Vantaggi e inconvenienti del climatizzatore

Vantaggi e inconvenienti del climatizzatore

Jennifer, Tuttofare autodidatta

Guida scritta da:

Jennifer, Tuttofare autodidatta

16 guide

Quando l'afa si fa sentire non c'è niente di meglio che accendere il climatizzatore per rinfrescare la casa. Ma i climatizzatori sono realmente efficaci ? Con questa guida ne scopriremo i vantaggi e gli inconvenienti, e vedremo quali sono i fattori da considerare prima di procedere all'acquisto.

Caratteristiche importanti

  • Volume da climatizzare
  • Manutenzione
  • Installazione
  • Costi
Scopri i nostri climatizzatori !

I vantaggi del climatizzatore

Prima di procedere all'acquisto del climatizzatore più adatto alle tue esigenze (scelto in base al budget a tua disposizione, alla stanza da rinfrescare e al suo volume) vediamo assieme quali sono i punti di forza di questi apparecchi.


alt

Tutto il comfort della climatizzazione

La funzione principale del climatizzatore è di abbassare di qualche grado la temperatura all'interno della casa, ma può anche essere utilizzato come deumidificatore per tenere sotto controllo l'umidità e rendere l'aria più salubre. È una funzione molto utile nelle torride giornate estive !

Prezzo contenuto e un buon ritorno sull'investimento

In commercio si trovano climatizzatori portatili offerti in un'ampia gamma di prezzi, anche se la maggior parte dei modelli rientra nella fascia che va da 200 a 1600 euro (i modelli professionali invece possono arrivare a più di 5000 euro).Il prezzo di un climatizzatore varia in base a diversi criteri : 

  • il livello sonoro ;
  • il consumo energetico ;
  • il design ;
  • la presenza di filtri per depurare l'aria ;
  • la potenza frigorifera (BTU) ;
  • la presenza di altre funzioni (climatizzatore, ventilatore, riscaldamento) ;
  • il coefficiente di prestazione (COP) ;
  • il tipo di climatizzatore (monoblocco o climatizzatore split in 2 parti) ;
  • la marca e le garanzie offerte ;
  • la presenza di un telecomando ecc.

Un sistema di climatizzazione portatile ha una durata d'esercizio di diversi anni e ti permette di trascorrere delle piacevoli giornate in casa anche quando il caldo esterno diventa insopportabile. Inoltre il climatizzatore portatile ti consente di evitare i pericoli legati alla disidratazione che possono colpire soprattutto i bambini piccoli e gli anziani, con conseguenze a volte drammatiche. Il climatizzatore split fisso ha senso solamente per chi abita in zone molte calde per la maggior parte dell'anno, anche perché non lo si può smontare quando non serve. Una valida alternativa è rappresentata dalla pompa di calore aria-aria reversibile che offre un maggior comfort di utilizzo.

Non servono lavori in casa per ottenere un ambiente più fresco

Il climatizzatore portatile è la soluzione ideale per risolvere il problema estivo delle stanze che diventano troppo calde. Se invece stai pensando di installare un sistema di climatizzazione fisso, ricorda che dovrai necessariamente forare un muro esterno della casa, predisporre un impianto d'aerazione ad hoc e installare un'unità esterna. Considera però che molte comproprietà si oppongono all'installazione dei climatizzatori sulla facciata del palazzo ; in questi casi la sola scelta disponibile resta il climatizzatore portatile.

Scopri il catalogo ManoMano
Climatizzatori portatili

Gli inconvenienti del climatizzatore

Il climatizzatore presenta anche qualche piccolo inconveniente che è bene conoscere prima di procedere all'acquisto.


alt

Il climatizzatore è rumoroso

Il compressore dei climatizzatori emette un rumore di fondo che può rivelarsi piuttosto fastidioso ; se sei molto sensibile ai rumori potresti rimpiangere di non aver scelto un semplice ventilatore !

Gli apparecchi di climatizzazione portatili emettono un livello sonoro così elevato da non permettere il corretto riposo. Se non vuoi coricarti con i tappi nelle orecchie per soffocare i 65 dB emessi dall'apparecchio in funzione puoi rinfrescare la stanza e spegnerlo prima di metterti a letto.

In commercio puoi trovare delle chiusure in plastica per le finestre con un foro per il passaggio del tubo di scarico del climatizzatore. Questo accessorio ti dispensa dal dover forare il vetro della finestra e mantiene il fresco all'interno della stanza.

Il climatizzatore portatile emette calore

Il climatizzatore produce aria molto calda che deve essere convogliata all'esterno grazie al tubo di scarico dell'aria calda.I climatizzatori portatili non sono adatti per rinfrescare volumi troppo importanti (al massimo 120 m³ per i modelli non professionali), perciò prima di procedere all'acquisto verifica attentamente la capacità di raffreddamento per volume. I prodotti di fascia media ti permettono di raffreddare una stanza fino a 30 m² (ossia 75 m³ circa), perciò dovrai chiudere le porte delle altre stanze che non verranno quindi raffreddate.

Il climatizzatore consuma molta elettricità

Per abbassare la temperatura di una stanza da 32 a 26 gradi il climatizzatore viene sottoposto ad uno sforzo intenso che lo porta a consumare una grande quantità di energia elettrica.

A volte si può essere tentati dall'impostare una temperatura più bassa del necessario nella speranza di ottenere un raffreddamento più rapido. In questi casi, attenzione alla bolletta ! Il climatizzatore infatti ha un funzionamento simile a quello del radiatore elettrico : un termostato rileva la temperatura della stanza e mette in azione il compressore per mantenere la temperatura impostata.

Per risparmiare sui costi scegli i modelli che ti garantiscono il minor consumo possibile, verificando sull'etichetta che appartengano alla classe energetica A.

Dotando la tua casa di un climatizzatore potrai trascorrere piacevolmente anche i mesi più torridi. L'investimento iniziale è abbastanza contenuto e ti permetterà di stare al fresco per parecchie estati ! Se vuoi saperne di più su come rinfrescare o riscaldare la tua casa, segui i consigli dei nostri redattori e scopri i loro consigli :

Scopri il catalogo ManoMano
Radiatore elettrico

Scopri i nostri climatizzatori !

Guida scritta da:

Jennifer, Tuttofare autodidatta, 16 guide

Jennifer, Tuttofare autodidatta

Non ho ricevuto nessuna formazione particolare, ho imparato sul campo quando si è presentata l’occasione. E che soddisfazione poter realizzare da sola i piccoli lavori di casa! Quando ho traslocato, c'era tutto da rifare: dal pavimento al soffitto, dalla cucina al bagno. E così ho imparato a fare tutto e in maniera sempre più professionale. Ora i miei amici mi chiamano quando bisogna tirarsi su le maniche. E si sa, quando si viene coinvolti in qualcosa di bello non si riesce più a smettere. È questa passione che ci fa affrontare le sfide: un’idea in mente e la creazione prende il via con pochi attrezzi. Ma quando si ha una passione la cosa più bella è poterla condividere con gli altri, quindi sarò molto felice se i miei consigli potranno esserti utili!

I prodotti collegati a questa guida