pittura con il rullo (a pelo corto per una finitura liscia) in due mani. Questa pittura non deve essere tirata altrimenti perde le sue proprietà coprenti e resistenti. Due mani generose rispettando bene i tempi di asciugatura e il gioco è fatto!

Esistono anche delle pitture a base di resina che richiedono la stessa preparazione della precedente ma la cui applicazione è un po' diversa. In un primo tempo, dovrai applicare una mano del colore scelto e poi una mano di resina trasparente con finitura satinata, opaca o lucida a seconda dei tuoi gusti.

Con questi due tipi di pitture, il più delle volte composte di resina o teflon, potrai anche ridipingere i mobili del bagno (verniciati, laminati, già dipinti, eccetto i mobili cerati per i quali sarà d'obbligo un decerante) e con la pittura a base di resina potrai ridipingere il lavandino, la vasca da bagno, il piatto doccia ecc.

L'attrezzatura necessaria per l'applicazione


alt

Per dipingere dovrai dotarti dell'attrezzatura da pittore adatta:

  • un rullo adatto alla tua parete;
  • un pennello tondo a punta per gli angoli, chiamato pennello strozzato;
  • un rullo da verniciatura per le piastrelle ed i mobili;
  • un telo di protezione per coprire il pavimento ed i mobili;
  • un recipiente o vaschetta per la pittura con l'apposita griglia per il rullo;
  • un miscelatore per rendere omogenea la pittura (da montare su un trapano);
  • del nastro adesivoper mascheratura per proteggere le porte, i bordi delle finestre, i mobili ecc.;
  • una tuta da pittore o dei vecchi abiti.

5 trucchi prima di avviare un cantiere di pittura del bagno


alt
  1. Puoi bagnare il rullo prima di servirtene per eliminare eventuali residui e peli che potrebbero staccarsi.
  2. Utilizza un'asta telescopica per il soffitto ma anche per i muri, questo ti permetterà di fare un passo indietro dalla parete che stai dipingendo per controllare dove sei già passato.
  3. Tra una mano e l'altra, metti il rullo in un sacco di plastica, per evitare che si asciughi.
  4. Non pitturare con temperature troppo calde o troppo fredde. Tra 15 e 25 °C è l'ideale affinché la pittura non asciughi troppo rapidamente o non impieghi troppo tempo ad asciugare.

Esistono delle pellicole plastificate usa-e-getta da mettere all'interno delle vaschette per pittura per evitare di lavarle ogni volta.

Scopri il catalogo ManoMano
Vaschette per pittura

Scopri le nostre pitture per il bagno!

Guida scritta da:

Elisa, esperta in ristrutturazioni Cefalù, 56 guide

Elisa,  esperta in ristrutturazioni Cefalù

Ho 37 anni e mi occupo di ristrutturazioni edilizie ormai da 14 anni. Tutto è iniziato per caso, un modo come un altro di guadagnarsi la vita, ma lavorare con le mie mani si è rapidamente trasformato in una grande passione. Ora mi considero davvero fortunata. La mia scelta professionale mi ha esposta a una vasta gamma di competenze e tecniche: pittura, decorazione, elettroutensili, attrezzature meccaniche, ma anche giardinaggio e idraulica non hanno segreti per me. Ho consigliato i miei clienti su qualsiasi argomento riguardi il bricolage. Il fai-da-te è uno stile di vita per me. Mi definirei un'ottimista. Mi piace conoscere nuovi utensili e tecniche e cercare di trovare soluzioni semplici a qualsiasi problema. Che si tratti di creare qualcosa di nuovo o di ripensare qualcosa di vecchio, condividere le mie idee è una delle cose che più mi piace. Qualunque sia il tuo progetto, sono qui per aiutarti.

I prodotti collegati a questa guida